• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI BOLOGNA-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI BOLOGNA-NAPOLI

Higuain prova la rimonta, ma Destro e Rossettini abbattono il Napoli


Luca Rossettini ©Getty Images
a cura di Gennaro Arpaia (Twitter: @gennarojenius9)

06/12/2015 14:27

ECCO LE PAGELLE DI BOLOGNA-NAPOLI

BOLOGNA

Mirante 7,5 - Nel primo tempo tre parate da portiere di fascia altissima. Nasce a Castellammare e forse ha qualcosa da dimostrare ai suoi concittadini.

Rossettini 7 – Bravissimo a sorprendere tutti nell’azione del raddoppio rossoblu; salta indisturbato e anticipa tutti. Il suo mestiere però lo fa anche in difesa, sempre attento e preciso a chiudere, quasi mai soffre Insigne e Ghoulam.

Gastaldello 6,5 – Ha il compito di limitare Higuain, sa che non può farlo con la tecnica e allora fa innervosire il Pipita. D’esperienza ci mette più di una pezza, e tiene ottimamente il campo e tutto il suo reparto.

Oikonomou 6 – Era l’oggetto del desiderio del Napoli questa estate, ma sinceramente non si capisce perché; non è sempre preciso e qualche volta è troppo attendista sulle avanzate avversarie.

Masina 5,5 – Forse il meno positivo dei suoi, visto che da lui e dalla sua fascia ci si aspettava di più. Callejòn fa quello che vuole e se non punge non è sicuramente merito del laterale rossoblu.

Taider 6 – Guadagna subito un’ottima punizione dal limite, poi scompare alla lunga. Sembre prezioso a fare muro davanti all’area di sua proprietà, ed era quello che Donadoni gli chiedeva.

Diawara 6,5 – Senza dubbio ne risentiremo parlare, ma già oggi dimostra di essere un bel prospetto per questo Bologna. Qualità e quantità che possono fare benissimo alla mediana di una squadra che cerca la salvezza. Dal 94’ Pulgar s.v.

Rizzo 6,5 – Un paio di ottimi spunti offensivi, ma soprattutto tanta legna in mezzo al campo. Il tecnico gli dà fiducia e lui la ripaga senza farsi pregare. Utile e duttile quando aiuta il Bologna a centrocampo e poi si ripropone all’attacco. Dal 73’ Mbaye s.v.

Brienza 6 – La mossa a sorpresa di Donadoni paga bene, visto che risulta tra i migliori in campo. Impreciso nelle conclusioni dal limite, ma la qualità si vede ancora. Dal 66’ Brighi - 

Destro 8 – Non è solo il gol, ma l’intera gara da trascinatore a renderlo il migliore in campo dei suoi. Segna al quarto d’ora e anche se l’azione è macchiata da un probabile fuorigioco dimostra tutte le qualità che l’hanno reso tra i migliori emergenti italiani di qualche anno fa. Difende il pallone dall’attacco di Albiol ed è freddo davanti a Reina; Donadoni fa bene ad affidarsi a lui, visto che in apertura di ripresa sigla anche il tris che chiude il match.

Mounier 6 – L’elemento di qualità dell’attacco di casa è senza dubbio lui, ma soffre ancora di troppa discontinuità per fare la differenza ad ogni match. Si fa notare anche per un paio di chiusure difensive niente male ad aiutare i suoi.

Donadoni 8 – Miglior approccio da quando è a Bologna, la squadra ha finalmente vivacità ed un gioco che gli ha permesso di scippare punti alla Roma e al Napoli. Destro è tornato a far male e tutti lo seguono. La salvezza pare nuovamente alla portata.


NAPOLI

Reina 5  – Grande parata in apertura, poi il tracollo. Esce male sul primo gol, nulla può sul secondo e sul terzo sbaglia l’intervento. Anche per lui una giornata storta può capitare, ma bisognerà rialzarsi subito.

Hysaj 5 – Prova a spingere quando può. Ma spesso la catena di destra con Allan e Callejòn è fredda quanto la temperatura di Bologna durante il lunch match. Dal 64’ Maggio 5 – Il Napoli cerca di riversarsi all’attacco e lui dovrebbe essere la carta in più, ma non punge mai.

Koulibaly 4,5 – La peggior partita dell’anno per lui. Impreciso e disattento per tutto il match; sbaglia sul primo gol avversario, non è in posizione sul raddoppio. Giornata storta. Non ha ancora la capacità di capire il verso di una partita: quando tutto sembra andare male anche spazzare un pallone può valere la posta in palio.

Albiol 5,5 – Prova a salvare quel che resta in piedi della baracca; spesso in scivolata toglie le castagne dal fuoco, ma nulla può quando il Bologna avanza e punge. Se l’arbitro gli avesse riconosciuto il fuorigioco sul primo gol, magari avrebbe giocato una diversa partita.

Ghoulam 6 – Il più propositivo del pacchetto arretrato. Parte male soprattutto in difesa, poi capisce che deve spingere ma non trova mai la giocata giusta. 

Allan 6 – Solito contributo per i suoi, ma stavolta nessuno lo segue. Prova da solo a farsi spazio nella marea rossoblu, cerca il gol in apertura di ripresa e forse si guadagna anche un rigore nel secondo tempo non fischiato. Dal 76’ Lòpez s.v.

Jorginho 5 – Sembra quello dello scorso anno: timido, impreciso ed impacciato, il centrocampo avversario lo avvolge e lui non ha forza per risollevarsi. Al Napoli manca ogni geometria perchè lui è assente dal gioco.

Hamsik 5,5 – Si propone molto, cerca sempre l’assist decisivo quando arriva al limite, ma prima Callejòn poi Higuain sprecano male le potenziali occasioni. 

Callejon 6,5 – Il più positivo del Napoli se consideriamo tutto il match. Nella disfatta azzurra, lo spagnolo si dimostra il più pericoloso già dall’inizio: Mirante si supera su di lui appena prima del gol del vantaggio ospite, poi coglie il palo quando si è già sotto di due gol. Impreciso in alcune assistenze ma è l’unico azzurro ad esserci anche dal punto di vista fisico. Dal 66’ Mertens 6 – Un paio di accelerazioni e un errore davanti alla porta a pochi minuti dal termine. Il suo ingresso contribuisce comunque a dare una spinta diversa al Napoli. 

Insigne 5 – Tranne che per un paio di lampi estemporanei, non brilla mai. La qualità c’è sempre, ma stavolta l’intesa con Higuain dev’essere rimasta a Castel Volturno.

Higuain 6,5 – Incredibile quello che mostra di saper fare negli ultimi minuti; prima la zampata del primo gol, poi la rete dell’incredibile 2-3. Rinvigorisce la sua statistica nella classifica dei marcatori ma purtroppo non basta al Napoli. Il Pallone d’Oro è certamente nelle sue corde, ma magari ne riparliamo più in là.

Sarri 5 – Seconda sconfitta dei suoi sempre in trasferta, ma Bologna è forse il punto più basso di questa stagione. Il Napoli non entra in campo nel primo tempo e si specchia nei suoi errori quando non dovrebbe. Approccio sbagliato ma soprattutto tanti errori nel corso dei 90 minuti del match. Solo Higuain sa regalare speranze fino all’ultimo secondo, ma stavolta la rimonta non funziona. Una partita storta ci può stare, ma con la Roma bisognerà rialzare la testa subito.

Mazzoleni 5 - Parte bene con una punizione fuori area per il Bologna, poi cala alla distanza. Mal coadiuvato sul primo gol (fuorigioco di pochi centimetri), gestisce male molte situazioni in mezzo alla gara: non concede il vantaggio quando dovrebbe, spezzetta il gioco e rischia di innervosire la gara più volte. Nel primo tempo non concede alcun recupero dopo già due reti segnate, nel secondo è invece fiscalissimo fino all'ultimo secondo.


TABELLINO

BOLOGNA-NAPOLI 3-2

Bologna (4-3-3): Mirante; Rossettini, Oikonomou, Gastaldello, Masina; Donsah, Diawara (dal 90' Pulgar), Brienza (dal 65’ Brighi); Mounier, Destro, Rizzo (dal 74’ Mbaye). A disp.: Da Costa, Stojanovic, Morleo, Mbaye, Ferrari, Crisetig, Giaccherini, Pulgar, Brighi, Taider, Acquafresca. All. Donadoni

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj (dal 63’ Maggio), Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan (dal 76’ David Lopez), Jorginho, Hamsik; Callejon (dal 65’ Mertens), Higuain, Insigne. A disp.: Gabriel, Rafael, Strinic, Henrique, Valdifiori, Maggio, Mertens, David Lopez, Chiriches, Dezi, El Kaddouri, Chalobah. All. Sarri

Arbitro: Mazzoleni

Marcatori: 14’ Destro, 21’ Rossettini, 60’ Destro, 87' Higuain, 90' Higuain. 

Ammoniti: Destro, Masina

Espulsi: nessuno

 




Commenta con Facebook