• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI ATALANTA-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI ATALANTA-INTER

Murillo e Toloi segnano nella porta sbagliata. Gomez ci prova, Handanovic è un muro


Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

16/01/2016 17:06

ECCO LE PAGELLE DI ATALANTA-INTER

 

ATALANTA

Sportiello 6 – Non si sporca molto i guanti, l’Inter calcia poco verso la sua porta. Incolpevole sull’autorete di Toloi.

Toloi 4,5 – Ljajic da quel lato gli fa capire poco o nulla. Arriva sempre con un attimo di ritardo ed è scoordinato nell’intervento che gli costa l’autogol. Pessima la sua gara.

Masiello 6 – Tiene bene da quel lato Jovetic e sbroglia diverse situazioni intricate. Prestazione sufficiente la sua.

Cherubin 6 – Commette solo una sbavatura, in occasione dell’autogol di Toloi si perde la marcatura di Icardi. Per il resto non commette errori e protegge bene la zona di competenza.

Conti 6,5 – Ha solo 21 anni, ma già tanta personalità. Affronta l’Inter spalle alte e petto in fuori, s’inserisce sempre con i tempi giusti e su quella fascia mette in difficoltà i nerazzurri. Dal 73’ Bellini s.v.

Cigarini 6,5 – Nel primo tempo pensa solo ad orchestrare la manovra. Nella ripresa poi sale sul palco e comincia a suonare anche lui. Tanti i suoi inserimenti proficui, va ad un'unghia dal gol, ma trova sulla sua strada un Handanovic strepitoso.

De Roon 6 – Rompe il gioco avversario e mostra di avere anche buona tecnica individuale. Il suo apporto in entrambe le fasi è determinante per gli orobici.

Kurtic 5,5 – Non una gran partita da parte sua, gioca quasi a nascondino, tocca pochi palloni e sembra avulso dal match. Dall’82’ Migliaccio s.v.

Dramé 7 – In maniera straripante affonda nella difesa dell’Inter come un coltello caldo nel burro. Poco dopo il quarto d’ora con un’azione in solitaria costringe Murillo all’autogol. Grandissima prestazione per lui.

Monachello 6,5Il giovanissimo attaccante nerazzurro prende il posto di Denis che scivola in panchina. Si muove bene e mette in grande apprensione Murillo, che sbaglia più di un intervento in marcatura su di lui. Tante anche le sponde interessanti per i compagni. Nel finale, forse troppo stanco, cestina una clamorosa palla gol.

Gomez 7 – Sguscia su quella fascia e mette interessanti cross al centro. Per gran parte del match agisce sull’out sinistro mettendo spesso a sedere D’Ambrosio. Spacca la partita con le sue improvvise accelerate. Semplicemente fondamentale. Dall’85’ Diamanti s.v.

All. Reja 6,5 – L’Atalanta parte fortissimo e mette in difficoltà l’Inter grazie all’autogol di Murillo. Gli orobici, soprattutto grazie ai propri giovani (Conti e Monachello su tutti), danno filo da torcere ai ragazzi di Mancini. Peccato per la sbavatura di Toloi, che ha riportato i nerazzurri sul pareggio, nel complesso comunque ottima gara per l’Atalanta.

 

INTER

Handanovic 7,5 – L’Atalanta spinge subito il piede sull’acceleratore e lui si fa trovare pronto con ottimi interventi. Sull’1-1 è grandioso nel disinnescare in angolo la bomba di Monachello. Nella ripresa è nuovamente miracoloso su Toloi. Poco dopo fa una parata alla Benji Price su Cigarini. Maestoso.

D’Ambrosio 5 – Su quell’out arriva sempre in ritardo su Gomez, che quando non lo salta riesce comunque a guadagnarsi almeno una punizione. Anche nell’azione dell’autogol di Murillo si fa pescare fuori posizione.

Miranda 5,5 – Commette qualche sbavatura di troppo che consegna la palla all’Atalanta. Così come il compagno di reparto, soffre i ritmi alti imposti al match da parte degli orobici.

Murillo 4 – Sembra fuori fase, ci capisce poco o nulla su Monachello, che gli spunta sempre alle spalle. Con uno sciagurato intervento beffa Handanovic portando, di fatto, in vantaggio l’Atalanta. La sua gara è una collezione di errori di rara fattura. La sua peggiore partita da quando è in Italia.

Telles 6 – Da quel lato si ritrova un Conti voglioso di dimostrare di essere all’altezza della situazione. Non si spinge mai in avanti e pensa principalmente a difendere. Non commette comunque sbavature e strappa la sufficienza. Dal 70’ Biabiany 6 – Sulla destra si rende protagonista di qualche buona accelerazione. In fase passiva, invece, non riesce a tenere Gomez.

Guarin 5 – Non riesce ad uscire dai blocchi con i tempi giusti per andare a tamponare lo straripante Dramé di quest’oggi. Non all’altezza della situazione. Dal 58’ Perisic 5,5 – Non riesce a dare una svolta al match e resta troppo sulle sue.

Medel 5 – In teoria dovrebbe fare filtro davanti alla difesa, ma raramente riesce a recuperare palla.  I centrocampisti dell’Atalanta hanno sempre una marcia in più.

Brozovic 6,5 – Recupera qualche buon pallone. Di tanto in tanto prova l’inserimento, sfiorando anche il gol. Con appoggi veloci e precisi fa ripartire i suoi. Buona la sua gara.

Ljajic 5,5 – Sfrutta la poca lucidità di Toloi per saltarlo e creare lo scompiglio nell’area avversaria, ma sbaglia sempre nell’ultimo tocco.

Icardi 6 – Svaria su tutto il fronte d’attacco e spesso si allarga per lasciare spazio ai compagni per inserirsi. Propizia l’autogol di Toloi con un traversone teso.

Jovetic 6 – Comincia la gara un po’ sottotono, poi lentamente cresce e dialoga bene con i compagni. Gara sufficiente. Dall’84’ Palacio s.v.

All. Mancini 5,5 – L’Inter parte malissimo e soffre tantissimo la verve dei giocatori orobici, che trovano la rete grazie all’autogol di Murillo. I nerazzurri si appoggiano alle proprie individualità, con Icardi, Jovetic e Brozovic che provano a creare qualche grattacapo a Sportiello. Grazie all’autorete di Toloi, gli uomini di Mancini riacciuffano il pareggio, ma in termini di prestazione è un passo indietro rispetto la gara contro il Sassuolo.

 

Arbitro Rizzoli 7 – Un arbitro all’altezza della situazione. La gara è bellissima, ma anche velocissima e lui è sempre sul pezzo seguendo sempre l’azione. Unica sbavatura, se proprio vogliamo trovare il pelo nell’uovo, la mancata ammonizione a Telles al 60’ per un fallo di mano.

 

TABELLINO

ATALANTA-INTER 1-1

Atalanta (3-5-2): Sportiello; Toloi, Masiello, Cherubin; Conti(dal 73’ Bellini), Cigarini, De Roon, Kurtic(dall’82’ Migliaccio), Dramé; Monachello, Gomez(Dall’85’ Diamanti). A disp.: Raimondi, Estigarribia, Bassi, D’Alessandro, Denis, Brivio, Kresic, Radunovic. All. Reja.

Inter (4-3-3): Handanovic, D'Ambrosio, Miranda, Murillo, Telles(dal 70’ Biabiany); Guarin(dal 58’ Perisic), Medel, Brozovic; Ljajic, Icardi, Jovetic(dall’84’ Palacio). A disp.: Nagatomo, Santon, Gnoukouri, Carrizo, Manaj, Ranocchia, Juan Jesus, Kondogbia, Montoya. All. Mancini.

Arbitro: Nicola Rizzoli di Bologna

Marcatori: 18’ aut. Murillo (I), 25’ aut. Toloi (A)

Ammoniti: 14’ Toloi (A), 36’ Jovetic (I), 40’ Gomez (A), 44’ Guarin (I), 50’ Monachello (A), 53’ Brozovic (I), 62’ D’Ambrosio (I), 82’ Biabiany (I), 93’ Cigarini (A)

Espulsi:




Commenta con Facebook