• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Primo Piano > Juventus, da Mandzukic agli scontri diretti in casa: ecco perché Allegri può credere allo Scudetto

Juventus, da Mandzukic agli scontri diretti in casa: ecco perché Allegri può credere allo Scudetto

Il croato ieri si è sbloccato, mentre Dybala resta una certezza. In attesa dei gol di Morata e Pogba


Mario Mandzukic ©Getty Images
Marco Di Federico

09/11/2015 13:30

JUVENTUS EMPOLI SCUDETTO ALLEGRI / TORINO - La Juventus conquista per la prima volta in campionato due vittorie consecutive, passando 3-1 ad Empoli dopo la vittoria in extremis nel derby contro il Torino. Un segnale importante per Allegri, che arriva alla sosta con una classifica almeno sufficiente, visto che i bianconeri sono ora settimi in compagnia di Lazio ed Atalanta, a -9 dalla vetta. Le news Juventus non sono però del tutte positive, visto che davanti la corsa di Fiorentina, Inter, Roma e Napoli non si ferma, ma i bianconeri hanno comunque conquistato 9 punti nelle ultime 4 gare, dimostrando di essere sulla via della 'guarigione' dopo un inizio stentato. Dal ritorno al gol di Mandzukic fino al calendario in campionato, passando per il rientro di Lichtsteiner ed il rendimento super di Buffon, analizziamo i motivi per cui la Juventus deve essere considerata ancora una candidata allo Scudetto.

SUPER DYBALA E DI NUOVO MANDZUKIC: ALLEGRI RITROVA I GOL DELLE PUNTE. IN ATTESA DI MORATA

Al 'Castellani' si è sbloccato Mario Mandzukic, su cui il tecnico continua a puntare molto per la sua forza fisica ed esperienza. Secondo gol in campionato dopo quello all'Atalanta, quarto in assoluto da quando è a Torino. Il rendimento del croato è stato uno dei problemi maggiori per Allegri, visto che l'ex Atletico ha faticato spesso per trovare la via della rete finora. Come punta centrale nel 4-3-3, viste le sue caratteristiche da bomber d'area di rigore, sta ritrovando le certezze smarrite grazie al grande lavoro sulle fasce di Cuadrado e Morata, forse il più penalizzato dal nuovo modulo ma straordinario ieri per abnegazione e spirito di sacrificio. Lo spagnolo non è ancora quello della passata stagione in termini di gol, ma tatticamente resta fondamentale per Allegri, che infatti quasi mai rinuncia a lui. E poi c'è Dybala, bomber bianconero di questo inizio di stagione, decisivo anche entrando dalla panchina. Dai gol degli attaccanti - e da quelli di Pogba, in crescita nelle ultime uscite - passa il futuro della Juventus, che non può più contare sull'ottimo rendimento in termini realizzativi di Vidal o sulle punizioni ed i colpi di genio di Andrea Pirlo.

IL CALENDARIO SORRIDE AD ALLEGRI, CHE PUO' CONTARE POI SUI RIENTRI ECCELLENTI DAGLI INFORTUNI E SU UN GRANDE BUFFON

Al momento la Juventus ha soltanto due calciatori ai box, ovvero Asamoah e Pereyra. Un vero e proprio lusso per Allegri, dopo che l'inizio di stagione ha portato in dote al tecnico una serie incredibili di infortuni, molti di questi muscolari. I rientri di Khedira e Marchisio sono stati fondamentali per ridare fosforo ed esperienza in mezzo al campo, così come è fondamentale per la Juventus riavere a disposizione di nuovo Lichtsteiner, il miglior terzino destro della Serie A sommando entrambe le fasi. Non è un caso che con il rientro di molti dei suoi migliori giocatori, la squadra bianconera abbia subito solo 3 gol nelle ultime 5 gare, di cui 2 da calcio da fermo. Di sicuro a tenere in piedi la baracca è stato nelle ultime settimane anche Gigi Buffon, straordinario in questo inizio di stagione ed in forma scintillante nonostante i 37 anni di età. Dal suo capitano, la Juventus sta ricominciando l'inseguimento alla vetta, ancora lontana ma con un jolly nelle tasche di Allegri: tutti i prossimi scontri diretti, i campioni d'Italia li giocheranno tra le mura amiche dello 'Juventus Stadium'. Il Milan per iniziare dopo la sosta, Fiorentina, Roma, Napoli ed Inter andranno tutte ad affrontare i bianconeri in trasferta. Includendo anche il Sassuolo, la Juventus sfiderà tutte le squadre che ha davanti in classifica di fronte al suo pubblico. Un 'aiuto' non di poco conto per chi è costretto a non sbagliare più.




Commenta con Facebook