• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Fiorentina, Rodriguez: "Conserviamo lo stile di Montella. In futuro vorrei..."

Fiorentina, Rodriguez: "Conserviamo lo stile di Montella. In futuro vorrei..."

Il capitano viola ha commentato la stagione in corso


Gonzalo Rodriguez ©Getty Images

01/01/2016 12:43

FIORENTINA RODRIGUEZ MONTELLA SOUSA KALINIC ROSSI BERNARDESCHI NAPOLI JUVENTUS INTER / FIRENZE - Al suo primo anno a Firenze Sousa sta ottenendo grandi risultati, disputando dall'inizio della stagione un campionato al vertice della classifica. Ecco il commento del periodo viola da parte di una delle colonne della squadra, Gonzalo Rodriguez: "Questo 'miracolo' è nato nel primo giorno di ritiro. - ha dichiarato a 'Premium Sport' - La voglia di far bene si è vista fin da subito. Vincere poi contro il Milan alla prima giornata ci ha invece fatto rendere conto della nostra forza".

MONTELLA-SOUSA - "La Fiorentina ha conservato lo stile di gioco di Montella. Quando arrivò lui dovette partire da zero. Sousa è riuscito a dare continuità a quell'idea, aggiungendo però più grinta, soprattutto in fase difensiva. Montella però mi ha aiutato tantissimo e sono legato a lui. Mi è dispiaciuto il suo addio, ma il calcio è così. L'ho sentito recentemente. Gli ho fatto gli auguri per la sua nuova avventura".

SERIE A - "Il calcio spagnolo è più veloce. Quello italiano invece più tattico. Questo rende più facile il mio ruolo, forse meno quello di un attaccante. Tra i migliori attaccanti metto Higuain, che è fortissimo, ma anche l'attacco della Roma è temibile. Per i difensori invece dico Chiellini, anche se è difficile scegliere".

RINNOVO - "Sono felice d'aver prolungato fino al 2017. La società crede in me, e questo è un premio. Inoltre portare la fascia da capitano è un orgoglio, oltre che una responsabilità, ma resta un dettaglio. E' importante aiutare il gruppo. Nello spogliatoio abbiamo 4-5 leader, anche se non indossano la fascia".

RIVALI - "Non meritavamo la sconfitta contro Napoli, Juventus e Roma. Avevamo giocato bene, ma forse ci manca ancora la capacità di chiudere le partite. Tendiamo a offendere sempre. Contro l'Inter invece abbiamo capito di poter lottare fino alla fine. Loro sono in testa con merito. La Juventus invece non è mai stata fuori dai giochi. Credo che, con il Napoli, sia la squadra più forte. Dybala credo possa diventare un fuoriclasse, ma non un nuovo Messi".

ROSA - "Kalinic mi ha stupito. E' arrivato quasi da sconosciuto, lavorando sodo per il gruppo. E' un grande bomber. Per la prima volta Rossi ha ritrovato un po' di continuità, e credo possa tornare quello di prima. A volte in casi del genere il vero blocco è mentale. Bernardeschi ha grande talento, ma è un ragazzo tranquillo. Sa che deve migliorare attraverso il lavoro. Tatarusanu ha salvato tante gare. Ora gli scettici non possono più dire nulla".

OBIETTIVI - "Non possiamo ancora fissare degli obietivi. Si ragiona gara dopo gara. Abbiamo sfiorato la vittoria di qualche trofeo in passato, e sappiamo che dovremo lavorare per farcela quest'anno. In questa stagione siamo forti e il sogno è concreto".

FIRENZE A VITA - "Sono molto legato alla squadra e alla città, ma nel calcio non si sa mai. La gente sa quanto io tifi San Lorenzo. Un giorno vorrei tornare".

L.I.




Commenta con Facebook