• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Notizie > Fifa, Blatter: "I 2 milioni di franchi a Platini sono legittimi, non sono il diavolo"

Fifa, Blatter: "I 2 milioni di franchi a Platini sono legittimi, non sono il diavolo"

L'ormai ex numero uno del calcio mondiale: "Mi hanno sospeso 90 giorni senza neanche ascoltarmi"


Sepp Blatter © Getty Images
Marco Di Federico

16/12/2015 09:23

FIFA NEWS BLATTER PLATINI / MILANO - Sepp Blatter ha rilasciato oggi un'intervista alla 'Gazzetta dello Sport' per parlare di tutte le ultime news relative allo scandalo Fifa che lo ha coinvolto. "Non sono il diavolo. Credo in Dio e, se Dio esiste, non può esserci l'inferno. Quindi neanche il diavolo. - le sue parole ad un giorno dall'audizione al comitato etico - Mi hanno sospeso 90 giorni senza neanche ascoltarmi. Allora vado con il mio bravo avvocato per difendermi: voglio essere sentito dai giudici. Nella mia vita non ho mai accettato denaro non guadagnato, e che ho sempre pagato i miei debiti. Vi assicuro che i 2 milioni di franchi a Platini sono legittimi. A fine '98 Michel mi ha detto: 'Vorrei lavorare con te'. E io: 'Benvenuto'. Lui ha aggiunto: 'Guarda che sono un po' caro, un milione all'anno'. Gli ho detto: 'Vediamo cosa posso fare'. Un validissimo contratto orale. Poi a sorpresa è stato eletto alla Fifa e all'Uefa. E io non mi sono più occupato del pagamento, per una cosa o per l'altra, ma ho dato l'ordine di pagare. La richiesta è passata per la commissione finanze e il Congresso. Forse mi sono fidato troppo di alcune persone. Ero segretario e sono diventato presidente: quindi chi era il mio superiore è stato superato, ed è ancora lì. Magari non l'ha presa bene".,

PLATINI - "Un uomo onesto. Un po' primadonna. Ma non tutta l'Europa oggi lo appoggia, tanti sono con me e contro di lui. Non ho più parlato con Platini. Il 24 settembre, all'Esecutivo Fifa, siamo usciti come due amici ma la gente ci ha separato e da allora basta. Platini avrebbe dovuto essere il mio successore naturale, ma non è andata così".




Commenta con Facebook