• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-CROTONE

PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-CROTONE

Luiz Adriano migliore in campo: segna e guadagna la punizione trasformata da Bonaventura. Budemir il migliore fra i calabresi


Luiz Adriano ©Getty Images
Rocco Crea

01/12/2015 23:37

ECCO LE PAGELLE DI MILAN-CROTONE:

 

MILAN

Abbiati 6,5 – Respinge la conclusione centrale ma ravvicinata e pericolosa di De Giorgio al 25’. Non può fare nulla sul gol di Budimer.

Calabria 5,5 – Non bene in fase di contenimento. Dalla sua parte Martella quando può si infila e arriva sul fondo a mettere in mezzo palle insidiose. In fase offensiva si registra uno spunto interessante, in dribbling, al 18’. Nel complesso poco intraprendente comunque.

Zapata 5 - Subisce il tunnel di Budimir, apparendo troppo molle. L’attaccante si invola verso Abbiati e trova la rete del pareggio. Pochi minuti più tardi la scena sembra ripetersi ma facendo leva sulla buona corsa recupera la nuova imbucata dell’attaccante, cimentandosi tuttavia in un contrasto spalla contro spalla al limite del regolamento in area. Rischia molto ma salva Abbiati.

Mexes 6 – E’ lui ad impostare la manovra rossonera dalle retrovie in fase iniziale, a volte provando anche lanci lunghi perché i compagni di centrocampo si muovono poco. Soffre come Zapata la fisicità di Budimer, ma non commette errori gravi.

De Sciglio 5,5 – Un po’ anonima la sua gara. Il Crotone attacca di più dalla parte di Mattarella e quindi il terzino rossonero non fatica granché in fase di contenimento. Tuttavia le sortite offensive latitano, e quando ci sono non lasciano mai il segno.

Poli 6,5 – Trova l’imbucata per la rete del vantaggio di Luiz Adriano. Offre una prestazione di quantità e discreta qualità, correndo a tutto campo senza disdegnare gli inserimenti.  

Mauri 6 – Con la pressione meno asfissiante dei calabresi emerge a poco a poco, facendosi vedere di più dalla seconda metà del primo tempo per ricevere palla al piede ed impostare. La prima mezz’ora però soffre e praticamente rimane fuori dal gioco. Dal 98’ Montolivo 6 – Ci mette ordine in mezzo al campo, oltre all’esperienza di veterano ed alla freschezza ovvia di un giocatore subentrato nei tempi supplementari. Serve a Niang l’assist per la rete del definitivo 3-1.

Nocerino 6,5 – Prova più di una volta la conclusione da fuori, senza timore. La mira è da rivedere ma Nocerino non dimentica come fare a rendersi pericoloso quando staziona a ridosso dell’area avversaria. Cordaz devia in angolo una sua mezza sforbiciata. Dal 70‘ Bonaventura 7 – Una conclusione facile preda di Cordaz è il preludio al magistrale calcio di punizione con cui sigla il gol vittoria rossonero. Cordaz rimane immobile, non potendo fare altro che guardare la palla infilarsi sotto l’incrocio dei pali.

Suso 6,5 – Il più tecnico e pimpante dei padroni di casa nel primo tempo. Prova sempre a puntare e saltare l’uomo ed al 38’ si rende autore della conclusione più pericolosa del Milan, respinta però da Cordaz. Il suo movimento ad accentrarsi da destra verso sinistra per liberare il tiro diviene un classico. Poi però si spegne nella seconda frazione e Mihajlovic lo sostituisce. Dal 70’ Niang 6,5 – Piuttosto nervoso, rischia il giallo in almeno due occasioni. Tuttavia garantisce più vivacità all’attacco rossonero rispetto al Suso del secondo tempo. Sigla il gol del 3-1 rossonero in contropiede, calciando in porta il pallone servito da Montolivo.

Luiz Adriano 7,5 – E’ giocatore di altra categoria rispetto alle qualità del resto dei presenti in campo e si vede. Costretto molte volte a retrocedere a centrocampo per giocare palloni, è autore della bella rete con cui porta il vantaggio il Milan, raccogliendo l’assist di Poli e aggirando Cordaz in uscita. E’ ancora determinante quando guadagna la punizione dal limite realizzata poi da Bonaventura.

Honda 5 – Poco incisivo, anzi per nulla. Il giapponese non inventa e non mette a disposizione della causa la sua fantasia. Contro l’accorta difesa del Crotone il Milan ne avrebbe avuto bisogno.

All. Mihajlovic 6 – Il primo tempo giocato dai suoi è piuttosto deludente, tuttavia nell’intervallo non adopera cambi. Si fa comunque sentire nello spogliatoio e ad un minuto dal ritorno in campo i risultati arrivano, con la rete del vantaggio di Luiz Adriano. Ad ogni modo la sua squadra gioca adagiandosi sulla sufficienza e di sicuro non avrà ottenuto le risposte attese soprattutto in ottica campionato.

 

CROTONE

Cordaz 6,5 – Respinge la conclusione ravvicinata di Suso  al 38’ del primo tempo ma si fa saltare da Luiz Adriano in occasione del gol rossonero. Si oppone molto bene ad una mezza sforbiciata di Nocerino deviando la palla in corner. Immobile sul calcio di punizione firmato da Bonaventura ed incolpevole sul tris firmato da Niang.

Yao 6,5 – Non svolge male la sua gara, anche se si limita al compitino. Tuttavia lo esegue senza sbavature e senza perdersi in fronzoli inutili. Ha il merito di sbarrare sempre la strada a Honda. Dal 70’ Galli 6 – Sufficiente la sua prova nonostante i tre gol del Milan. Rileva Yao facendo il suo.

Cremonesi 5,5 – Attento in difesa, concede molto poco ma si rende autore del fallo su Luiz Adriano che porta Bonaventura al gol vittoria. Peccato, sino a quel momento si era reso impeccabile.

Ferrari 6,5 – Buona la sua prova. In collaborazione con Cremonesi chiude tutti gli spazi e la passa liscia nelle rare volte in cui buca l’intervento. Nel complesso gara accorta ed equilibrata.

Balasa 6,5 – Mette nel mezzo palloni interessanti come quello per il colpo di testa di Budimir nel secondo tempo, lasciato in completa solitudine di colpire, ma finito fuori dallo specchio della porta di Abbiati.

Paro 6 – Quando c’è da difendere non fa certo lo schizzinoso, e gioca come un qualunque gregario. Quando però c’è da impostare, invece, la manovra passa dai suoi piedi. Niente di particolarmente brillante, ma la sua gara è fatta di equilibrio e sostanza. Mette al servizio della squadra la sua esperienza quando si tratta di mantenere il possesso.

Barberis 6,5 – Arpiona-palloni, è dedito a compiti difensivi molto più di Paro. Garantisce schermo e protezione alla difesa calabrese. Serve a Budemir l’assist perla rete del pari.

Martella 7 – Inesauribile sulla propria fascia di competenza. Sgroppa dall’inizio mettendo al centro palloni velenosissimi, e arriva anche vicino alla rete del pareggio quando sovrasta Calabria di testa, tuttavia senza trovare fortuna. Migliore dei suoi dopo Budimir.

De Giorgio 6,5 – Autore di una gara tutta polmoni. Si propone in avanti come da copione, e da ruolo, ma è anche dedito alla fase di copertura. Va vicino alla rete del vantaggio al 25’, quando calcia un pallone pericoloso respinto però da Abbiati.

Palladino 6 – Buona la sua gara per i movimenti effettuati. Ci mette esperienza per far salire i compagni e detta bene i passaggi. Per poco non arriva sulla palla respinta da Abbiati nell’occasione capitata a De Giorgio. Esce per un guaio fisico nel primo tempo. Dal 31’ Budimir 7 – Centravanti fisico ed intraprendente, mette a segno lo splendido gol del pareggio liberandosi della marcatura di Zapata con un tunnel. Va vicino al raddoppio con un colpo di testa ed ha comunque il merito di far fare una cattiva figura al centrale colombiano grazie alla sua buonissima prestazione.

Torromino 6,5 – Mette paura al Milan nel primo tempo grazie ad un tiro da fuori deviato in corner da Abbiati. Partita molto dinamica la sua, specie nel primo tempo dove con la collaborazione di Martella crea apprensioni ai rossoneri. Dal 66’ Stoian 6 – Nulla di meglio rispetto a quanto fatto vedere da Torromino, ma la sua prova rimane comunque sufficiente.

All. Juric 6,5 – Esce sconfitto dal Meazza ma a testa alta, come tutto il suo Crotone. La squadra gioca bene e non a caso occupa la seconda piazza della Serie B. Incita i suoi a non mollare nemmeno dopo la rete di Bonaventura.

 

Arbitro: Fabbri 6 – Buona la sua conduzione, anche se alcune volte lascia correre anche quando potrebbe fischiare. Episodio al limite sul contatto Zapata-Budemir, in cui la punta calabrese va giù in area ma giudica bene: non è rigore.

 

TABELLINO

Milan-Crotone 3-1

Milan (4-3-3): Abbiati, Calabria, Zapata, Mexes, De Sciglio, Poli, Mauri (dal 98‘ Montolivo), Nocerino (dal 70’ Bonaventura), Suso (dal 70’ Niang), Luiz Adriano, Honda. A disposizione: Livieri, Donnarumma, Abate, De Santis, Romagnoli, Crociata, Locatelli, Bacca, Hamadi. All. Mihajlovic

Crotone (3-4-3): Cordaz, Yao (dal 70’ Galli), Cremonesi, Ferrari, Balasa, Capezzi, Barberis, Paro, Martella, De Giorgio, Palladino (dal 31’ Budimir), Torromino (dal 66’ Stoian). A disposizione: Festa, Maniero, Bruno, Claiton, Zampano, Sabbione, Capezzi, Tounkara, Ricci, Firenze. All. Juric

Marcatori: 46’ Luiz Adriano (M), 67’ Budimir (C), 106’ Bonaventura (M), 115’ Niang (M)

Arbitro: Michael Fabbri (Sez. di Ravenna)

Ammoniti: 64’ Mauri (M), 83’ Balasa (C), 108’ Luiz Adriano (M),

Espulsi: 




Commenta con Facebook