• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > SOCCER FEVER - Top e flop finali di Conference della Mls 2015

SOCCER FEVER - Top e flop finali di Conference della Mls 2015

Calciomercato.it vi propone un focus sul calcio a stelle e strisce


Kwarasey e Borchers (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

02/12/2015 17:00

SOCCER FEVER PLAY OFF FINALI CONFERENCE MLS 2015 / ROMA - Appuntamento speciale con Soccer Fever, la rubrica di Calciomercato.it che vi regala un approfondimento sulle finali di Conference dei playoff della Mls 2015, con i top e i flop. Deludono i New York Red Bulls di Jesse Marsch, detentori del Supporters' Shield ma sconfitti nella finale Conference ad Est dai Columbus Crew. Ad Ovest invece gioiscono i Portland Timbers che si sbarazzano del Dallas Fc e vanno in finale di Mls per la prima volta.


FINALI CONFERENCE MLS 2015: COLUMBUS CREW E PORTLAND TIMBERS SI GIOCHERANNO IL TITOLO

Tantissime emozioni nelle finali di Conference che hanno decretato quale sarà la finalissima della Mls 2015. Il prossimo 6 dicembre al 'Maprfe Stadium' di Columbus i padroni di casa (il Columbus Crew) cercheranno di sollevare la Mls Cup per la seconda volta nella propria storia ma se la dovranno vedere con una matricola terribile: i Portland Timbers che mai si erano spinti fino a questo punto. La franchigia dell'Oregon ha avuto la meglio sui texani dell' Fc Dallas (3-1 all'andata e 2-2 al ritorno). I Columbus Crew invece hanno superato, a sorpresa, i favoritissimi New York Red Bulls vincendo in casa per 2-0 e perdendo in trasferta 1-0. Sarà una finale inaspettata ma meritata, tra due compagini che hanno dimostrato di poter stare a questi livelli.


Columbus Crew-New York Red Bulls 2-0: 1' Meram, 85' Kamara; New York Red Bulls-Columbus Crew 1-0: 93' Abang.

Portland Timbers-FC Dallas 3-1: 23' Ridgewell (P), 53' Asprilla (P), 62' Texeira (D), 91' Borchers (P); FC Dallas-Portland Timbers 2-2: 54' Adi (P), 68' Hollingshead (D), 73' Perez (D), 95' Melano (P).


FINALE MLS 2015

Columbus Crew-Portland Timbers: 6/12.

 


TOP - I top assoluti di queste finali di Conference sono due protagonisti sicuramente inaspettati. Il primo è Nat Borchers, eccentrico difensore dei Portland Timbers. Originario dell'Arizona, classe '81, pettinatura stravagante e barba alla Alexi Lalas, Borchers ha giocato dei play-off davvero straordinari ma nella finale della costa Ovest contro Dallas si è addirittura superato. Sempre pericoloso sui calci da fermo nella partita d'andata, segna a tempo quasi scaduto la rete che permette alla franchigia dell'Oregon di presentarsi in Texas con due gol di vantaggio. Nella gara di ritorno si lascia andare a qualche sbavatura difensiva (non certo una novità) ma è provvidenziale nel murare Blas Perez nel finale con un intervento che a Portland ricorderanno a lungo. Sarebbe stato il 3-1 per Dallas che avrebbe riaperto i giochi. L'altro protagonista è Justin Meram, attaccante esterno nato in Michigan ma di nazionalità irachena. Nel 2-0 dei Columbus Crew ai New York Red Bulls della partita d'andata c'è tanto di suo: realizza il vantaggio e sfiora più volte il raddoppio. Il 2-0 è firmato da Kei Kamara ma è dovuto all'iniziativa del congolese Cedrick, appena entrato, che ha letteralmente portato a spasso tutta la difesa di Jesse Marsch favorendo la battuta a rete del centravanti della Sierra Leone. 


FLOP - La difesa dell' Fc Dallas poteva fare sicuramente meglio. Nella partita di andata contro i Portland Timbers il portiere Jesse Gonzalez salva più volte, ma la linea formata da Watson-Zimmerman-Hedges-Hollingshead si dimostra una vera e propria 'Maginot' soprattutto sulle palle inattive, che di fatto decidono la doppia sfida. Tra i giocatori chiave texani Diaz e Texeira non demeritano, ci si aspettava molto di più dai due esterni colombiani Barrios e Fabian Castillo, arrivati forse in riserva alla resa dei conti. Passiamo alla finale della Eastern Conference, dove a deludere è stata tutta la squadra dei New York Red Bulls. L'undici di Jesse Marsch era probabilmente la favorita principale dopo la vittoria del Supporters' Shield ma si è sciolta come neve al sole. Si salva solamente il portiere Robles ma tradiscono i migliori: Bradley Wright-Phillips e Sacha Kljestan in primis. Certo ci si è messa anche la sfortuna, con quel palo colpito all'ultimo secondo che avrebbe cambiato gli scenari. Troppo poco, però, da parte di una compagine che aveva strappato applausi a scena aperta giocando probabilmente il calcio migliore degli Usa.




Commenta con Facebook