• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Coppa Italia > Napoli-Inter, dagli insulti alla possibile squalifica: i rischi di Sarri e il 'rumore dei nemici'

Napoli-Inter, dagli insulti alla possibile squalifica: i rischi di Sarri e il 'rumore dei nemici'

Gli azzurri rischiano di perdere a lungo il proprio allenatore, ma intanto l'ambiente si è compattato intorno a lui


Maurizio Sarri ©Getty Images
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

20/01/2016 13:37

NAPOLI-INTER RIEPILOGO SARRI MANCINI E POSSIBILI CONSEGUENZE / NAPOLI - Oops, I did it again. Maurizio Sarri ci è ricascato, e se qualche anno fa non aveva avuto risonanza mediatica, stavolta il polverone gli si è alzato contro e rischia seriamente di travolgerlo. Già, siamo in pieno gennaio ma per una volta non si parla di calcio e neppure di calciomercato, si parla solo della querelle mediatica sorta ieri a margine di Napoli-Inter. Se ne parla e se ne parlerà, per un po' di tempo le notizie Napoli saranno infarcite di indiscrezioni su ciò che attende mister Sarri dopo l'uscita infelice di ieri. Proviamo a capire cosa può succedere ora a Sarri e al Napoli, dopo le frasi pronunciate dal tecnico azzurro a Mancini durante il match di Coppa Italia. 

I FATTI: L'INSULTO DI SARRI IN NAPOLI-INTER E LA REAZIONE DI MANCINI

Tutto nasce da una fase concitata nel finale di partita. Il quarto uomo sbaglia e scrive sulla lavagnetta 9 minuti di recupero, poi corretti in 5: Mancini protesta con veemenza e Sarri esplode verso il tecnico nerazzurro apostrofandolo con insulti che il collega non digerisce. La reazione di Mancini davanti alle telecamere Rai è furibonda, in sala monta l'indignazione ed inizia il processo mediatico all'allenatore del Napoli. Dal canto suo Maurizio Sarri si scusa per l'insulto a Mancini,  si mostra visibilmente imbarazzato ma anche un po' spiazzato. La serata si chiude con l'ammissione dei giornalisti Rai di aver tralasciato completamente i pur succosi temi della partita per parlare (almeno un paio d'ore) dell'increscioso episodio. Il calcio passa in secondo piano, non si analizza quasi per nulla la partita. E dire che gli argomenti c'erano eccome. La cronaca e gli highligts di Napoli-Inter mettono in luce una partita dura ma corretta, giocata a ritmi bassi ma sempre equilibrata. Una gara che Sarri ha affrontato con un Napoli rimaneggiato senza ricevere una risposta adeguata dai rincalzi, cosa che potrebbe aprire diversi scenari di mercato. E poi c'è l'Inter, la vittoria ritrovata così come il sorriso di Jovetic, a bersaglio con un gran gol. La semifinale come chance per ritrovare un trofeo che farebbe comunque morale, la ritrovata verve in chiave campionato. Tutti argomenti passati in secondo piano dopo la lite mediatica fra i due allenatori. 

LE CONSEGUENZE: COSA RISCHIA SARRI DOPO L'INSULTO A MANCINI

Ora il polverone rischia seriamente di trasformarsi in una frana. Forse non tanto per il Napoli ma di certo per il tecnico toscano. Nel resto d'Italia è tutta una levata di scudi a favore del tecnico dell'Inter, 'TuttoSport' ad esempio prende apertamente le parti del Mancio titolando 'Siamo tutti Mancini'. Sui social è un proliferare di commenti in merito alla vicenda, Sarri e Mancini diventano in brevissimo tempo trend topic, naturalmente c'è chi non perde occasione per prendere in giro o insultare gli avversari con mezzi leciti e illeciti. Vengono fuori poi ulteriori precedenti riguardanti l'ex allenatore dell'Empoli, che proprio quando due anni fa allenava in Toscana si rese protagonista di un episodio analogo, con gli stessi termini ma con una risonanza sicuramente diversa. Stavolta invece si tratta di una vera e propria bufera su Sarri, che ora rischia grosso e potrebbe perdersi diverse partite della sua squadra dalla panchina. Addirittura se venisse confermata l'accusa di razzismo la possibilità è quella di una lunga squalifica, oltre a una bella multa. Un caos che rischia di creare parecchi problemi al Napoli nella corsa scudetto. O forse no. In giornata la maggior parte dei tifosi napoletani si è schierata al fianco del tecnico, accusando Mancini di aver volutamente esasperato i toni e compattando ulteriormente l'ambiente. Il rumore dei nemici, come diceva un certo Mourinho. Sarebbe quantomeno curioso se gli azzurri trovassero ulteriore forza nella corsa al campionato prendendo spunto proprio da un'icona interista. 

 




Commenta con Facebook