• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Benessere, italiani e lavoro: come lo cercano e si preparano al colloquio

Benessere, italiani e lavoro: come lo cercano e si preparano al colloquio

Il 30% vorrebbe coniugare professionalità e passione personale, il 25% preferisce la stabilità, il 24% l’equilibrio tra vita e lavoro


A lavoro (Getty Images)

05/12/2015 15:51

BENESSERE ITALIANI LAVORO COLLOQUIO WEB / ROMA - Jobrapido, primo motore di ricerca di lavoro al mondo attivo in 58 Paesi con oltre 20 milioni di offerte di lavoro postate al mese e più di 60 milioni di utenti registrati, ha realizzato la prima indagine sul mercato del lavoro in Italia, svolta a novembre su un campione di oltre 8 mila utenti iscritti alla community.  Quali sono i criteri che guidano gli italiani nella scelta del posto di lavoro che vorrebbero? Come si preparano e si informano per affrontare i colloqui? La ricerca è stata articolata su 5 aree: la scelta del posto di lavoro, i fattori chiave la guidano, la preparazione dei colloqui, gli orari e l’organizzazione e il team di lavoro ideale. Oltre il 30% degli italiani vogliono collegare professionalità e passione personale, il 25% preferisce la stabilità, il 24% l’equilibrio tra vita e lavoro. La retribuzione è una priorità solo per l’8%. Inoltre, la vicinanza a casa è il più importante dei benefit nella scelta dell’azienda (20%), mentre i cinque giorni lavorativi sono desiderati dal 54% degli intervistati, anche se crescono coloro che vorrebbero la settimana di quattro o di sei giorni di lavoro.

POSTO DI LAVORO – E’ guidata, come detto, dalla possibilità di coniugare professionalità e passione personale (30%), seguita dalla prospettiva di stabilità (25%) e dall’equilibrio lavoro-vita privata (quasi il 24%). La retribuzione è una priorità solo per l’8%.

AZIENDA DA SCEGLIERE – Per quanto riguarda la scelta dell’azienda a cui sottoporre la propria candidatura le priorità sono la posizione offerta (57%), seguita dalla vicinanza a casa (20%) e dalla buona reputazione dell’azienda (11%). Benefit e welfare aziendale sono fondamentali per il 3% degli intervistati.

INTERNET - Prima di presentarsi all’appuntamento i candidati cercano informazioni sul datore di lavoro attraverso il sito web aziendale nel 46,3% dei casi, social media (19,3%) e contatti personali (19,3%). 

ARTICOLAZIONE ORARIA - Considerando una settimana lavorativa di 40 ore settimanali, il 54,5% del campione continua a preferire 5 giorni di lavoro, mentre ben il 28,6% dichiara che non è rilevante il numero dei giorni. Il 7,7% degli intervistati, potendo scegliere, preferirebbe 4 giorni lavorativi ed il 9,2% 6 giorni lavorativi.

TEAM DI LAVORO - Nel gruppo di lavoro ideale, secondo gli italiani, una diversità culturale e di genere è importante solo per l’8% degli intervistati, così come di bassa rilevanza è un livello tecnologico uniformemente diffuso, scelto dall’1%. L’elemento invece percepito come importante è il livello di competenza rispetto al lavoro: il 75% ha tra i desideri un team di lavoro davvero “capace”, il saper “fare e bene” vince su mix di età, sesso e cultura.

Rob Brouwer, Ceo di Jobrapido ha commentato i risultati della ricerca: “L’indagine ci presenta uno spaccato caratterizzato da un grande desiderio di collegare professionalità e passioni personali, a discapito della retribuzione che è prioritaria solo per l’8% degli intervistati. Inoltre la ricerca evidenzia l’importanza della vicinanza casa-sede di lavoro per gli italiani e anche un progressivo allontanamento dal format tradizionale dei 5 giorni lavorativi. La tecnologia e internet continueranno ad assecondare questo cambiamento che però dovrà sempre contare su persone dalle competenze adeguate e ‘capaci di fare’, fattore cardine che emerge dalla nostra ricerca”.

S.C.




Commenta con Facebook