• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > I Craque del momento > I CRAQUE DEL MOMENTO - Italia, Marchisio è l'ago della bilancia

I CRAQUE DEL MOMENTO - Italia, Marchisio è l'ago della bilancia

Il centrocampista della Juventus garantisce equilibrio alla squadra. Vediamo perché


Claudio Marchisio ©Getty Images
Jonathan Terreni

19/11/2015 10:15

I CRAQUE DEL MOMENTO MARCHISIO ITALIA CONTE / ROMA - L'Italia sembra ancora un cantiere apertissimo. Euro 2016 è alle porte e le occasioni per Conte di provare nuove soluzioni sono sempre meno, se ne riparlerà in primavera. Esperimenti, schemi e moduli: i dubbi del Ct sono tanti, derivati anche dal poco materiale a disposizione. Tanti esterni, poche prime punte e il trequartista che non rientra nelle idee dell'allenatore. Tra tutte queste cose però c'è chi è sicuro di un posto. Claudio Marchisio è tra gli intoccabili di Conte che lo conosce bene dai tempi della Juventus. A centrocampo un posto sarà certamente suo, che si giochi a tre o a due. Ecco quello che il centrocampista della Juventus può offrire meglio di tutti:

1) EQUILIBRIO - Marchisio in realtà non è l'unico che potrebbe dare equilibrio alla squadra ma è l'ago della bilancia azzurra. E' il solo che può farlo garantendo allo stesso tempo qualità e quantità. In mezzo al campo Verratti (e Pirlo, se tornerà in azzurro) è più portato alla costruzione. Parolo paga un po' di timidezza. Soriano, uno dei migliori del nostro campionato, sembra ancora acerbo per certi palcoscenici. Inserimento, copertura, visione di gioco: Marchisio abbina meglio di ogni altre queste caratteristiche. Copertura soprattutto, perché se Conte dovesse portare avanti il 4-2-4, ne servirà in abbondanza.

2) ESPERIENZA - Di esperienza Marchisio ne ha da vendere. Alla soglia dei 30 anni non si è fatto mancare nulla a livello mondiale. E' uno a cui non tremano le gambe in certe partite, l'importante è che stia bene fisicamente altrimenti sono dolori. Se arrivasse al top della forma in estate sarà un pilastro del centrocampo, insostituibile al momento anche per intelligenza calcistica. Nel gruppo azzurro ormai è tra i senatori di lungo corso: la sua voce conta e in una competizione come l'Europeo è manna dal cielo per una squadra ancora in cerca di solidità.




Commenta con Facebook