• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Raiola: "Balotelli miglior attaccante italiano, ma c'è razzismo. Klopp..."

Milan, Raiola: "Balotelli miglior attaccante italiano, ma c'è razzismo. Klopp..."

L'agente del calciatore rossonero parla del possibile ritorno al Liverpool


Mario Balotelli © Getty Images
Matteo Torre (@torrelocchetta)

01/01/2016 22:22

MILAN RAIOLA BALOTELLI RAZZISMO KLOPP LIVERPOOL / LONDRA (Inghilterra) - Mino Raiola torna a parlare di Mario Balotelli. L'agente italo-olandese ha dichiarato a 'skysports.com': "Teoricamente e stando alla legge, Mario può tornare al Liverpool. Il suo cartellino appartiene ai 'Reds' quindi a fine stagione dovrebbe tornare. Non so se Klopp abbia un piano o meno per lui, non ho parlato né col tecnico né col club inglese di questo: penso che sia troppo presto. Se Mario farà quel che deve fare forse cambierà la visione su di lui. Siamo dovuti andare via perché non c'era possibilità di crescere con Brendan Rodgers. Se parliamo della qualità e del talento che Mario ha, non è in discussione. Poi serve anche un allenatore che creda in lui e gli dia la possibilità di provare il suo valore. Gli parleremo quando sarà il momento".

"BALOTELLI E' IL MIGLIORE" - "Conte dovrebbe chiamarlo perché è il miglior attaccante italiano. Enzo Bearzot convocò Paolo Rossi nel 1982 nonostante la sua inattività e con lui vinse il Mondiale. Sono certo che Mario conquisterà Conte con le sue gare e i suoi gol per il Milan".

RAZZISMO - "La gente giudica troppo Balotelli e penso che sia perché vive in un Paese che non è pronto ad avere un calciatore nero così forte. L'Italia è anni luce alle spalle di altri Paesi in questa forma di rispetto. C'è razzismo nel gioco: parte di esso è involontario, ma i calciatori neri devono fare il doppio degli altri per provare quanto valgano".




Commenta con Facebook