• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > esclusivo > Palermo, ESCLUSIVO Izquierdoz: "Zamparini e Schelotto forti personalità, riusciranno a convivere. M

Palermo, ESCLUSIVO Izquierdoz: "Zamparini e Schelotto forti personalità, riusciranno a convivere. Mi piacerebbe seguirlo"

L'ex difensore del Lanus ai microfoni di Calciomercato.it sul nuovo allenatore rosanero


Guillermo Barros Schelotto ©Getty Images
ESCLUSIVO
Giorgio Elia

12/01/2016 12:13

CALCIOMERCATO PALERMO ESCLUSIVO IZQUIERDOZ SU SCHELOTTO / PALERMO - Il Palermo ripartirà da Giullermo Barros Schelotto. Chiuso l'interregno Ballardini, il club di viale del Fante verrà guidato dall'ex tecnico del Lanus, autentica leggenda del Boca Juniors da calciatore. In esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it il difensore Carlos Izquierdoz descrive proprio Schelotto, tracciando un quadro di quello che è stato il suo allenatore per due stagioni al Lanus: "Guillermo è un allenatore che ama esser identificato con il calcio offensivo. Ha un'idea chiara di calcio che mantiene sempre ed è semplice per un calciatore seguirlo. Ha una mentalità vincente che riesce a trasmettere al gruppo che allena".


Cosa chiede Schelotto alla sua squadra?
"E' un allenatore molto esigente, che chiede molta pressione alla sua squadra nella metà campo avversaria. Non concentra molto l'attenzione sul possesso palla ma soprattutto sull'intensità di gioco e immediatezza da parte dei suoi calciatori nell'attaccare gli spazi. Proprio per il grande lavoro che chiede ai suoi calciatori, per Schelotto è molto importante la figura del suo preparatore atletico".


E dal punto di vista tattico, cosa dovremo attenderci?
"Il suo sistema di gioco preferito è il 4-3-3. Importante in tal senso è il ruolo di quelli che noi in Argentina identifichiamo come "volanti" e che si può ricondurre nel calcio europeo nell'interno di centrocampo. Questi giocatori devono avere la forza di recuperare il pallone e di proporsi subito in avanti"


Secondo lei è pronto per questo genere di avventura in Italia?
"Io penso che Schelotto può portare idee nuove nel calcio italiano e a sua volta può ottenere tanto dalla sua nuova casa professionale. Il suo stile di gioco è abbastanza semplice e non credo possa incontrare difficoltà a inserirsi nel calcio in Italia. Avevo capito che per lui fosse arrivato il momento di sbarcare in Europa, ma non pensavo andasse fin da subito in Italia. Tra l'altro sapevo di offerte anche da parte di club importanti negli Stati Uniti e in Messico, ma lui voleva a tutti i costi arrivare in Europa".


Riuscirà secondo lei a 'sopravvivere' al mangia allenatori Zamparini?
"Io conosco molto bene Guillermo e la sua forte personalità. Devo dire che anche in Argentina ormai conosciamo Zamparini e il suo rapporto con gli allenatori. Io credo però che entrambi siano due intenditori di calcio e nonostante si vadano a incontrare due forti personalità, resto dell'idea che riusciranno a lavorare bene insieme con ottimi risultati"


Magari la chiamerà al Palermo per la prossima stagione...
"Devo dire che con Schelotto ho raggiunto il punto più alto della mia carriera e della mia crescita professionale. Non nascondo che mi piacerebbe lavorare ancora con lui. Seguirlo a Palermo sarebbe molto bello cosi come giocare nel calcio italiano rappresenterebbe un sogno che si realizza".




Commenta con Facebook