• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Fiorentina-Frosinone, Sousa: "Per la Champions serve nuova cultura"

Fiorentina-Frosinone, Sousa: "Per la Champions serve nuova cultura"

Le parole dell'allenatore viola alla vigilia del match di campionato


Paulo Sousa ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

31/10/2015 14:00

FIORENTINA FROSINONE CONFERENZA SOUSA / FIRENZE - La Fiorentina si presenta davanti al proprio pubblico per riscattare gli ultimi due ko interne (in Europa League e campionato) e dimostrare che il piccolo appannamento è davvero alle spalle come fatto vedere a Verona. Alla vigilia della partita contro il Frosinone, il tecnico viola Paulo Sousa parla in conferenza stampa. 

NAPOLI - "Ho parlato del Napoli perché è la partita che ci ha creato più difficoltà. Mi sono soffermato sulle squadre che abbiamo affrontato".

PARTITA TRAPPOLA - "Quando sulla carta si può pensare a una cosa, in campo non è così. Il Frosinone ha fatto punti contro la Juventus, con la Lazio non ha colto quanto meritava. E' una squadra che sta crescendo e dobbiamo rispettare i nostri avversari al massimo, sapendo che ogni squadra ci crea delle difficoltà- Sulla qualità individuale siamo superiori ma bisogna dimostrarlo sul campo. Per questo lavoriamo tutti i giorni perché l'intensità mentale sia sempre massima".

ZONA CHAMPIONS - "Se le persone credono in noi, significa che stiamo facendo bene. Noi sappiamo di poter competere con tutte le squadre. Poi ci sono tanti fattori, interni ed esterni, ed è per questo che parlo di cultura. Dobbiamo cambiare partendo da dentro, dai nostri calciatori".

INTER-ROMA - "Non deve condizionarci nulla. Guarderemo la partita perché ci piace il calcio ma dobbiamo essere concentrati su noi stessi. Il miglior modo per preparare la partita è essere concentrati su noi. L'orario è strano e cambia tutta la programmazione".

INFORTUNI - "Kuba ha avuto un colpo ma si è allenato. Alonso sta lavorando ma non è ancora pienamente in gruppo. Sta lavorando sul fisico, sulla condizione e per non rischiare nulla. Sono tutti a disposizione, anche Astori".

GOMEZ - "Amo tanto il calcio e mi fa piacere del successo dei protagonisti di questo sport. Per questo sono contento per lui".

BABACAR-KALINIC - "Sono compatibili perché sono calciatori completamente diversi. Uno che capisce i movimenti dei compagni, che fa reparto e sa giocare tra le linee, l'altro che usa il suo fisico non molto mobile e su questo stiamo lavorando. Credo che sono complementari e potranno essere utili durante la stagione". 

ROSSI E KALINIC - "Dopo la partita il recupero più importante è quello mentale e vincere aiuta. Poi i calciatori abituati a questo ritmo hanno più capacità di recupero. Rossi sta bene, si sente sempre più allegro e questo lo fa recuperare prima".

ROSSI-MARQUEZ - "Quando una ha fame di vincere cerca sempre di arrivarci con i mezzi che ha. Serve percepire il contesto e tutto quello che ne deriva. Marquez ha corso per non far vincere Rossi? Questa è una considerazione tua, la mia è che per vincere devi fare meglio degli altri".




Commenta con Facebook