• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI UDINESE-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI UDINESE-INTER

Uno Jo-Jo, Icardi Bis e un Brozovic stile Messi, affossano gli errori di Domizzi & Co


Mauro Icardi ©Getty Images
Davide Sperati (@DavideSperati1)

12/12/2015 22:48

ECCO LE PAGELLE DI UDINESE-INTER

 

UDINESE

Karnezis 5 – Chiamato subito in causa, neutralizza bene la conclusione di Jovetic ma stecca sul diagonale, non certo irresistibile, di Icardi. Non può nulla sul tocco morbido di Jovetic, sulla bomba di Icardi e sull'eurogol di Brozovic nel finale.

Wagué 6 - Al posto dello squalificato Danilo, gioca una gara di sostanza, esente da responsabilità sulle rete dell'Inter.

Domizzi 4 – Il peggiore. In panchina contro la Fiorentina, viene colto di sorpresa dal retropassaggio sciagurato di Bruno Fernandes che porta in vantaggio la formazione ospite. Passi il primo errore, ma non il secondo, quando serve a Jovetic la palla del due a zero.

Piris 5,5 - Non gioca male il piccolo centrale bianconero quando si tratta di palleggiare con Edenilson. Il problema è quando bisogna difendere dagli attacchi di Ljajic e Perisic.  

Widmer 6 – Il migliore. Uno dei pochi a salvarsi nella sconfitta di Firenze, anche nella gara di stasera, mette pressione a Telles sulla corsia di sinistra. Nella ripresa continua a spingere sulla fascia risultando alla fine del match uno dei migliori fra gli uomini di Colantuono.

Iturra 5 – Il Cileno sbaglia il primissimo pallone del match, lasciando intuire che non sarà una grande serata. Al 70' spreca in malo modo la palla per riaprire il match. Dal 71' Perica 6 – Bomber croato, 20enne di belle speranze, gioca al fianco di Di Natale.

Lodi 4,5 – Fuori luogo, lento e di un altro passo rispetto ai più tonici avversari nerazzurri, non combina nulla di buono e tocca pochissimi palloni utili per la manovra di Colantuono che avrebbe bisogno di ben altro. Nel finale regala a Icardi la palla del tre a zero. Il peggiore insieme a Domizzi.

Fernandes 5 – Torna titolare dopo le ultime gare in panchina, e si scambia qualche colpo proibito con Perisic. Suo l'erroraccio che consente all'Inter di passare in vantaggio, non gioca una buona gara. Dal 51' Marquinho 5,5 – Meglio del compagno, entra quando ormai la gara è compromessa.

Edenilson 6 – Un grande lancio iniziale per lo scatto di Totò Di Natale con tante altre belle giocate sulla fascia sinistra. Nella ripresa cambia fascia riuscendo comunque a disputare una buona prova.  

Théréau 6 – Chiama Handanovic alla parata in tuffo durante il primo tempo. Disputa una gara di movimento alle spalle della punta centrale che però non lo aiuta.  

Di Natale 5 – Titolare contro la prima della classe, Totò Di Natale non riesce a rendersi pericoloso durante i primi quarantacinque minuti. Soffre la marcatura e i centimetri di Murillo e Miranda. Dal 79' Aguirre s.v.  

All. Colantuono 5 – Lo schieramento è quello classico e non ci sentiamo di imputargli grandi responsabilità sulla sconfitta, in quanto i gol subiti sono puramente disattenzioni individuali. Certo che giocatori come Kone, Marquinho e Adnan, possono però giocare tranquillamente al posto di Lodi e Bruno Fernandes apparsi decisamente opachi. 

 

INTER


Handanovic 7,5 – Anche stasera si conferma sui livelli a cui ci ha abituato. Para tutto quello che c'è da parare.  

Montoya 6 – Esordio assoluto nel nostro campionato per lo spagnolo che sulla destra gioca una discreta gara. Da notare, il buon inserimento - con cross - sul finire della prima frazione.

Miranda 7 - Ottimo come sempre. Gioca sulle punte di Colantuono con eleganza e ottimo senso della posizione. 

Murillo 6,5 - Decisivo l'intervento in scivolata sul diagonale di Di Natale, è sempre attento anche per quanto riguarda gli anticipi. Al 75' protagonista di una grandissima incursione personale che per poco non regala il terzo gol alla truppa del Mancio. 

Telles 6 – Sta giocando bene anche se sbaglia qualche lancio di troppo, soprattutto nei primi quarantacinque minuti. Anche nella ripresa gioca una discreta gara. 

Guarin 6,5 – Dopo la panchina contro il Genoa, viene preferito a Medel e Kondogbia. Gara abbastanza tranquilla contro avversari alla portata del colombiano.  

Melo 6 – Uno dei pupilli del Mancio, è diffidato e rischia il giallo, già dopo venti minuti di gioco, ma l'arbitro Massa sorvola. Agisce per zone centrali, arpionando sempre e comunque palloni interessanti per spezzare il gioco degli avversari. Nel finale è ancora “graziato” dall'arbitro Massa, per un intervento al limite.

Ljajic 6,5 - L'uomo più in forma del momento, verticalizza per Perisic l'azione che poi Jovetic spreca. Nel primo tempo si alterna la fascia con Perisic, badando più a contenere le discese di Widmer che a proporsi per giocate offensive. Interessanti e mai banali i suoi stupendi dribbling, è un peccato il gol mancato al 60'. 

Jovetic 7 - Schierato dietro la punta Icardi, si divora un rigore in movimento dopo cinque minuti di gioco. Per fortuna che poi ci regala un bocconcino che fissa il risultato sul due a zero. Dal 60' Brozovic 7 – Mancini rinforza il centrocampo con l'inserimento di un centrocampista puro dotato di qualità diverse rispetto a quelle di Jo-Jo. Il gol del quattro a zero è quasi alla “Messi”.

Perisic 6,5 – Si muove bene su entrambe le fasce. Nel primo tempo serve una gran palla per Jovetic che spreca. Nella ripresa gioca più in copertura su Edenilson, rischiando anche il secondo giallo per un fallo ingenuo.

Icardi 7,5 – Il migliore. Implacabile. Alla prima occasione giusta, realizza la rete che porta in vantaggio i suoi. Nel finale realizza la doppietta con una missile terra-aria che chiude definitivamente il match. Capitano di quest'Inter, Maurito Icardi gioca col piglio del grande giocatore. Umile, silenzioso e altruista quanto basta per portare altri tre punti preziosi per la marcia scudetto. Dal 88' Manaj s.v.

All. Mancini 7 – Camaleontica come non mai, la sua Inter è un rullo compressore. Cinica e spietata, chiude la pratica Udinese già nei primi quarantacinque minuti. Condivisibile la scelta di testare Montoya dal primo minuto, nella ripresa azzecca il cambio di Brozovic.

Arbitro: Massa 6 – Sbaglia giusto qualche cartellino giallo. Nella ripresa infatti la gara non ha particolari episodi, se non le mancate estrazioni dei secondi cartellini ai danni di Perisic e Melo. Nulla di grave, per carità, ma forse era opportuno estrarne almeno uno. 


TABELLINO
UDINESE-INTER 0-4

Udinese (3-5-2): Karnezis; Wagué, Domizzi, Piris; Widmer, Iturra (dal 71' Perica), Lodi, Fernandes (dal 51' Marquinho), Edenilson; Théréau, Di Natale (Dal 79' Aguirre). A disp: Meret, Insua, Guilherme, Pasquale, Camigliano, Kone, Coppolaro, Adnan, Evangelista. All. Stefano Colantuono

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Montoya, Miranda, Murillo, Telles; Guarin, Melo; Ljajic,  Jovetic (dal 60' Brozovic), Perisic; Icardi (dal 88' Manaj). A disp: Carrizo, Berni, Jesus, Dodò, Kondogbia, Palacio, Biabiany, Medel, Gnoukouri, Nagatomo. All. Roberto Mancini

Arbitro: Davide Massa della sezione di Imperia

Marcatori: 22' Icardi (I), 30' Jovetic (I), 83' Icardi (I), 86' Brozovic (I)

Ammoniti: 7' Perisic (I), 14' Telles (I), 20' Ljajic (I), 51' Fernandes (U), 65' Domizzi (U), 89' Marquinho (U)

Espulsi:




Commenta con Facebook