• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, De Laurentiis: "Multeremo Insigne e Mertens". Poi il retroscena su Higuain

Napoli, De Laurentiis: "Multeremo Insigne e Mertens". Poi il retroscena su Higuain

Le parole del presidente azzurro sul momento della formazione di Sarri


Aurelio De Laurentiis ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

30/10/2015 15:05

NAPOLI DE LAURENTIIS INSIGNE MERTENS / NAPOLI - Multe in arrivo per Insigne e Mertens: Aurelio De Laurentiis durante un intervento a 'Radio 24' ha annunciato che per i due attaccanti scatterà il regolamento interno, nonostante il patron abbia provato a bloccare le ammende. 

Il numero uno del Napoli non si sbilancia sullo scudetto ("non sa cosa sto facendo in questo momento", scherza), poi entra nel merito e parla dell'arrivo di Sarri: "Mi ha conquistato la sua voglia di venire a Napoli. Per me era una garanzia e gli ho fatto capire che per difendere il club gli proponevo un contratto annuale, da rinovare o rescindere ogni anno per cinque anni. Lui voleva a tutti i costi Saponara ma non potevo comprare tutto l'Empoli. Le difficoltà iniziali? Dopo la terza partita dissi a Giuntoli di parlargli e di convincerlo a giocare con il 4-3-3. Rispetto a Benitez è più pratico: lo spagnolo cercava di non disturbare lo spogliatoio, Sarri sa rapportarsi con i calciatori e spiegare quello che vuole".

Si arriva poi alle reazioni di Insigne e Mertens: "Ho chiesto di non punirli ma non credo sia possibile per una questione di regolamento. Mi fa piacere la loro arrabbiatura, dimostrano attaccamento. Higuain? E' stata una nostra intuizione, Benitez voleva Damiao".

Si torna a parlare di titolo: "La parola magica non posso pronunciarla, i ragazzi devono essere caricati a pallettoni. Sono 6 anni consecutivi che siamo l'unica squadra italiana che gioca sempre in Europa. Qualcosa, per quanto possa valere, l'abbiamo vinta. La parola magica scudetto vediamo..."

Infine su Reina: "L'anno scorso non ci capimmo col suo procuratore, gli dissi di aspettare quattro settimane, lui invece cercava l'accordo con un altro club e quando tornò a farsi sentire gli dissi che era tardi".




Commenta con Facebook