• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Marchetti > L'Editoriale di Marchetti - Ancora attaccanti. Italia, Inghilterra, Serie B: scambi, intrecci e disp

L'Editoriale di Marchetti - Ancora attaccanti. Italia, Inghilterra, Serie B: scambi, intrecci e dispetti

Consueto appuntamento con il nostro editorialista, esperto di mercato di 'Sky'


Luca Marchetti
Luca Marchetti (@LucaMarchetti)

27/01/2016 12:45

CALCIOMERCATO EDITORIALE MARCHETTI ATTACCANTI: ITALIA INGHILTERRA SERIE B / MILANO - Sono sempre loro, inutile cercare di cambiare argomento. L'attaccante in campo ti fa divertire perché fa gol e ti fa vincere. L'attaccante è quello che può cambiare le sorti dell'incontro con una sola giocata. Ed è per questo che l'attaccante è la merce da sempre più richiesta nel calciomercato. Certo: servono anche gli altri, ma il fascino dell'attaccante è ineguagliabile.

E allora partendo dal calciomercato Inter, terza in classifica (in coabitazione) con la Fiorentina, ecco che l'attacco può spostare goi equilibri. La caccia ad Eder ha radici lontane, ma un futuro ancora incerto. Proprio quando l'Inter sta per mettere le mani sul tesoretto cinese ecco che attiva Ranieri a dar fastidio ai nerazzurri. Eder corteggiato dal Leicester. Pronti due milioni e mezzo di euro netti all'anno per lui e 13 milioni (bonus compresi) al giocatore. I suoi procuratori sono in Inghilterra, oggi torneranno in Italia per presentare al giocatore le offerte dei due club. Valuterà lui, tenendo conto del fato che Mancini è ormai sei mesi che lo corteggia. Terrà conto anche della Nazionale e di Conte. Poi deciderà. Almeno ancora 24 ore. Perché poi in mezzo c'è anche la Samp che in qualche modo potrebbe indirizzare le scelte visto che da una parte (al momento almeno) offrono di più.

E la Sampdoria? Si raffredda la pista Paloschi visto che c'è una grande concorrenza su di lui. C'è l'Atalanta che si era spinta fino a 6 milioni di euro più due di bonus. Ma ora è piombata sull'ex milanista lo Swansea: pronti subito 8 milioni di euro (più i soliti bonus per arrivare a 10). E ora Paloschi tentenna al richiamo di Guidolin. E la Samp, dicevamo? Un'idea è Fischer dell'Ajax, per vedere se si riesce a convincere l'Ajax a lasciarlo andare ora a gennaio.

Poi c'è l'altro intreccio: quello Perotti, Roma, Gervinho con una spruzzata di Floro Flores (e Ionita). Perotti, nonostante sia un'operazione chiusa da settimane, non si conclude veramente. Prima pensavamo servisse la partenza dell'ivoriano...ora? Il Genoa si sta innervosendo e questo potrebbe portare anche a delle evoluzioni impreviste sull'asse Roma-Genova. Tanto che i rossoblu per ora hanno bloccato l'arrivo di Floro Flores, proprio subordinandolo alla partenza di Perotti. L'operazione fra società è conclusa, ma al di là delle perplessità di Di Francesco di lasciarlo andare, ora è il Genoa anche che non stringe vista la situazione con la Roma. E Ionita che c'entra? Subordinato anche lui a Perotti (e qui l'Atalanta prova ad inserirsi).

Proprio quell'Atalanta che ora sta cercando una punta: Paloschi, Sylla e Borriello. Uno di questi tre potrebbe vestire il nerazzurro. E il Chievo come lo rimpiazza Paloschi? Sicuramente "promuovendo" sul campo Inglese (prenotato dal Napoli in estate) e poi nel frattempo aveva pensato a Lapadula (ma il Pescara ora non lo molla e poi c'è l'Empoli per giugno) e ora si avvicina a Rosseti (classe 1994) di proprietà Juventus ora a Cesena, che ha appena recuperato dall'infortunio ed è anche tornato al gol. E allora a Cesena potrebbe andare Manaj (ma attenzione al Frosinone che è in vantaggio e che sta prendendo anche Kujovic attaccante del Norrkoping), con un grande classico del mercato: l'ultimo giorno Borriello c'è sempre!

In ultimo una piccola grande storia di mercato. Diagne è il nuovo attaccante dello Sporting Lisbona. Voi direte: che ce ne frega? È una storia curiosa perché il giocatore fino a qualche anno fa era della Juve. Ha iniziato a giocare in Italia nei dilettanti nel Brandizza e nel Bra. I bianconeri lo hanno visto e lo hanno messo sotto contratto. Prima è andato a giocare in Arabia (e la Juventus ha incassato 200mila euro per il prestito). Poi è stato ceduto a titolo definitivo all'Ujpest per altri 200 mila mantenendo però una percentuale di futura rivendita del 50%. Ora che l'Ujpest ha venduto il ragazzo allo Sporting per 1,5 milioni e alla Juve andranno 750 mila euro, oltre ai 400 già incassati nelle scorse stagioni. Un affare, senza aver mai vestito la maglia bianconera!




Commenta con Facebook