• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, la rivoluzione di Sarri parte da Jorginho

Napoli, la rivoluzione di Sarri parte da Jorginho

Conte rischia di perdere il sostituto di Pirlo in Nazionale


Jorginho (Getty Images)
Luca Incoronato

12/11/2015 16:27

NAPOLI JORGINHO SARRI NAZIONALE / NAPOLI - Nel corso degli ultimi anni il centrocampo azzurro ha subito molte modifiche, sia a livello di uomini che di modulo. Si è passati dall'atteggiamento difensivo di Mazzarri a quello propositivo di Benitez. Nel primo caso si è ottenuta un'ulteriore linea difensiva avanzata, quasi del tutto incapace di impostare il gioco, e nel secondo una mediana 'molle', volta maggiormente al dialogo con gli attaccanti. 

Con Sarri il volto del centrocampo azzurro è del tutto mutato, riportando Hamsik nel ruolo più congeniale alle sue capacita, ma soprattutto riuscendo a donare al Napoli un vero regista, come mancava dai tempi dell'inutilizzato Cigarini. Una sorte simile sarebbe toccata anche a Jorginho, pronto a lasciare la piazza azzurra, che ora si ritrova invece a tirare le redini di questa squadra, gestendone i ritmi in maniera esemplare. In breve è riuscito a 'rubare' il posto a Valdifiori, pupillo di Sarri, e ora il suo nome compare sui taccuini dei direttori sportivi di alcune big europee, oltre che su quello di due commissari tecnici. 

Nonostante la mancata convocazione di Conte per le due amichevoli che attendono la Nazionale, Jorginho è di certo un osservato speciale in chiave Italia. A 'Radio Kiss Kiss' ha dichiarato di sentirsi tranquillo a riguardo: "Penso sempre prima al Napoli. La Nazionale sarà una diretta conseguenza del mio lavoro". Ora che si rivede il regista ammirato al Verona, anche il Brasile pare riflettere su una sua convocazione. Il suo agente non smentisce tali voci, e fino a quanto Conte continuerà a 'ignorarlo', il rischio di perdere il vero sostituto di Andrea Pirlo è più che concreto.




Commenta con Facebook