• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > esclusivo > Calciomercato Roma, ESCLUSIVO Trapattoni: "Spalletti come Capello e Mancini. Il mio no a Zamparini..

Calciomercato Roma, ESCLUSIVO Trapattoni: "Spalletti come Capello e Mancini. Il mio no a Zamparini..."

L'ex CT azzurro, ai microfoni di Calciomercato.it, parla del ritorno del tecnico toscano in giallorosso e dell'ipotesi Palermo


Trapattoni © Getty Images
ESCLUSIVO
Giorgio Elia

13/01/2016 15:50

CALCIOMERCATO ROMA ESLCUSIVA TRAPATTONI SUL RITORNO DI SPALLETTI / ROMA - La Roma riparte da Luciano Spalletti. Salutato Rudi Garcia, il club giallorosso proverà adesso a risollevarsi affidando la panchina a uno degli allenatori più vincenti dell'ultima parte della sua storia. In esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it, Giovanni Trapattoni commenta così il ritorno del tecnico toscano sulla panchina dei capitolini: "Spalletti conosce l'ambiente e questo è molto importante. L'esperienza maturata all'estero poi, lo avrà certamente arricchito perché è un tassello molto importate nella carriera di un allenatore, che permette di scoprire la natura eterogenea dei calciatori. Senza troppa presunzione, gli allenatori italiani hanno sempre una marcia in più nel portare avanti determinati progetti. Stimo molto Spalletti al pari di  Capello, Prandelli e Mancini e quindi penso che il suo ritorno possa esser importante".


Zamparini la voleva a Palermo come presidente. Lei però ha detto di no...
"Quella di Zamparini è stata una lunsinghiera proposta, che mi ha sorpreso e devo dire commosso. Il presidente è un grande intenditore di calcio e poter lavorare al suo fianco con un incarico presidenziale, devo dire che sarebbe stata una grande opportunità per me. Al momento per,ò ho degli impegni personali a Milano nella gestione di alcuni beni immobiliari con la mia famiglia. Per modo di intendere il mio lavoro, se prendo un impegno sono abituato a dar tutto me stesso e in questo periodo della mia vita non potevo lasciar tutto e andare via. Se mi ha offerto la panchina? No, non abbiamo parlato di ruolo da allenatore".


Ipotesi Palermo dunque definitivamente tramontata?
"Beh porta chiusa no, magari potremo riparlarne. In questo momento, questi impegni mi frenano un pò, anche se non nascondo che continuo a pensare alla possibilità di far coincidere entrambe le cose. Poter lavorare con Zamparini con un incarico alla Boniperti mi piacerebbe molto, cosi come poter ricoprire un ruolo in una città come Palermo che mi ha sempre affascinato".


Zamparini che intanto sorprende tutti e affida la panchina a Schelotto...
"Io penso che Zamparini abbia dimostrato negli anni di aver un certo sesto senso, sia per quanto concerne i calciatori che per gli allenatori. Credo che Schelotto debba avere l'intelligenza di fidarsi anche del bagaglio di competenze del suo presidente, un po' come fatto da Thohir al'Inter con Mancini".


Napoli campione d'inverno. Lo scudetto può divenire una realtà?
"Il Napoli è una grande realtà. Ha un ottimo organico guidato da un grande allenatore. Ai tempi di Ferlaino sono stato più volte vicino al Napoli e devo dire che la crescita negli anni di questa realtà calcistica, è sotto gli occhi di tutti. Sarri è un saggio ed è consapevole che il periodo più difficile sarà quello tra marzo e aprile, ma sono convinto che saprà mantenere il proprio gruppo con i piedi per terra".




Commenta con Facebook