• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > Calciomercato Serie A, extracomunitari tesserabili: la situazione delle 'big' italiane

Calciomercato Serie A, extracomunitari tesserabili: la situazione delle 'big' italiane

Fiorentina, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli e Roma: ecco chi può comprarli a gennaio


Jonathan Calleri © Getty Images

30/12/2015 09:20

CALCIOMERCATO SERIE A EXTRACOMUNITARI TESSERABILI A GENNAIO LA SITUAZIONE DELLE BIG ITALIANE / ROMA - Il calciomercato invernale è ormai alle porte e le squadre italiane hanno già attivato i loro uomini-mercato alla ricerca del rinforzo giusto per la seconda parte di stagione. Resta da sciogliere il nodo 'extracomunitari': non tutti i club, infatti, possono acquistare a gennaio un calciatore non provvisto di passaporto comunitario proveniente dall'estero.

Innanzitutto, preme ricordare chi è considerato calciatore extracomunitario: sono quelli nati in paesi DIVERSI da Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Città del Vaticano, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Galles, Germania, Grecia, Ungheria, Inghilterra, Irlanda, Irlanda del Nord, Islanda, Italia, Lettonia, Lichtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, San Marino, Scozia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera.

Ecco cosa dice il regolamento:

- Le squadre con più di due giocatori extracomunitari tesserati a titolo definitivo alla fine dell’annata sportiva 2014/15 possono prenderne nell’arco della stagione 2015/16 un massimo di altri due provenienti dall’estero a patto che: uno abbia presenziato, in campo o in panchina, ad almeno 5 partite nella sua nazionale di categoria o ad almeno 2 match nella sua nazionale di categoria nell’ultimo anno; l'altro senza vincoli di presenze in nazionale ma con l'obbligo di essere tesserato al posto di un altro extracomunitario in uscita (ossia ceduto all’estero, svincolato o che abbia acquisito passaporto comunitario dopo il 1 settembre 2014).

- Le squadre con due giocatori extracomunitari alla fine della scorsa stagione possono prenderne altri due a condizioni simili alle precedenti, ma non è richiesta alcuna condizione legata alle presenze in nazionale.

- Le squadre con 0 o 1 giocatori extracomunitari alla fine della scorsa stagione possono acquistare senza alcuna condizione tanti extracomunitari quanti ne servono per arrivare al numero massimo di tre (ossia tre per chi non ne aveva nessuno, due per chi ne aveva uno etc.).

Limitiamoci all'analisi delle big italiane, tutte facenti parte del caso 1:

FIORENTINA - Può tesserare a gennaio un calciatore extracomunitario proveniente dall'estero senza vincoli (ha svincolato Vargas e acquistato Gilberto).

INTER - Non può tesserare a gennaio un calciatore extracomunitario proveniente dall'estero (ha acquistato Jovetic e Miranda, cedendo Botta al Pachuca)

JUVENTUS - Non può tesserare a gennaio un calciatore extracomunitario proveniente dall'estero (ha acquistato Alex Sandro e Cuadrado, cedendo Tevez al Boca Juniors)

LAZIO - Può tesserare a gennaio due calciatori extracomunitari provenienti dall'estero, di cui uno con requisito nazionale (ha ceduto Perea al Troyes e non ha acquistato extracomunitari dall'estero in estate).

MILAN - Non può tesserare a gennaio un calciatore extracomunitario proveniente dall'estero (ha svincolato Muntari e acquistato Bacca e Luiz Adriano)

NAPOLI - Può tesserare a gennaio due calciatori extracomunitari provenienti dall'estero, di cui uno con requisito nazionale (ha ceduto Britos al Watford e non ha acquistato extracomunitari dall'estero in estate).

ROMA - Non può tesserare a gennaio un calciatore extracomunitario proveniente dall'estero (ha acquistato Dzeko e Salah, cedendo Sanabria allo Sporting Gijon).

S.D.




Commenta con Facebook