• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Maccarone condottiero, Domizzi che pasticcio

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Maccarone condottiero, Domizzi che pasticcio

Top e Flop della 16a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Massimo Maccarone © Getty Images
Emiliano Forte

14/12/2015 07:50

PAGELLONE 16A GIORNATA MACCARONE DOMIZZI / ROMA - Con le dirette inseguitrici impegnate negli scontri diretti, l'Inter capolista non perde l'occasione di allungare in classifica ed espugna il campo dell'Udinese con un roboante 4-0. Da segnalare il prepotente ritorno al gol di Mauro Icardi e le prodezze tra i pali ancora una volta decisive di Samir Handanovic. Tra i friulani male Domizzi, tornato tra i titolari e protagonista del pasticcio che permette a Jovetic di firmare il 2-0. Con Napoli e Roma bloccate sullo 0-0 nello scontro diretto, è la Juventus, vittoriosa sulla Fiorentina, l'unica delle inseguitrici a tenere il passo della capolista e a guadagnare posizioni. Trai bianconeri spicca il carattere e la rabbia agonistica di Mario Mandzukic, che sa essere letale anche quando gli avversari concedono davvero poco in area di rigore. Domenica da sogno per l'Empoli di Giampaolo, che travolge il Carpi e dà spettacolo grazie allo scatenato duo Maccarone-Saponara. Tutt'altro che entusiasmante, invece, il cammino del Milan che a 'San Siro' non va oltre l'1-1 contro il Verona ultimo in classifica. Brutta la prova di De Jong che, al rientro da titolare, provoca il rigore con conseguente espulsione che condiziona la gara dei rossoneri.

 

TOP

 

5.Mandzukic (Juventus) - Nonostante i pochi palloni giocabili in area, il croato non si tira indietro e si sacrifica in un pressing costante oltre alle consuete sportellate con i difensori avversari. Con la grinta e la fame di chi vuole vincere sempre sprona i suoi anche nei momenti meno brillanti del match e con grande caparbietà, a dieci minuti dal 90°, da il la all'azione che lui stesso trasforma nel sorpasso bianconero. Non sarà bello da vedere come il compagno Dybala ma sa essere dannatamente efficace e decisivo nei momenti che contano. Killer. VOTO 7

 

4.Saponara (Empoli) - Nella prima parte soffre le 'attenzioni particolari' riservategli dai centrocampisti avversari, poi sale in cattedra e la musica cambia. Tra le tante giocate sopraffine arriva anche la rete del raddoppio che spegne le speranze del Carpi. Talento vero. VOTO 7,5

 

3.Handanovic (Inter) - Con una serie di interventi super, soprattutto su Thereau e Di Natale, blinda la porta nerazzurra e vanifica qualsiasi tentativo dell'Udinese. Decisive e fondamentali le sue prodezze tra i pali per il successo della banda di Mancini, tanto quanto i gol di Icardi e compagni. Certezza. VOTO 7,5

 

2.Icardi (Inter) - Il capocannoniere dello scorso campionato ritrova al 'Friuli' il feeling con il gol dopo le poche gioie delle ultime settimane. Sblocca il risultato alla prima occasione utile per poi chiudere il discorso nel finale poco prima del poker definitivo di Brozovic. Una doppietta pesante, che potrebbe restituire all'Inter quel finalizzatore che spesso è mancato nella prima parte di stagione. Ritrovato. VOTO 7,5

 

1.Maccarone (Empoli) - Rompe gli equilibri in avvio di ripresa con un perfetto inserimento in area concluso con un destro di prima intenzione che non lascia scampo a Belec. È solo l'inizio di un secondo tempo da protagonista assoluto dove manda in gol Saponara con un assist delizioso e chiude i conti pochi minuti dopo con un altro colpo da bomber di razza. Ovazione meritatissima del Castellani al momento della sostituzione. Mattatore. VOTO 8

 

FLOP

 

5.Florenzi (Roma) - Costretto a rimanere quasi sempre basso per via dalla pressione costante del duo Hamsik-Insigne, va spesso in confusione sbagliando molte giocate. Come al solito non si risparmia ma questa volta la grinta e l'impegno non bastano e gli attaccanti azzurri lo sovrastano in lungo e in largo. Travolto. VOTO 4,5

 

4.Perotti (Genoa) - Il suo ingresso al posto di Tino Costa da vivacità al gioco genoano ma la gomitata con la quale lascia i suoi in 10 è imperdonabile. Sciagurato. VOTO 4,5

 

3.De Jong (Milan) - Da dimenticare e in fretta il suo ritorno tra i titolari a distanza di oltre due mesi. Fa una fatica enorme a tenere ritmi accettabili e poco dopo l'1-0 firmato Bacca si rende protagonista del pasticcio che segna la gara del Milan. L'olandese stende in piena area Gori, che lo aveva sorpreso ed anticipato, ed ecco l'inevitabile epilogo: calcio di rigore più rosso per il 'pitbull' rossonero con tanti saluti ai 3 punti. Approssimativo. VOTO 4,5

 

2.Kurtic (Atalanta) - Poco presente nel gioco atalantino, lui che dovrebbe essere un punto di riferimento per i compagni a metà campo. Nel finale si congeda dalla gara nel peggiore dei modi facendosi espellere per proteste. Spaesato. VOTO 4

 

1.Domizzi (Udinese) - Sull'1-0 firmato Icardi viene sorpreso dal retropassaggio inspiegabile di Bruno Fernandes, mentre il demerito del raddoppio interista è tutto suo. È il minuto 31 quando con un tocco sbilenco, quasi grottesco, 'offre' a Jovetic l'assist che vale il 2-0. Notte horror per il difensore di Colantuono. Annichilito. VOTO 4




Commenta con Facebook