• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Calciomercato Napoli, De Laurentiis: "A gennaio non andrà via nessuno"

Calciomercato Napoli, De Laurentiis: "A gennaio non andrà via nessuno"

Il patron azzurro parla anche della riforma dei campionati e della corsa scudetto


Aurelio De Laurentiis ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

06/11/2015 16:08

CALCIOMERCATO NAPOLI DE LAURENTIIS / MILANO - Un Aurelio De Laurentiis a tutto campo quello che parla arrivando nella Lega di Serie A per la riunione della Commissione che dovrà riformare i campionati professionistici. Il patron azzurro tocca svariati argomenti: dalla riduzione delle squadre di Serie A alla modifica dei campionati di B e C, per poi toccare il discorso scudetto e il calciomercato Napoli

Si parte proprio dal calciomercato: "Se la squadra funziona chi vado a prendere. Rischio che poi qualcuno finisca in panchina e crei problemi di spogliatoio. Vedremo, sicuro non andrà via nessuno per gli arrivi vedremo. Valdifiori? Lo cercavo da gennaio, ora abbiamo ritrovato anche Jorginho. Ho due registi e nessuno li ha: una soddisfazione una volta tanto". 

Poi il presidente dei partenopei si sofferma sulla corsa scudetto: "Contro l'Inter il 30 novembre non sarà sfida scudetto. Per sapere qualcosa di più in questo campionato dobbiamo aspettare marzo. Sarri ha il merito di non bruciare i calciatori: Strinic e Maggio non lo convincevano, ma a furia di allenarli ha ottenuto ottimi risultati".

Si passa poi alle riforme: "Servirebbe un campionato a 16 squadra, non è giusto che qualcuno salga in A per prendere qualche milione  e poi riscendere subito. La penso come Lotito? No, lui viene dopo di me: io dicevo queste cose nel 1999. Chi partecipa al campionato deve fornire garanzie per evitare altri casi Parma. Abbiamo una Covisoc che non serve a nulla, una Federcalcio che non serve a nulla, una Lega che si è divisa dalla B ma continua a pagarla. O la Serie B è autosufficiente, oppure è assurdo che esista con i soldi di altri. B e C devono avere limiti salariali: la C con soli italiani e la B aperta agli Europei, ma sotto i 22 anni. Allora diventano un vero serbatoio per la Serie A".

 




Commenta con Facebook