• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli-Torino, Sarri: "Volevo più cattiveria. Mercato? Parlo sempre con Giuntoli"

Napoli-Torino, Sarri: "Volevo più cattiveria. Mercato? Parlo sempre con Giuntoli"

L'allenatore dei partenopei ha parlato dopo la vittoria del 'San Paolo'


Maurizio Sarri ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

06/01/2016 23:36

CALCIO SERIE A NAPOLI TORINO SARRI / NAPOLI - Maurizio Sarri è intervenuto ai microfoni di 'Sky Sport' per commentare la vittoria casalinga del suo Napoli con il Torino, che proietta i partenopei al secondo posto. Queste le dichiarazioni dell'allenatore: "Mi sarebbe piaciuto vedere più cattiveria nel chiudere la partita anche se nel primo tempo meritavamo di fare più gol. Abbiamo risentito anche dei carichi di lavoro inevitabili perché dovevamo intervenire dal punto di vista fisico. Avrei voluto vedere meno gestione del risultato. Allan e David Lopez? Ha giocato David perché con Valdifiori c'era meno presenza difensiva e ho preferito dare più fisicità. Festeggiamento? Non ho visto il postpartita".

CENTROCAMPO - "Abbiamo fatto 25 partite: 11 da titolare per Valdifiori e 14 Jorginho, la differenza è abbastanza limitata".

GOL DI INSIGNE - "L'azione è stata bella, se la stessa si conclude con un tiro in curva nessuno se la ricorda. Si è conclusa con una prodezza di Lorenzo che rivaluta la manovra dal nascere. Tirare fuori Higuain per far inserire gli esterni l'avevamo provato. Un tiro di questo tipo sfido chiunque a dire che l'ha provato in allenamento".

GESTIONE RISULTATO - "Contro l'Inter avevamo rischiato di più, stasera abbiamo gestito bene ma avrei preferito provare a chiuderla con cattiveria".

ROSA E MERCATO- "Abbiamo Gabbiadini che si è immolato alla causa della Nazionale, sta meglio ma non benissimo. Qualche ragazzo è in crescita. Per me il mercato durerebbe 48 ore, tanto si fa tutto nelle ultime cinque. Il presidente non mi deve dare spiegazioni, come ruoli dovrei essere io a tranquillizzare lui. Il direttore sportivo si confronta con me tutti i giorni".

 




Commenta con Facebook