• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI TORINO-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI TORINO-INTER

Handanovic stratosferico. Kondogbia è finalmente decisivo e regala la vittoria ai nerazzurri. Bruno Peres l'ultimo ad arrendersi fra i granata


Kondogbia © Getty Images
Rocco Crea

08/11/2015 14:32

ECCO LE PAGELLE DI TORINO-INTER:

 

TORINO

Padelli 6 – Non può nulla quando si ritrova Kondogbia ad un passo che lo trafigge per la rete del vantaggio interista.

Gaston Silva 6 – Non male la sua gara. Alterna qualche buco con qualche buon recupero, come per esempio su Icardi nel spalla a spalla del primo tempo.

Glik 6 – Ingaggia un duello tutto muscoli con Icardi, e rimedia anche un cartellino giallo. Non molto preciso in occasione di qualche appoggio, tuttavia limita bene la punta argentina.

Moretti 6 – La solita partita fatta di concretezza e pochi fronzoli.

Bruno Peres 6,5 – A volte è straripante, come quando parte palla al piede e ne dribbla tre in un colpo. Un po’ troppo discontinuo nell’arco dei novanta minuti, esce esausto ed acciaccato sostituito da Zappacosta. Dal 78’ Zappacosta 6 – Non male i dodici minuti più recupero in campo. Non entra per fare la bella statuina.

Benassi 6,5 – Soltanto la traversa dice no ad un gol che sarebbe stato da cineteca, in virtù di un bel tiro a giro da fuori area effettuato nella prima frazione. Poi conduce una partita fatta di recuperi e sacrificio, ma il ragazzo ha anche qualità.

Vives 6 – Tappabuchi non sempre preciso e non sempre qualitativo nel suo apporto. Nel complesso però non fa male.

Baselli 5,5 – Deludente in zona offensiva oggi, ed è proprio li che il Toro avrebbe avuto maggiore bisogno del suo apporto. Sono mancati i suoi inserimenti ed anche le sue geometrie. Doveva essere un po’ il collante fra l’attacco ed il resto della squadra ma Quagliarella e Belotti oggi sono rimasti soli. Dall’82 Amauri – s.v.

Molinaro 5,5 – Sgroppa quando può ma di palloni buoni messi in mezzo praticamente non se ne vedono.

Belotti 5 – Sbaglia un numero irragionevole di appoggi per i compagni facendo anche perdere molti tempi di gioco alla squadra, che invece cerca spesso di salire appoggiandosi al “gallo”. Male. Dal 63’ Maxi Lopez 6 -

Quagliarella 5,5 – Anche lui gioca un po’ troppo “alla Belotti”, tenendo e proteggendo poche volte il pallone, ed anzi spizzando troppo spesso la sfera che quindi diviene molte volte facile preda dei difensori nerazzurri. Contro Murillo e Miranda sarebbe servita maggiore consistenza quest’oggi.

All. Ventura 5,5 – Il suo Toro è ben poca cosa in zona gol, tuttavia ci mette grinta e voglia di recuperare cosi come vuole il suo tecnico. I cambi non apportano nulla a beneficio dei granata.

 

INTER

Handanovic 8,5 – Quello di cui si rende protagonista ad inizio ripresa è qualcosa di sconvolgente. Miracola sulla conclusione di Quagliarella respingendo il pallone che finisce sui piedi di Belotti sui cui è costretto a ripetersi dicendo ancora no. Smanaccia anche in angolo il tiro di Quagliarella imbeccato da Baselli e la sua uscita su Vives, a tre minuti dal termine risulta ancora decisiva. Potenza e reattività, è questo Samir Handanovic.

Miranda 6 – Pochi affanni nonostante il Toro cerchi di recuperare lo svantaggio del primo tempo per tutta la gara, pur senza far troppo male. In coppia con Murillo regge l’urto rendendo sterili gli affondi granata.

Murillo 7 – Bella partita la sua. Non per aver posto delle pezze salva-porta, ma per aver annullato sin dal principio qualunque giocata granata si materializzasse dalle sue parti. Attento negli anticipi, duro ma mai rude, gioca con personalità e senza correre affanni. Dal 94’ Ranocchia – s.v.

Juan Jesus 6 – Non male quando difende perché si trasforma nel terzo di una difesa che diviene a cinque, anche perché non è certo facile duellare con una scheggia come Bruno Peres. Nagatomo spesso lo aiuta nel compito e lui tutto sommato se la cava.

Nagatomo 6 – Non è certo straripante in fase offensiva, ma comunque corre e non si risparmia. E’ prezioso quando si tratta di difendere e dare una mano a Juan Jesus in contrasto alle discese di Bruno Peres.

Medel 6,5 – Corre, cuce ed arpiona palloni. Questo è il giocatore indispensabile per l’economia del gioco di Mancini. Se l’Inter è vero che non esprime un bellissimo calcio ma tuttavia rimane solida ed ostica, lo si deve soprattutto al piccolo giocatore cileno.

Felipe Melo 5,5 – Dinamico e molto aggressivo nei primi minuti, tuttavia non sempre è capace di rimanere lucido con la palla fra i piedi. Sbaglia non poco quando si tratta di appoggiare e mettere ordine.

Kondogbia 7 – Sbuca quasi dal nulla, nel bel mezzo della confusione in area di rigore granata al momento del piattone che trafigge Padelli per la rete del vantaggio. Anche buoni spunti specialmente nel primo tempo e buon filtro davanti alla difesa quando è il Torino a dover fare la partita.

D’Ambrosio 6 – Un po’ troppo timido quando si tratta di compiere sortite offensive, si limita al compitino.

Palacio 6 – Prezioso pur non essendo devastante: questo è Rodrigo Palacio. Prolunga di testa quello che diviene l’assist per la rete di Kondogbia. Dal 76’ Ljajic – s.v.

Icardi 6 – Ancora non si vede in zona gol, tuttavia fa un buon lavoro in favore della squadra perché lotta e fa salire i compagni quando serve. Il miglior Icardi è lontano da quello visto oggi all’Olimpico. Dal 68’ Perisic 5 - Le poche volte che si fa vedere fa male, ma non agli avversari.

All. Mancini 6,5 – Vince ancora un’altra partita facendo giocare i suoi in modo solido e cinico, sebbene non spettacolare. La sua Inter è infatti tosta e difficile da sorprendere. E va benissimo cosi.

 

Arbitro: Irrati 7 – Significativo quando non segnala un fuorigioco a Quagliarella che invece il guardalinee, erroneamente, aveva sbandierato. Lascia giocare senza interrompere per ogni caduta, e lo spettacolo ringrazia. Coraggioso ma bravo a non fischiare i calci di rigore richiesti dal Toro, perché non ci sono.

 

TABELLINO

Torino-Inter 0-1

Torino (3-5-2): Padelli, Gaston Silva, Glik, Moretti, Bruno Peres (dal 78’ Zappacosta), Benassi , Vives, Baselli, Molinaro, Belotti (dal 63’ Maxi Lopez), Quagliarella. A disposizione: Ichazo, Castellazzi, Gazzi, Prcic, Pryima, Acquah, Amauri, Martinez. All. Ventura

Inter (3-5-2): Handanovic, Miranda, Murillo (dal 94’ Ranocchia), Juan Jesus, Nagatomo, Medel, Felipe Melo, Kondogbia, D’Ambrosio, Palacio (dal 76’ Ljajic), Icardi (dal 68’ Perisic). A disposizione: Carrizo, Montoya, Telles, Santon, Gnoukouri, Manaj, Brozovic, Jovetic, Biabiany. All. Mancini

Marcatori: 31’ Kondogbia (I)

Arbitro: Massimiliano Irrati (Sez. di Pistoia)

Ammoniti: 30’ Glik (T), 63’ Medel (I), 75’ Bruno Peres (T)

Espulsi: 




Commenta con Facebook