• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, Mauricio: "In questo 2016 dobbiamo rialzarci e pensare in grande. Sul derby..."

Lazio, Mauricio: "In questo 2016 dobbiamo rialzarci e pensare in grande. Sul derby..."

Il difensore brasiliano parla anche del derby e del sogno di indossare la maglia verdeoro


Mauricio © Getty Images

05/01/2016 13:10

MAURICIO SUGLI OBIETTIVI DELLA LAZIO / ROMA - Dopo un inizio di campionato altalenante, la Lazio ha chiuso il proprio 2015 col botto, battendo a 'San Siro' la capolista Inter. Ora l'obiettivo è ripetere la splendida cavalcata che dodici mesi fa ha permesso alla truppa di Pioli di centrare un insperato terzo posto.

“La squadra è la stessa che si è qualificata in Europa, abbiamo avuto un grande cammino, l’idea è di fare bene anche nel 2016. In campionato vogliamo rialzarci. Per scrollarsi di dosso certi pensieri dobbiamo pensare e agire in grande. Alleniamo la mente per poi andare sul campo e fare del nostro meglio", ha dichiarato Mauricio ai microfoni di 'Espn Brasile'. 

Dal suo sbarco in Italia, però, il brasiliano si è fatto notare principalmente per l'enorme quantità di cartellini rimediati: ben 17 ammonizioni in 32 presenze con la maglia biancoceleste. "Nel complesso, gli arbitri hanno gli stessi criteri - ha proseguito Mauricio spiegando la differenza tra Brasile ed Europa - Ciò che cambia un po’ è il modo di interpretare la partita. In Italia e in Portogallo gli arbitri sono inflessibili, a loro di solito non sfugge nulla. Parlando di cartellini, rivedo sempre le mie prestazioni per cercare di non rifare gli stessi errori e migliorarmi. Credo che alcuni provvedimenti presi nei miei confronti siano stati esagerati, ma comunque io provo sempre ad essere cauto negli interventi”.

Inoltre, fin qui c'è un'altra macchia nella sua esperienza nella Capitale: non essere ancora riuscito a vincere un derby: "Certamente è una partita a sé, unica - ha spiegato il numero 33 laziale - Non mi era mai capitato di giocare un match così. La rivalità si percepisce molto, in città si respira un clima diverso, i tifosi cominciano a parlare della partita con un mese di anticipo e quest’atmosfera si trasmette anche a noi giocatori. Io esco rafforzato da questo tipo di incontri e l’importanza del match mi spinge a dare tutto me stesso in campo. Anche se l’esito dell’ultimo derby non ce lo aspettavamo”.

In chiusura Mauricio ha svelato il sogno di indossare la casacca verdeoro: "Sono abituato a vivere giorno per giorno, senza ansia. Ora penso a chiudere il girone d’andata con la Lazio e riuscire ad essere uno dei migliori difensori. Alla fine dell’anno vedremo se ci saranno altri piani. Voglio tornare ad altri livelli e ricordare al ct del Brasile che ci sono anche io. Sarebbe bello difendere i colori del mio Paese”.

D.G.




Commenta con Facebook