• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Pjanic: "Tifosi, mi avete insegnato a essere romanista. Zidane..."

Roma, Pjanic: "Tifosi, mi avete insegnato a essere romanista. Zidane..."

Il centrocampista bosniaco si è raccontato al sito ufficiale giallorosso


Miralem Pjanic ©Getty Images

09/12/2015 11:08

CALCIOMERCATO ROMA INTERVISTA MIRALEM PJANIC / ROMA - Il nuovo sito ufficiale della Roma propone oggi un'intervista al centrocampista bosniaco Miralem Pjanic.

I TIFOSI DELLA ROMA - "Questa è la mia quinta stagione qui alla Roma e i tifosi giallorossi mi hanno insegnato cosa vuol dire essere un romanista. Anche i compagni di squadra con cui gioco da tanto tempo mi hanno fatto capire che questa non è una maglia qualsiasi: la maglia della Roma è una cosa molto importante per la nostra città. Ora sono un tifoso di questa squadra: ora sono un romanista".

ZIDANE - "Da bambino sono diventato calciatore anche grazie a Zidane. Mi piaceva il suo stile, come toccava la palla. Era il giocatore più forte che avessi mai visto. Era elegante e mi piaceva osservarlo in azione. Ho provato a emularlo, aveva il mio stesso ruolo: guardavo tutto il tempo le sue giocate e tentavo di ripeterle sul campo".

IL PAPA' - "È stata la persona che ha avuto il più grande impatto sulla mia carriera, ho iniziato con il calcio grazie a lui. Giocava a pallone, come me. Era bravo, ma non è stato professionista perché nel nostro Paese stava per cominciare la guerra".

LA VITA IN BOSNIA - “Ci sono stati tanti momenti difficili durante la mia vita, forse più per i miei genitori che per me. Vivevamo in Bosnia durante la guerra e non avevamo nulla quando ci trasferimmo in Lussemburgo. Sarò sempre grato a mio padre e mia madre".

S.D.

 




Commenta con Facebook