• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Altro > FIFA, Infantino: "La mia candidatura non è una sfida a Platini. Ho già in mente tre riforme"

FIFA, Infantino: "La mia candidatura non è una sfida a Platini. Ho già in mente tre riforme"

L'attuale segretario della UEFA ha esposto le proprie idee per quando riguarda il futuro della Federazione internazionale


Gianni Infantino, durante i sorteggi Champions League (Getty Images)

10/11/2015 10:15

INFANTINO CANDIDATO ALLA PRESIDENZA DELLA FIFA/ NYON (Svizzera) - Gianni Infantino è pronto: la UEFA ha deciso di puntare su di lui per la corsa al ruolo di nuovo presidente della FIFA. "Serviva un altro nome: Platini è sospeso e non può neanche far sentire la sua voce. Nelle discussioni è uscito il mio nome. Ed eccomi qui”, ha spiegato lo stesso Infantino sulle colonne de 'La Gazzetta dello Sport’.

"Potevo continuare da segretario Uefa e assistere alla rovina del calcio - ha proseguito l'attuale segretario della UEFA - Oppure metterci la faccia e lavorare per il calcio. Essere dirigente non significa soltanto assistere alle partite, ma assumersi responsabilità. Ecco perché ho detto sì. Con umiltà e rispetto, ma fiero di poter fare qualcosa”. 

Le linee guida del suo programma sono già delineate: "Ho in mente tre cose urgenti: la trasparenza finanziaria, per capire come i soldi entrano ed escono; la separazione dei poteri: l’Esecutivo presto si chiamerà Consiglio e diventerà l’organo politico, separandosi dall’amministrazione. Infine limiti ai mandati e all’età”.

Ma Platini come ha preso questa decisione? "Platini è il mio presidente e lavoro con lui da nove anni. È chiaro che ho il suo appoggio, altrimenti non mi sarei candidato. E sia ancor più chiara un'altra cosa: la mia non è una candidatura contro Michel. Se lui potrà presentarsi, io mi ritirerò”, ha chiarito Infantino.

D.G. 




Commenta con Facebook