• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, Luiz Adriano saluta e Mihajlovic resta: ora Galliani cerca rinforzi

Calciomercato Milan, Luiz Adriano saluta e Mihajlovic resta: ora Galliani cerca rinforzi

I rossoneri incasseranno 15 milioni per la cessione del brasiliano e punteranno ad un centrocampista


Mihajlovic © Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

14/01/2016 15:00

CALCIOMERCATO MILAN MIHAJLOVIC GALLIANI / MILANO – Grande fermento dalle parti di Milanello: il calciomercato Milan ha subito un'improvvisa e sorprendente accelerata con la cessione di Luiz Adriano in Cina. Un trasferimento che farà incassare 15 milioni di euro circa alla società rossonera, da riutilizzare nella sessione invernale del mercato. Un tesoretto che permetterà ad Adriano Galliani di muoversi con un po' più di libertà nelle trattative di gennaio, per assicurare a Mihajlovic (la vittoria contro il Carpi ha reso più stabile la posizione del tecnico) una rosa in grado di poter dar vita alla rimonta in classifica. Dopo la cessione di Luiz Adriano e la conferma di Mihajlovic, vediamo quali potrebbero essere i prossimi movimenti del calciomercato Milan.

LUIZ ADRIANO IN CINA, PER IL MILAN UN TESORETTO INASPETTATO

Una vera e propria sorpresa: quando due giorni fa si è saputo dell'offerta cinese per l'attaccante brasiliano nessun poteva immaginare che uno dei colpi del calciomercato estivo dei rossoneri potesse fare subito le valigie. Invece per 15 milioni di motivi (più gli otto circa che andranno ogni anno al giocatore), Luiz Adriano  ha lasciato il Milan, come raccontato in un'esclusiva di Calciomercato.it. Una scelta ponderata da entrambe le parti e che si basa soprattutto su basi economiche: la ricca plusvalenza che la cessione dell'ex Shakthar permetterà di fare al club di Silvio Berlusconi è stata una motivazione molto valida per accettare la proposta cinese. Ora con i 15 milioni circa che finiranno nelle casse societarie, il Milan potrà finanziare un calciomercato che dovrà per forza di cose assicurare qualche nuovo innesto a Mihajlovic che, dopo aver ottenuto la qualificazione alle semifinali di coppa Italia, sente un po' più sicura la sua posizione e vede avvicinarsi anche la possibilità di acciuffare il pass almeno per la prossima Europa League.

DUBBIO EL SHAARAWY, SOGNO WITSEL: GALLIANI LAVORA PER IL NUOVO MILAN

Obiettivo numero uno del Milan resta quell'Axel Witsel già lungamente inseguito senza successo in estate. Con lo Zenit, nella sessione estiva della compagna trasferimenti, i contatti sono stati frequenti, senza però mai arrivare a un'intesa per il trasferimento in Italia del centrocampista belga, a causa delle elevate richieste dei russi. Ora le cose non sono cambiate: Adriano Galliani ha sì 15 milioni in più da spendere, ma lo Zenit San Pietroburgo non è intenzionato a cedere Witsel ora, se non davanti ad un'offerta di 35 milioni di euro. Una cifra che difficilmente il Milan accetterà di sborsare: ecco perché si guardano altre strade, come quella che porta a Fellaini del Manchester United o Banega del Siviglia. Tutti centrocampisti, perché è lì, nel reparto centrale del campo, che i rossoneri hanno deciso di intervenire in maniera importante. Non in attacco dove, nonostante la partenza di Luiz Adriano, la rosa a disposizione di Mihajlovic offre comunque delle alternative: Bacca e Niang in questo momento sono i titolari, ma alle loro spalle c'è Balotelli che è tornato a disposizione e presto ci sarà anche Menez, ormai sulla via del pieno recupero. Nel reparto offensivo poi potrebbe anche esserci il ritorno di El Shaarawy: scaricato dal Monaco, il 'Faraone' è destinato a tornare a Milanello. Per restare o andare via non è ancora chiaro: la Roma è sempre vigile,  l'intesa di massima era già stata trovata prima del cambio in panchina, ma non è da escludere che l'ex Genoa possa restare a disposizione del tecnico rossonero, garantendo un'alternativa in più sia in attacco che come sostituto di Bonaventura. Niente attaccante quindi, sarà un centrocampista la scintilla per provare accendere la luce in casa Milan




Commenta con Facebook