• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, quattro reti alle critiche: col Napoli pragmatismo contro estetica

Inter, quattro reti alle critiche: col Napoli pragmatismo contro estetica

Il prossimo turno regalerà una sfida quasi dal sapore filosofico: ci si gioca il primato in Serie A


Inter ©Getty Images
Omar Parretti (@omarJHparretti)

23/11/2015 16:48

INTER MANCINI NAPOLI SERIE A / MILANO - E adesso cosa dire sull'Inter dopo il 4-0 interno in casa contro il Frosinone? Vero: i ciociari non sono una squadra che sulla carta dovrebbe impensierire i nerazzurri, ma la Juventus contro di loro aveva perso i tre punti in casa. I nerazzurri dopo la grande serie di 1-0 stagionali, molti dei quali particolarmente risicati, sono riusciti finalmente a far divertire dal punto di vista realizzativo 'San Siro', che comunque fino ad ora ha gradito senza polemiche i 30 punti in campionato. Insomma le grandi discussioni sul gioco dell'Inter arrivano soprattutto dall'esterno e non dal mondo nerazzurro, che dopo anni 'mesti' si tiene il primato anche senza calcio spettacolo.

Non bellissimi da vedere, ma estremamente efficaci e pragmatici, più di Napoli, Fiorentina e Roma, che seppur più gradevoli sono dietro in classifica. Nel prossimo turno però ci sarà una piccola ed iniziale resa dei conti tra estetismo e praticità: la sfida tra i partenopei e gli uomini di Mancini. Il gioco di Sarri sta ricevendo elogi da più parti: difesa ferrea ed attacco che regala occasioni a grappoli, anche se poi alla fine molto spesso è stato sempre il campione, Gonzalo Higuain, a mettere in riga gli avversari. Guai a parlare di 'Higuain-dipendenza', Sarri non ve lo perdonerebbe, ma è chiaro come l'Inter fino ad adesso sia riuscita a fare a meno dei gol di un bomber (10 del 'Pipita' contro 4 di Icardi, meno della metà).

I lombardi però hanno mandato in rete dieci giocatori diversi e su diverse situazioni, non solo su azione manovrata ma anche sugli sviluppi da palla inattiva. Da questo punto di vista ha fatto benissimo anche il Napoli, però tutte le reti sono venute fuori dopo azioni corali: un limite? Forse. Se il Napoli non fa gioco, il Napoli non segna; almeno secondo quanto ci sta raccontando questo avvio di campionato.




Commenta con Facebook