• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, Boateng non basta: Mihajlovic spera nel sogno Witsel

Calciomercato Milan, Boateng non basta: Mihajlovic spera nel sogno Witsel

Rossoneri a caccia di rinforzi per gennaio. In uscita Mexes, Cerci e Nocerino


Axel Witsel © Getty Images
Marco Di Federico

28/12/2015 11:15

CALCIOMERCATO MILAN WITSEL ZENIT MIHAJLOVIC / MILANO - La vittoria sul campo del Frosinone ha permesso a Sinisa Mihajlovic di salvare la panchina e chiudere con il sorriso una prima parte di stagione vissuta costantemente sulle montagne russe. Perché il Milan è sesto in classifica, a 'soli' quattro punti dalla Roma di Garcia ed a sette da quel terzo posto che è l'obiettivo principale della stagione, ma il rapporto tra il tecnico serbo e la presidenza non è mai decollato del tutto. Colpa di un gioco meno scintillante di quello che vorrebbe vedere Berlusconi, che l'estate scorsa, ha speso quasi 90 milioni di euro per il calciomercato Milan ed oggi 'pretende' molto di più. Mihajlovic si giocherà la panchina del Milan nelle prossime sei gare, dal Bologna al derby con l'Inter passando per la Coppa Italia: nel frattempo, la società rossonera si sta muovendo per rinforzare la rosa, con il sogno Witsel a calamitare tutte le attenzioni.

BOATENG NON BASTA: DA MATIP A WITSEL, ECCO SU CHI SI STA MUOVENDO IL MILAN

Axel Witsel era e resta il grande obiettivo del Milan sul calciomercato. La valutazione del nazionale belga resta molto alta - 30-35 milioni di euro - e solo un eventuale rientro improvviso del Milan in piena zona Champions, con due vittorie subito ad inizio 2016 contro Bologna e Roma, potrebbe spingere Berlusconi a scendere in campo in prima persona per strappare il sì allo Zenit San Pietroburgo, dopo che Witsel è già sfumato in estate, quando il Milan offrì 4 milioni di euro per il prestito oneroso e 21 milioni per il riscatto. Per i rossoneri, oltre all'ostacolo prezzo, c'è anche il 'problema' Champions. Perché la squadra di Villas Boas, dopo avere vinto il suo girone, ha pescato il non imbattibile Benfica negli ottavi di finale e sogna l'approdo da tra le migliori 8 d'Europa: privarsi del belga adesso rischierebbe di compromettere la finora fantastica avventura dei russi in Champions. La prima alternativa a Witsel è Roberto Soriano, per il quale servono i 15 milioni di euro della clausola rescissoria per strapparlo alla Sampdoria: la concorrenza è folta, con Juventus e Napoli da tempo sulle tracce dell'azzurro. Sempre con i campioni d'Italia è anche sfida per Ever Banega, in scadenza di contratto al Siviglia ma con il club andaluso che spinge per il rinnovo. Per la difesa, in cima alla lista di Galliani c'è Joel Matip, anche se al momento per il 24enne calciatore in scadenza il prossimo giugno non risultano trattative con lo Schalke 04.

DA MEXES A NOCERINO: SERVONO CESSIONI PER FINANZIARE IL MERCATO IN ENTRATA

Oltre ai necessari innesti in entrata per dare la caccia al terzo posto, il Milan punta anche a sfoltire la rosa nell'imminente mercato di gennaio. Anche per risparmiare soldi preziosi sugli ingaggi più pesanti. Come quello di Diego Lopez, che sta valutando il suo futuro in rossonero. Nessuna rottura con il Milan, come confermato dall'agente di Diego Lopez, Manuel Garcia Quilon, in esclusiva a Calciomercato.it, ma il naturale desiderio dello spagnolo di tornare a giocare con continuità. Al momento l'idea comune è quella di proseguire fino a giugno, ma dalla Premier League continua il pressing incessante del Liverpool. In uscita per maturare sia Josè Mauri che Rodrigo Ely, mentre per Zapata non c'è al momento nessun interesse della Sampdoria. Con il rientro di Balotelli e Mexes, saluteranno due tra Suso, Cerci ed Honda, con i primi due maggiori indiziati alla cessione. Nocerino non ha spazio: piace molto al Genoa. Infine Mexes. Fuori ad inizio stagione solo ed esclusivamente per scelta tecnica, il francese è oggi la riserva di Alex e Romagnoli, piace a Fiorentina e Marsiglia.




Commenta con Facebook