• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Ilicic da campione, Helander spaesato

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Ilicic da campione, Helander spaesato

Top e Flop della 18a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Josip Ilicic ©Getty Images
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

07/01/2016 07:30

PAGELLONE SERIE A 18A GIORNATA ILICIC HELANDER / PALERMO – Le squadre in vetta salutano il 2016 quasi tutte con una vittoria, unica eccezione la Roma, che si fa bloccare dal Chievo nel finale con un pirotecnico 3-3. Continua a collezionare vittorie la Juventus, che con un Dybala mostruoso affossa il Verona di un Helander fuori fase. Bene anche la Sampdoria nel derby, grazie ad una doppietta di Soriano stende il Genoa di un opaco Lazovic. Ancora in vita la favola Fiorentina, con Ilicic che trafigge il Palermo di un malcapitato Goldaniga. La Lazio, invece, raccoglie solo un pareggio contro il Carpi: continua a mancare l’apporto di Felipe Anderson. Stessa sorte per il Milan che viene fermato da un Mirante straordinario contro il Bologna. Il Sassuolo, invece, inciampa nel Frosinone a causa di una giornata no del proprio portiere. Infine, il Napoli porta a casa il primo successo dell’anno contro il Torino grazie ad un Lorenzo Insigne semplicemente magnifico.

 

TOP

 

5. Mirante (Bologna) – Il Bologna dall’avvento di Donadoni sembra essere diventato una macchina da gol e da punti, ma certamente c’è anche lui tra i segreti della rinascita felsinea. I rossoblù escono vincitori dal ‘Meazza’ anche grazie alle sue fantastiche parate. Blocca il risultato sullo 0-0 e poi aspetta un gol dei compagni, che alla fine arriva. VOTO 7,5

 

4. Dybala (Juventus) – A Torino già si sono quasi tutti dimenticati di Tevez. Dopo un inizio zoppicante, il giovane argentino ha letteralmente stregato il pubblico bianconero. Contro il Verona realizza la nona sinfonia del suo campionato, questa volta da palla inattiva e regala a Bonucci l’assist per il 2-0. Semplicemente irresistibile con la palla tra i piedi. VOTO 7,5

 

3. Insigne (Napoli) – Sta urlando a Conte che vuole assolutamente esserci ad Euro 2016. Con un pallonetto eccezionale beffa Padelli e poi con una magia mette Hamsik davanti alla porta per la rete del 2-1. Tra i migliori giocatori italiani del momento, il piccolo Lorenzo ha finalmente trovato quella continuità che tanto latitava nelle passate stagioni. Semplicemente magnifico. VOTO 7,5

 

2. Soriano (Sampdoria) – Dopo il mancato arrivo alla corte di Sarri nell’ultimo giorno di mercato sembrava già tutto compromesso per lui. Molti addetti ai lavori erano pronti a scommettere su una stagione sottotono. Il centrocampista blucerchiato, invece, sta disputando la sua migliore annata in carriera. Nel derby stende il Genoa con una grande doppietta. ‘Marassi’ è ai suoi piedi. VOTO 8

 

1. Ilicic (Fiorentina) – Il talento, quello, c’è sempre stato, ora però c’è anche la continuità e si può cominciare ad affiancare la parola campione allo sloveno. Stende la sua ex squadra con una doppietta. La cura Sousa ha avuto effetti positivi anche su di lui, ora crede più in se stesso e prova con maggiore frequenza la giocata complicata. Rivitalizzato.  VOTO 8

 

FLOP

 

5. Lazovic (Genoa) – Non si mette mai in luce e cestina incredibilmente una palla gol con Viviano già a terra. Il Genoa è in caduta libera anche per colpa della scarsa vena offensiva dei propri attaccanti. Chiamato a sostituire Perotti, il serbo delude tutti. VOTO 4

 

4. Goldaniga (Palermo) – Nel primo tempo è disastroso. Prima si fa saltare con troppa facilità da Ilicic in occasione del primo gol viola, poi consegna allo stesso sloveno la palla del 2-0. Gara semplicemente da dimenticare per lui. Le tante sirene di mercato lo stanno probabilmente distraendo. VOTO 4

 

3. Consigli (Sassuolo) – Il Frosinone calcia poco verso la porta del Sassuolo, ma i nero-verdi sembrano giocare senza estremo difensore. Davvero clamoroso l’errore del portiere sul gol di Dionisi. Di solito uomo in più degli emiliani, quest’oggi assente ingiustificato. VOTO 4

 

2. Felipe Anderson (Lazio) – Scende in campo il fratello gemello che non ha mai giocato a calcio. Tira sempre indietro la gamba, non ci mette cattiveria e non riesce ad incidere sul match. Per lui, dall’’Olimpico’ solo fischi. Se la Lazio vuole risalire la china ha bisogno di lui. Così non va.  VOTO 4

 

1. Helander (Verona) – Gli scaligeri sembrano autocondannarsi giornata dopo giornata alla retrocessione. Protagonista in negativo in tutte le marcature bianconere, il difensore gialloblù prima concede a Dybala la punizione da dove scaturisce l’1-0, poi si perde Bonucci in occasione del raddoppio e, infine, non legge il movimento di Zaza che fa il tris. Bisogna reimpostare il navigatore, questa è la strada giusta per la Serie B. VOTO 4

 


 




Commenta con Facebook