• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Champions league > Arsenal, bordata di Wenger alla Uefa: "Il doping viene tollerato"

Arsenal, bordata di Wenger alla Uefa: "Il doping viene tollerato"

Il manager dei 'Gunners' ha fatto riferimento al caso di Ademi


Arsene Wenger ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

24/11/2015 16:05

CALCIO CHAMPIONS LEAGUE ARSENAL WENGER UEFA DOPING / LONDRA (Inghilterra) - Arsene Wenger non ha nessuna intenzione di deporre l'ascia di guerra nei confronti della Uefa e del doping, dopo aver dichiarato nei giorni scorsi che il suo Arsenal, in passato, ha sicuramente affrontato squadre dopate. Il manager francese è intervenuto in conferenza stampa per presentare la sfida di Champions League con la Dinamo Zagabria, che sarà decisiva per il passaggio del turno. Wenger non ha gradito che il risultato della gara di andata, vinta dai croati, sia stato omologato nonostante la presenza Arijan Ademi, risultato poi positivo all'antidoping e sospeso per quattro anni. Queste le parole dell'allenatore dei 'Gunners' raccolte da 'Skysports' riguardanti la norma secondo cui il club croato non abbia subito nessun tipo di penalizzazione: "E una regola sorprendente, la Uefa la ha applicata perché è prevista ma personalmente non sono d'accordo. Non puoi dire che avevano un giocatore dopato e poi conservare quel risultato. Questo significa che di base accetti il doping".

RISPOSTA DINAMO - Non si è fatta attendere la replica della Dinamo Zagabria attraverso le parole dell'allenatore Zoran Mamic, raccolte da 'Skysports': "Il signor Wenger può pensare e parlare di ciò che vuole ma ci sono altre persone che prendono decisioni su questo e così sarà anche in futuro. Posso suggerirgli di scrivere personalmente le regole Uefa, credo che questa situazione non sia il punto focale della conferenza stampa e quindi non c'è bisogno di parlare di Ademi".




Commenta con Facebook