• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, papà Salah: "Ora è più felice. La Fiorentina? Aveva paura di andare lì"

Roma, papà Salah: "Ora è più felice. La Fiorentina? Aveva paura di andare lì"

Il padre dell'attaccante: "L'infortunio al derby tra i momenti più brutti della mia vita"


Mohamed Salah ©Getty Images
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

15/11/2015 08:55

ROMA INTERVISTA PAPà SALAH LA GAZZETTA SPORTIVA / ROMA - Il padre dell'attaccante della Roma Mohamed Salah, Ghaly, ha rilasciato alcune dichiarazioni a 'La Gazzetta Sportiva', di cui vi riportiamo alcuni estratti.

L'INFORTUNIO NEL DERBY - "E' stato tra i momenti più brutti della mia vita. Abbiamo avuto grande paura, non sapevamo cosa fare. L'ansia è durata fino al momento in cui ha risposto a sua sorella per rassicurarci che stava bene e che non si era rotto il piede, dicendoci che tornerà a giocare fra un mese. I medici, però, gli hanno consigliato di non affrettare il ritorno. Tornerà più forte di prima".

FELICITà A ROMA - "Mohamed è certamente più felice a Roma che a Firenze. Gioca per una squadra che vuol vincere titoli, tutti i compagni gli vogliono bene, soprattutto Nainggolan che è stato il primo ad arrabbiarsi dopo il violento intervento di Lulic. Anche Totti gli vuole bene e lo aiuta. I giallorossi vogliono vincere lo Scudetto. C'è grande competizione e le cose vanno bene. Il rapporto tra Garcia e Mohamed è più che eccellente. Quando esce tutti lo festeggiano. Gli italiani sono un popolo amichevole con caratteristiche simili alle nostre. E poi ci sono molti egiziani che vivono in Italia, quindi Mohamed si sente a casa".

LA FIORENTINA - "Mohamed aveva paura di andarci, per lui tutto era un mondo nuovo, ma gli ho detto: 'Il prestito è solo per 6 mesi, se li passi in panchina sarà come stare al Chelsea e se giochi titolare di certo sarà meglio per te'. La decisione è stata giusta, Mohamed ha potuto presentarsi in Italia in modo eccezionale. Sapevo che avrebbe avuto grande successo se si fosse trasferito a giocare in Europa".
 




Commenta con Facebook