• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, rebus terzini: Nagatomo e D'Ambrosio scalano le gerarchie

Inter, rebus terzini: Nagatomo e D'Ambrosio scalano le gerarchie

Il giapponese e l'italiano hanno giocato titolare le ultime due partite


Yuto Nagatomo ©Getty Images
Martin Sartorio (Twitter: @SartorioMartin)

13/01/2016 18:47

INTER MANCINI NAGATOMO D'AMBROSIO TELLES SANTON/ ROMA - Roberto Mancini in questa stagione ha cambiato praticamente ogni giornata la formazione titolare. Solo domenica contro il Sassuolo il tecnico dell'Inter ha riproposto gli stessi undici che avevano battuto l'Empoli il sei gennaio. Prendendo in considerazione il reparto difensivo è facile notare come i nerazzurri non rinunciano mai - salvo squalifiche o infortuni - alla coppia centrale sudamericana Murillo-Miranda. A cambiare spesso sono, invece, i due terzini anche se ultimamente sono soprattutto in tre a scendere in campo. Yuto Nagatomo e Danilo D'Ambrosio, dopo un avvio complicato, fatto per entrambi di tante panchine, sembrano aver scalato le gerarchie e non è un caso che sono coloro che hanno giocato dal primo minuto le ultime due gare. A scendere in campo spesso, è stato anche il brasiliano Telles, voluto all'Inter proprio da Mancini.

Chi scende nelle gerarchie è certamente Davide Santon. L'italiano, partito titolare ad inizio stagione, da ottobre complice anche un infortunio, ha giocato solo una partita. Chi, invece, non è stato praticamente mai preso in considerazione da Mancini è Montoya. L'ex Barcellona, che in estate sembrava poter diventare il titolare della nuova Inter, ha giocato solamente due match Nemmeno un minuto, infine, per Dodò. E' evidente che per il brasiliano il futuro, così come per lo spagnolo, sarà lontano da Milano, salvo clamorose novità. D'altronde con Mancini le sorprese sono sempre dietro l'angolo.




Commenta con Facebook