• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > I Craque del momento > I CRAQUE DEL MOMENTO - Juventus, i 5 motivi della rinascita di Pogba

I CRAQUE DEL MOMENTO - Juventus, i 5 motivi della rinascita di Pogba

Il francese è tornato protagonista con un gran gol nella vittoria del derby


Paul Pogba (Getty Images)
Jonathan Terreni

02/11/2015 13:15

I CRAQUE DEL MOMENTO POGBA / TORINO - Paul Pogba è sempre l'uomo più chiacchierato in casa Juventus, nel bene e nel male. Dopo un avvio di stagione in ombra e pieno di critiche il francese si è preso la ribalta in occasione del derby contro il Torino di sabato. Gol dei suoi e prestazione 'alla Pogba': per molti è tornato, per altri, abituati bene, è ancora lontano dai suoi livelli. Fatto sta che lui vuole scacciare tutti i fantasmi: dalla chiacchierata scelta della nuova maglia alle continue voci di calciomercato. Ecco i 5 motivi della rinascita del 'Polpo':

1)GOL RITROVATO - Aver ritrovato il gol fa bene a tutti, soprattutto se sei in un momento difficile anche dal punto di vista psicologico. Lo sappiamo, Pogba fa solo gol bellissimi e anche contro il Torino il destro a botta sicura a scavalcare Padelli ha nella traiettoria tutto il suo talento. Ora serve la continuità, non solo in termini di reti.

2)AMICO DESCHAMPS - Il CT della Francia, Didier Deschamps, è un ottimo alleato nella carriera di Pogba. Ogni volta che torna a casa per gli impegni con la Nazionale, Deschamps esprime sempre parole di elogio e conforto verso di lui. Placa le critiche attorno alla sua figura, gli scioglie le presisoni e lo mette a suo agio. In campo poi gli ha affidato un ruolo chiave nel centrocampo ma non eccessiva leadership.

3)FIDUCIA ALLEGRI - Anche Allegri si è sempre detto tranquillo sullo stato psico-fisico di Pogba. Lo ha conosciuto lo scorso anno e non vuole perdere il suo talento. Per questo sa dell'importanza del francese in Italia e sopratttutto in Europa. Non solo carota, anche bastone. Quando c'è da bacchettarlo Allegri lo fa senza problemi: "Non avrei preso la 10. Per caratteristiche gli sta meglio la 6 o la 8". Allegri sa che deve maturare in alcune cose e non gliele nasconde, per il suo bene.

4)CARATTERE DI FERRO - Mai una parola fuori posto. Sempre la testa sul campo per voltare pagina nei momenti difficili. Il carattere a Pogba non manca di certo, lo ha sempre dimostrato. Personalità e faccia tosta quando è il lavoro a ripagare gli sforzi e ad allontanare le critiche di chi spesso lo vede giocare in infradito. Le esultanze sono sempre cariche di rabbia positiva.

5)LA 'NUOVA' 10 - Il mistero della maglia va avanti. In estate una news Juventus molto importnate: il francese ha lasciato la 6 per la 10. Scelta di marketing o scelta di cuore fatto sta che ha fatto discutere. Quella maglia è diventata pesante ad inizio stagione. Meglio alleggerirla allora con un tocco di penna che fa bene allo spirito. Molte le teorie a riguardo. 1+0+5=6: qualcuno sostiene che voglia ricordare il 'suo' numero oppure il distretto di Parigi in onore ad un amico, o il 15 del leone Barzagli. Quale che sia l'idea quello che conta è solo il campo, il resto solo chiacchiere da bar.




Commenta con Facebook