• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, da Niang a Luiz Adriano: Mihajlovic cambia tutto per 'salvare' Bacca

Milan, da Niang a Luiz Adriano: Mihajlovic cambia tutto per 'salvare' Bacca

Il colombino non segna da quasi 400 minuti, ma resta intoccabile in attacco


Carlos Bacca ©Getty Images
Marco Di Federico

09/12/2015 10:38

NEWS MILAN BACCA LUIZ ADRIANO MIHAJLOVIC / MILANO - Non trova pace il Milan in questa stagione che continua ad essere vissuta sulle montagne russe. Salite vertiginose, come le tre vittorie di fila contro Sassuolo, Chievo e Lazio, seguite da discese a volte inspiegabili, come gli zero gol segnati tra Atalanta, Juventus e Carpi. Dopo cinque mesi, Sinisa Mihajlovic fatica a trovare la quadratura del cerchio: 4-3-1-2, 4-3-3 ed ora 4-4-2, ma le news Milan dicono che nessuno dei tre moduli riesce ancora a trasformare i rossoneri in una squadra che possa davvero puntare al terzo posto.

A farne le spese, in mezzo a questi continui mutamenti tattici, sono anche alcuni calciatori. Tra questi, Carlos Bacca, l'acquisto più importante del recente calciomercato estivo, finito all'interno di un buco nero: non segna da 371', ovvero il terzo gol allo stadio 'Olimpico' contro la Lazio. Al suo fianco, si sono alternati praticamente tutti gli attaccanti del Milan, da Balotelli a Luiz Adriano passando per Niang. Il colombiano, ieri a Siviglia per tifare la sua ex squadra contro la Juventus, resta però l'intoccabile di Mihajlovic in qualsiasi modulo sia stato usato dal tecnico. Che, per la gara contro l'Hellas Verona, ha in mente altre due novità rispetto a quanto visto contro Sampdoria, Juve e Carpi.

In attacco tornerà dal 1' Luiz Adriano, 3 gol in campionato più 2 in Coppa Italia. Il tandem sudamericano tra lui e Bacca era uno dei punti fermi di inizio stagione per Mihajlovic. Poi, nel via vai di moduli usati, i due hanno smesso di giocare insieme. Il sacrificato non sarà però Niang: il francese scalerà a centrocampo, togliendo il posto da esterno destro a Cerci, che si accomoderà dunque in panchina, visto che a sinistra Bonaventura resta intoccabile.




Commenta con Facebook