• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italians & Passengers > ITALIANS - Brillano Okaka e Thiago Motta. Blasi campione d'India

ITALIANS - Brillano Okaka e Thiago Motta. Blasi campione d'India

Le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top/flop degli ex stranieri della Serie A


Stefano Okaka ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

21/12/2015 17:20

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI ITALIANI ESTERO EX STRANIERI SERIE A / ROMA - Calciomercato.it torna per l'appuntamento settimanale con Italians: le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top ed i flop degli stranieri che hanno militano in passato nella nostra Serie A. Questa settimana brillano particolarmente Okaka, Thiago Motta e Grifo. Male Pellè, clamorosa doppietta per Ighalo.

 

 

ITALIANS - LE PAGELLE DEI GIOCATORI ITALIANI ALL'ESTERO


FABIO BORINI (Sunderland): 6,5 - Entra nella ripresa di Chelsea-Sunderland, con i 'Black Cats' sotto di tre gol. Il piglio è quello giusto, determinato e combattivo arriva anche a segnare la rete della bandiera. Purtroppo, però, ha predicato nel deserto.

MATTEO DARMIAN (Manchester United): non convocato. 

ANGELO OGBONNA (West Ham): 6 - Lo 0-0 tra Swansea e West Ham vede un Ogbonna positivo, particolarmente concentrato. Qualche sbavatura (ormai è un must) ma la linea difensiva con Collins tiene e Bilic ringrazia per non aver incassato gol. 

VITO MANNONE (Sunderland): in panchina nella partita contro il Chelsea.

GRAZIANO PELLE' (Southampton): 5 - E' in evidente calo fisico anche se la volontà c'è sempre. Purtroppo anche in occasione della sconfitta col Tottenham non riesce ad incidere, ma ha la scusante della pessima giornata di tutta la squadra.

ALESSANDRO DIAMANTI (Watford): in panchina nella partita contro il Liverpool.

FEDERICO MACHEDA (Cardiff City): non convocato.

GABRIELE ANGELLA (Qpr): 5,5 - Nel pareggio esterno con il Bristol City, il difensore ex Udinese non dà mai l'impressione di avere la situazione sotto controllo. Se la cava in diverse circostanze ma nell'occasione del pareggio doveva e poteva fare molto meglio.  

MARCO SILVESTRI (Leeds United): 6,5 - Una vera sicurezza. Magari non è sempre ortodosso nello stile ma nella vittoria con il Preston North End c'è tanto di suo, specialmente nelle parate decisive dei minuti finali. Garanzia assoluta ad 'Elland Road'.

MIRCO ANTENUCCI (Leeds United): s.v.

GIUSEPPE BELLUSCI (Leeds United): 6 - Buona partita per l'ex centrale difensivo del Catania che dimostra di essere particolarmente concentrato. Pecca nel finale quando si rilassa, ma fortunatamente per lui c'è Silvestri a blindare il risultato.

TOMMASO BIANCHI (Leeds United): non convocato.

FRANCESCO PISANO (Bolton): non convocato.

FERNANDO FORESTIERI (Sheffield Wednesday): 7 - Solita prestazione di qualità assoluta per l'italo-argentino dello Sheffield Wednesday. L'attaccante numero 45 segna il rigore del pareggio e la rete del 2-1, contribuendo in maniera decisiva alla vittoria dei suoi.

MICHAEL AGAZZI (Middlesbrough): non convocato.

DIEGO FABBRINI (Middlesbrough): 6 - Entra al 65' di una partita già indirizzata, con il Middlesbrough avanti per 3-0 sul Brighton. Qualche spunto dei suoi in una prestazione comunque sufficiente. 

MARCO VERRATTI (Psg): 6,5 - Torna dal 1' e il Psg ne beneficia da subito. Nel 3-0 dei parigini sul campo del Caen Verratti mostra tutta la propria classe e sicurezza nel condurre il centrocampo. Sarà un'arma in più per il 2016, specialmente in Champions League. 

THIAGO MOTTA (Psg): 7 - Gioca un'ora ma è vitale per la manovra del Psg. Tocca una quantità infinita di palloni e li giostra nella maniera migliore possibile. Vertice della mediana di Blanc, sta vivendo un periodo di forma davvero smagliante. 

SALVATORE SIRIGU (Psg): in panchina nella partita contro il Caen.

ANDREA RAGGI (Monaco): s.v.

STEPHAN EL SHAARAWY (Monaco): 6 - Gioca solamente venti minuti nei quali dimostra però che la mancata convocazione di due settimane fa ha avuto i risultati sperati. Ha il giusto atteggiamento e arriva due volte vicino al gol della vittoria. 

PAOLO DE CEGLIE (Marsiglia): in panchina nella partita contro il Bordeaux.

CHRISTIAN BATTOCCHIO (Brest): 5 - Partità giocata in maniera discontinua. Qualche spunto dei suoi (la classe non manca) ma per il resto appare indolente, non in giornata. Il suo Brest perde in casa contro il Clermont. 

LUCA MIRACOLI (Tours): non convocato.

GIULIO DONATI (Bayer Leverkusen): 6 - In casa dell'Ingolstadt viene fuori una partita scorbutica. Lui presidia la fascia destra senza particolari avventure in fase offensiva. Tiene difensivamente anche se a volte viene superato. Comunque sufficiente.

LUCA CALDIROLA (Darmstadt): 5 - Altra serata negativa per il centrale del Darmstadt. La sconfitta maturata in casa del Borussia M'Gladbach lo vede colpevole in 2 dei 3 gol avversari, nei quali poteva e doveva fare meglio. Non viene comunque coadiuvato al meglio dai compagni di reparto.

GIANLUCA CURCI (Mainz): in panchina nella partita contro l'Hertha Berlino. 

VINCENZO GRIFO (Friburgo): 7,5 - Che partita per il ragazzo italiano nato in Germania. Il suo Friburgo stende il Monaco 1860 con un netto 3-0. Lui parte dalla fascia e come al solito diventa imprendibile lungo il fronte d'attacco. Firma un assist e un gol meraviglioso. 

CIRO IMMOBILE (Siviglia): non convocato.

MARCO ANDREOLLI (Siviglia): infortunato.

DANIELE BONERA (Villarreal): non convocato.

FRANCESCO BARDI (Espanyol): in panchina nella partita contro il Las Palmas.

SIMONE VERDI (Eibar): s.v.

CRISTIANO BIRAGHI (Granada): 5 - Il suo Granada affonda contro un Celta Vigo in versione tosta. Il laterale mancino ex Chievo dimostra di avere una pessima giornata, male in proposizione e ancora peggio in fase difensiva, superato più volte nell'uno contro uno. Rimandato.

CRISTIANO PICCINI (Betis Siviglia): non convocato.

VINCENZO RENNELLA (Betis Siviglia): non convocato.

ROLANDO BIANCHI (Maiorca): 5 - Guida l'attacco del Maiorca ma non riesce ad incidere e alla fine col Girona termina in pareggio. Servito pochissimo, non arriva quasi mai alla conclusione ed esce al 76' con un cartellino giallo sulle spalle. 

ALBERTO AQUILANI (Sporting Lisbona): 5,5 - Entra nel secondo tempo della partita persa dallo Sporting con il Madeira. Non riesce a ripetere quanto di buono fatto vedere settimana scorsa e finisce anche nel taccuino degli ammoniti. 

BRYAN CRISTANTE (Benfica): non convocato. 

PABLO DANIEL OSVALDO (Porto): non convocato.

SALVATORE BOCCHETTI (Spartak Mosca): il campionato russo osserva la pausa invernale.

DOMENICO CRISCITO (Zenit): il campionato russo osserva la pausa invernale.

STEFANO OKAKA (Anderlecht): 8 - Partita da incorniciare per l'ex attaccante della Sampdoria. Segna la rete dell'1-0 contro il Club Brugge e serve due assist (il secondo di tacco addirittura) a Praet. L'Anderlecht vince 4-1, lui sale a quota 8 reti in classifica marcatori. Imprescindibile.

DAVIDE PETRUCCI (CFR Cluj): 6 - Prestazione sufficiente per il numero 10 del Cluj. Nell'1-1 con la Dinamo Bucarest dimostra di avere buone idee e gioca una gara pulita e abbastanza precisa. Gli manca il guizzo finale.

ALEX VALENTINI (Lugano): il campionato svizzero osserva la pausa invernale

ORLANDO URBANO (Lugano): il campionato svizzero osserva la pausa invernale

MARIO PICCINOCCHI (Lugano): il campionato svizzero osserva la pausa invernale

ALESSANDRO MASTALLI (Lugano): il campionato svizzero osserva la pausa invernale

FRANCESCO RUSSO (Lugano): il campionato svizzero osserva la pausa invernale

STEFANO NAPOLEONI (Atromitos): 5,5 - Vivace ma impreciso. E' uno dei pochi a lottare costantemente per quanto riguarda gli attaccanti dell'Atromitos. Sotto la sufficienza per il rigore sbagliato, ma l'atteggiamento da uomo squadra è quello giusto.

RAFFAELE DE VITA (Ross County): non convocato.

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto FC):  la Mls è terminata.

ANDREA PIRLO (New York City):  la Mls è terminata.

MARCO DONADEL (Montreal Impact): la Mls è terminata.

MANUELE BLASI (Chennaiyin): 6,5 -  Marco Materazzi lo schiera nel cuore del centrocampo nella finale scudetto contro il Goa. Lui risponde con la solita prestazione: prezioso ed oscuro, fa il lavoro sporco a centrocampo e alla fine si laurea anche lui campione d'India. 

ALESSANDRO POTENZA (Chennaiyin): in panchina nella partita contro il Goa. 

FEDERICO PIOVACCARI (Western Sydney Wandererers): s.v.


ITALIANS - TOP E FLOP TRA GLI EX STRANIERI DELLA SERIE A

I TOP 3 DEL WEEKEND


ODION IGHALO (Watford): 8 - Nella Premier League delle sorprese si ritaglia uno spazio anche il Watford di Quique Sanchez Flores, ed il merito è quasi tutto di Odion Ighalo. L'attaccante nigeriano dal passato bianconero (Udinese e Cesena) è il quarto marcatore assoluto del campionato inglese con 12 centri. Ne sa qualcosa il Liverpool di Klopp che perde 3-0 al 'Vicarage Road' con Ighalo che gioca una partita straordinaria incidendo in due occasioni il suo nome sul tabellino dei marcatori. Attaccante totale, distante anni luce dal quel giocatore acerbo e un po' indolente che abbiamo 'ammirato' in Italia. Meglio tardi che mai.

LUKAS PODOLSKI (Galatasaray): 7,5 - Anche lui è passato dalla Serie A senza lasciare alcuna traccia. Nell'Inter di Roberto Mancini ha fatto vedere poco o nulla dell'immenso talento, più volte frenato da un carattere particolare. In Turchia però è rinato assieme all'altro ex interista Wesley Sneijder. Decisivo nel 3-2 casalingo contro l'Akhisar Belediye. Manda in porta Umut Bulut con un assist pregevole e segna poi il raddoppio con una bella azione corale. Sono già 8 le reti messe a segno in 16 partite: numeri importanti che non si registravano dai tempi del Colonia.

FREDERIK SORENSEN (Colonia) 7 - L'ex difensore della Juventus è diventato un punto fermo del Colonia e nell'ultimo turno ha fatto vedere le potenzialità che avevano convinto il club bianconero a puntare su di lui sin da giovanissimo. Nella vittoria interna con il Borussia Dortmund, il danese ha mostrato tutto il repertorio. Roccioso ed insuperabile in fase difensiva, pericoloso anche nell'area avversaria. Sfiora il gol nel primo tempo e soprattutto serve l'assist decisivo per il 2-1 del suo Colonia nei minuti finali. Meglio di così oggettivamente non poteva fare.


I FLOP 3 DEL WEEKEND


EDU VARGAS (Hoffenheim): 4,5 - Tredici presenze ed un gol con la maglia dell'Hoffenheim. Eduardo Vargas continua ad essere un oggetto misterioso quando non veste la casacca del Cile. L'ex attaccante del Napoli sembra un corpo estraneo e nella sconfitta di Gelsenkirchen contro lo Schalke 04 lo si può vedere  solamente quando sbaglia in maniera grossolana una conclusione da posizione invitante. Poco attivo nella manovra offensiva, Markus Gisdol non sa più cosa inventarsi. 

MAPOU YANGA-MBIWA (Lione) 4,5 - Il difensore ammirato ai tempi del Montpellier sembra ormai un lontano ricordo. Quello transitato a Roma ed attualmente in forza al Lione è il forse il gemello meno dotato. Nella clamorosa sconfitta in casa del GFC Ajaccio viene schierato in una retroguardia a tre, mettendo a nudo in maniera ancora più evidente tutti i suoi limiti e anche il periodo non certo positivo che sta attraversando. Risultato? Saltato costantemente e sempre in difficoltà. Hubert Fournier farebbe meglio a prendere le adeguate contromisure.

ALEN STEVANOVIC (Partizan): 4 - L'esterno offensivo serbo scuola Inter ha assaggiato i campi della Serie A con la maglia nerazzurra (1 presenza) e con quella del Torino, oltre a giocare pure con Palermo, Bari e Spezia in Serie B. Nella vittoria del suo Partizan sul Borac compie una sciocchezza incredibile. Entra nella ripresa e serve l'assist a Bojinov per il 2-1 soffertissimo. Dopo 4 minuti però perde la testa, colleziona il primo cartellino giallo all'88' e completa l'opera 3 minuti più tardi facendosi espellere per un'entrataccia da dietro. Per sua fortuna il Partizan porta a casa i tre punti ma l'ingenuità è colossale e poteva costare cara.

 




Commenta con Facebook