• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio-Juventus, Pioli: "Lenti, prevedibili e senza fiducia. Futuro? Non chiedete a me..."

Lazio-Juventus, Pioli: "Lenti, prevedibili e senza fiducia. Futuro? Non chiedete a me..."

Le parole del tecnico biancoceleste dopo la quinta sconfitta nelle ultime sei di campionato


Stefano Pioli ©Getty Images
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

04/12/2015 23:20

LAZIO JUVENTUS PIOLI / ROMA - Un'altra sconfitta, la quinta nelle ultime sei giornate di campionato per una Lazio spenta ed in piena difficoltà. All''Olimpico, nell'anticipo della 15a giornata, passa la Juventus che inguaia ulteriormente Stefano Pioli. Al termine della sfida, il tecnico biancoceleste si concede ai microfoni di 'Sky': "La generosità e la voglia di far la partita credo ci sia stata. Però diventa molto difficile andare sotto alla prima occasione degli avversari. È un peccato, avevamo approcciato anche bene la gara, la squadra era stata aggressiva subito. Dopo siamo stati vogliosi, ma soprattutto troppo lenti e prevedibili. Futuro? Non sono domande che dovete fare a me. Io posso solo lavorare nel miglior modo possibile come sto facendo per ridare certezze e fiducia alla squadra. Chiaramente possiamo e dobbiamo fare tutti molto di più. È una cosa strana per noi non segnare con una certa continuità e soprattutto nella partita di stasera non creare situazioni pericolose".

Pioli, poi, conclude: "Abbiamo perso fiducia e questo non ti fa tentare la giocata o l'uno contro uno. Chiaro che ci si aspetta di più dai giocatori davanti, ma è un discorso generale. Sappiamo che possiamo riprenderci mettendo in campo solo prestazioni più ordinate e volenterose, servono più brio ed intensità. Non mi aspettavo tutta questa altalenanza di prestazioni, mi aspettavo e mi aspetto di più. Le prestazioni della squadra devono esaltare i singoli, ma in queste ultime partite la squadra sta perdendo lucidità e quindi è più difficile per i singoli mettersi in evidenza. Cataldi? Sicuramente è un giocatore di grande prospettiva che ha dimostrato già di essere all'altezza, ma stasera volevamo aggredire le loro fonti di gioco ed abbiamo scelto un centrocampo a tre con un vertice alto". 




Commenta con Facebook