• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lega PRO > Carrarese, il club di Buffon nei guai: stadio chiuso e rischio fallimento incombente

Carrarese, il club di Buffon nei guai: stadio chiuso e rischio fallimento incombente

La società toscana, di cui il portiere bianconero detiene la quota di minoranza, rischia di scomparire


Gigi Buffon (Getty Images)

10/12/2015 09:53

CARRARESE IL SINDACO IMPONE LA RIAPERTURA DELLO STADIO / CARRARA - Si fa sempre più nera la situazione che riguarda la Carrarese, club di Lega Pro nel quale il portiere della Juventus, Gigi Buffon, ha iniziato a muovere i primi passi e del quale detiene una quota di minoranza (il 30%). 

Come sottolinea 'gazzetta.it', il club toscano è ormai prossimo alla liquidazione e, come se non bastasse, è stato fatto divieto ai tifosi di assistere agli allenamenti della squadra presso lo 'Stadio Comunale'. Una disposizione, però, che non ha trovato il consenso del sindaco Angelo Zubbani il quale ha firmato subito un’ordinanza per l’immediata riapertura dei cancelli, motivandola con problemi di ordine pubblico e notificandola alla società attraverso i vigili urbani. Praticamente una “disfida dei cancelli” per non gettare ancora più nel baratro i sostenitori della truppa di Remondina che - dissesti finanziari a parte -  stanno disputando un discreto campionato: sono infatti quinti in classifica, a -7 dalla Spal capolista. 

Nel frattempo la pratica di liquidazione sarà presentata a breve: una volta nominato il liquidatore dal Tribunale di Massa, questi avrà il compito di gestire la fase ordinaria della società, chiamare alla ricapitalizzazione i soci e trovare nuovi soggetti disposti a farsi carico dell’attività del club. Se non dovesse riuscirci l'unica altra alternativa sarebbe il fallimento.

D.G.




Commenta con Facebook