• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > I Craque del momento > I CRAQUE DEL MOMENTO - Tottenham, Kane: il vero bomber all'inglese

I CRAQUE DEL MOMENTO - Tottenham, Kane: il vero bomber all'inglese

L'attaccante degli 'Spurs' ha realizzato 27 reti nel 2015


Harry Kane ©Getty Images
Jonathan Terreni

28/12/2015 12:50

I CRAQUE DEL MOMENTO TOTTENHAM KANE / LONDRA (Inghilterra) - "Mi piace il suo modo di giocare e il lavoro che fa per la squadra. Sta facendo grandissime cose e sono felice per lui". Così Mauricio Pochettino parla a proposito di Harry Kane, attaccante di ultima generazione del calcio inglese, bomber di razza in puro stile british. Chiamatelo pure 'Hurricane', lui gli uragani li scatena nelle difesa avversarie. Nel 2015 ha segnato ben 27 reti, nessuno come lui in Premier League. Tredici in questo avvio di stagione le sue marcature, comprese le due in Europa League. Finalmente i tempi sembrano maturi per la sua definitiva esplosione dopo aver impressionato tutti già da due anni a questa parte.

1) FISICITA' - Quello che colpisce di Kane è la sua fisicità. E' un bobmer di razza, da area di rigore, nel vero stile della tradizione del calcio inglese. C'è già chi lo paragona a Shearer anche se si sta ritagliando una sua personale etichetta. Nella Premier League così si può fare la differenza. Ha pagato forse le balbettanti annate del Tottenham, una squadra ricca di talento e potenziale ma sempre assente nel momento decisivo. Il progetto di Pochettino sta piano piano evolvendo e gli 'Sprs' si stanno confermando come solida realtà in attesa dell'utimo definitivo step prima di puntare definitivamente al titolo. Con un attaccante così tutto diventa più facile.

2) SENSO DEL GOL - Il bello di Kane è che può segnare in qualunque modo: di testa, con entrambi  i piedi e con il tiro da fuori. Un attaccante completo buono per tutti i moduli. Rende al meglio quando fa reparto da solo, quando si costruisce gli spazi supportato dalla classe di Erikssen. In area è un cecchino. Uno di quei giocatori che la porta la sentono, la trovano ad occhi chiusi ma va messo nelle condizioni di segnare. Non è rapidissimo ovvio ma non si può avere tutto dalla vita. E per la Nazionale dei 'Tre Leoni' è manna dal cielo.




Commenta con Facebook