• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO-SAMPDORIA

PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO-SAMPDORIA

Meggiorini è incontenibile, prima gioia per Inglese. Eder, gol e primato in classifica marcatori


Chievo-Sampdoria (Getty Images)
Pasquale La Ragione (@pasqlaragione)

02/11/2015 21:13

ECCO LE PAGELLE DI CHIEVO-SAMPDORIA

 

CHIEVO

Bizzarri 6 – Non può nulla sulla prima rete della Sampdoria. Stupendo intervento su Muriel nei secondi 45’ ed è l’unica vera parata della sua partita.

Cacciatore 6 – Match complicato per il terzino gialloblu: il suo diretto avversario è Eder, non uno qualunque. Resta dunque bloccato per lunghi tratti della gara: spinge poco, ma quando lo fa sa rendersi pericoloso: è lui ad andare vicinissimo al gol del 2-1 con un colpo di testa.

Gamberini 6 – Ci mette il fisico per tenere a bada Muriel, ma quando il colombiano parte palla al piede non può far altro che pregare.

Dainelli 6 – Mette tutta la sua esperienza per contenere gli attacchi del trittico blucerchiato. Ci riesce abilmente nella ripresa. Di testa le prende tutte. 

Gobbi 6,5 – Solita partita di qualità per l’ex Parma. Nel primo tempo non si fa mai superare da Ivan e appoggia sempre la manovra offensiva.

Castro 6 – Non si ferma mai. Corre tantissimo e limita il raggio d’azione di Barreto. Puntuale negli inserimenti in area di rigore: intorno al 50esimo ha sul suo destro una ghiotta occasione, ma si immola Mesbah che salva.

Radovanovic 5 – Partita quasi anonima la sua. Non entra mai in partita ed incide poco sul match.

Hetemaj 6 – Qualità e quantità, per Maran è un calciatore indispensabile. Il mastino finlandese pressa tutti e recuperare tantissimi palloni. Intraprendente quando si fa vedere in zona d’attacco.

Birsa 6 – Furbo nel battere velocemente la rimessa laterale da cui nasce il gol dei padroni di casa. Si muove continuamente fra le linee e cerca sempre la verticalizzazione rapida per i due attaccanti. Sfera in cassaforte quando è in possesso del suo mancino. Dal 77’ Pepe - sv.

Meggiorini 7 – Fra i clivensi è quello più pericoloso. Si muove per tutto il fronte d’attacco. Assist al bacio per Inglese in occasione dell’1-1. Pennella un cross delizioso anche nei primi minuti della ripresa, ma Castro non ne approfitta. Sostituito, esce fra gli applausi del ‘Bentegodi’. Dall’83’ Rigoni – sv.

Inglese 6,5 – Maran gli regala una chance dal primo minuto e lui la sfrutta a dovere con la sua prima rete in Serie A. Dal 63’ Paloschi 6 – Ci mette davvero poco ad entrare in clima partita. Si rende subito pericoloso in area di rigore come solo lui sa fare. Ha l’opportunità giusta nel finale per regalare la vittoria ai suoi: miracolo di Viviano.

All. Maran 6 – Mossa a sorpresa del tecnico gialloblu: dentro Inglese, fuori Paloschi. Scelta che porta i suoi frutti: l’attaccante segna il gol dell’1-1, il suo primo nella massima serie. L’ex allenatore del Catania si fa espellere nel corso della ripresa per “accese” proteste nei confronti dell’arbitro.

 

SAMPDORIA

Viviano 6,5 – Tocca diversi palloni e lo fa sempre con tranquillità. Sul gol di Inglese può ben poco. E’ monumentale invece su Paloschi negli ultimi minuti di partita: salva così il risultato.

Cassani 6 – Poco apporto alla fase offensiva, ma il suo lavoro lo fa e anche bene. Non aiutato da Carbonero, nel secondo tempo soffre le folate dei gialloblu.

Silvestre 6 – E’ il leader della difesa blucerchiata: la sua fisicità si fa sentire in area di rigore. Però l’incessante movimento di Meggiorini mette in difficoltà pure lui ed è costretto al fallo in più di un’occasione.

Zukanovic 5,5 – Grazie al suo sinistro educato, riesce a far partire l’azione in maniera ordinata dalla terza linea. Ma anche lui, proprio come Silvestre, va in difficoltà su Meggiorini e non riesce a mantenere le marcature come dovrebbe.

Mesbah 6 – Primo tempo di ordinaria amministrazione. All’inizio del secondo tempo salva Viviano da un tiro a botta sicura di Castro. Non dà una grossa mano all’attacco, meglio in fase di copertura grazie anche all’appoggio di Barreto.

Ivan 5 – Non brillantissima la prestazione del giovanissimo esterno. Gobbi è un ostacolo insuperabile e si limita a svolgere lavoro di copertura. Ingenuo in occasione della ripartenza gialloblu da cui nasce la rete di Inglese. Dal 46’ Palombo 6 – Entra in campo e subisce un po’ la freschezza atletica dei centrocampisti avversari. Ma ci mette l’esperienza e la grinta giusta.

Fernando 6 – In fase di possesso sa sempre cosa fare. Gestisce la palla in maniera lucida in ogni occasione. I movimenti fra le linee di Birsa gli creano qualche problema, ma riesce a contenerlo a più riprese.

Barreto 6 – Consueta gara di quantità per l’ex centrocampista del Palermo. La sua presenza in mezzo al campo si fa sentire in entrambe le fasi. Sbaglia il tempo dell’intervento sul gol di Inglese. Sfiora anche la rete nel secondo tempo.

Carbonero 6 – Giocata da applausi sul primo gol blucerchiato: numero e assist al bacio per Eder. Ha gamba e qualità, ma fatica in fase di contenimento. Le basi sono davvero ottime, ma Zenga dovrà lavorarci tanto.

Muriel 5,5 – Non lo prendono mai quando riesce a girarsi e a puntare la porta. Ma partecipa poco all’azione corale ed è continuamente chiuso nella morsa dei centrali clivensi. Sfiora il gol dell’anno dribblando mezza difesa avversaria, ma Bizzarri gli dice no. Dal 75’ Soriano sv.

Eder 6,5 – Sempre lui. Sblocca la partita con il gol numero nove in campionato – superato Higuaìn in classifica marcatori. Dovrebbe giocare da esterno sinistro, ma svaria per tutta la metà campo avversaria. Si fa vedere poco nella ripresa: Zenga se ne accorge e lo sostituisce. Dall’82’ Cassano sv

All. Zenga 5,5 – La sua Samp gioca bene nel corso del primo tempo, ma si fa sorprendere dalla ripartenza del Chievo che porta all’1-1. I clivensi sfiorano spesso la rete del vantaggio nella seconda frazione di gara e il tecnico blucerchiato rischia di perderla. Finisce 1-1 e i suoi cambi non incidono sulla gara: tardivo forse l’ingresso di Cassano.

 

Arbitro: Gavillucci 5,5 – Poco lavoro nel primo tempo: ammonisce prima Silvestre e poi Dainelli per due interventi molto simili. Partita accesissima soprattutto nel secondo tempo, ma lui riesce sempre a gestire bene la situazione. Espelle Maran per eccessive proteste, ma forse il tecnico aveva ragione.

 

TABELLINO

CHIEVO-SAMPDORIA 1-1

Chievo (4-3-1-2): Bizzarri; Cacciatore, Gamberini, Dainelli, Gobbi; Castro, Radovanovic, Hetemaj; Birsa (dal 77’ Pepe); Meggiorini (dall’83’ Rigoni), Inglese (dal 63’ Paloschi). All. Maran.

Sampdoria (4-3-3): Viviano; Cassani, Silvestre, Zukanovic, Mesbah; Ivan (dal 46’ Palombo), Fernando, Barreto; Carbonero, Muriel (dal 75’ Soriano), Eder (dall’82’ Cassano). All. Zenga.

Arbitro: Andrea Gavillucci di Latina

Marcatori: 8’ Eder (S), 34’ Inglese (C).

Ammoniti: Silvestre (S), Dainelli (C), Hetemaj (C), Meggiorini (C), Cassani (S)




Commenta con Facebook