• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Inter-Roma, sfida Scudetto come ai vecchi tempi: Mancini e Garcia scacciano i fantasmi

Inter-Roma, sfida Scudetto come ai vecchi tempi: Mancini e Garcia scacciano i fantasmi

Domani sera a 'San Siro' nuovo atto di quella che per anni è stata una partita decisiva per il titolo


Garcia e Mancini (Getty Images)
Jonathan Terreni

30/10/2015 13:27

INTER ROMA MANCINI GARCIA SFIDA SCUDETTO / MILANO - Scudetto, Coppa Italia e Supercoppa. Dal 2006 al 2010 Inter e Roma hanno dato vita a sfida decisive, entusiasmanti e quasi sempre ricche di gol. Lo spettacolo, soprattutto a 'San Siro', non è quasi mai mancato così come le polemiche che hanno alimentato negli anni una rivalità che già iniziava a farsi importante dai primi anni 2000. E così, domani sera, nella notte di Halloween c'è chi come Mancini deve combattere contro i fantasmi  di una squadra ancora troppo altalenante nelle prestazioni ma nelle zone altissime della classifica. Il tecnico nerazzurro è pronto ad alzare il muro di una difesa che al momento è la meno battuta del campionato. Dall'altra Garcia ha molte frecce al proprio arco. Il miglior attacco della Serie A aspetta solo che si sblocchi definitivamente Dzeko e allora si che saranno dolori per gli altri. De Rossi però è in dubbio. Se non dovesse farcela pronto Florenzi, con il grande ex Maicon. Sarà anche la rivincita di Ljajic, scaricato in estate dai giallorossi e decisivo contro il Bologna martedì scorso. Nella notte di Halloween Mancini e Garcia preparano un grande Inter-Roma, sfida decisiva come in passato e dal sapore di Scudetto. Di fronte la miglior difesa contro il miglior attacco. Sarà la partita degli ex Maicon e Ljajic.


MANCINI ALZA IL MURO. SENZA MELO TORNA MEDEL IN MEDIANA. ICARDI-JOVETIC E PERISIC IN AVANTI

Mancini ha un obiettivo: scacciare i fantasmi della discontinuità. La cosa positiva è che, seppur in fase di rodaggio, l'Inter è nelle zone alte della classifica e probabilmente si è ritrovata con più punti di quelli sperati ad inizio stagione. Un vantaggio sul quale si deve lavorare per migliorare gioco e continuità di rendimento. Perché se è vero che la squadra ha sempre avuto bisogno di un episodio per sbloccarsi durante la partita questo deve far riflettere. Solo nel primo tempo contro la Juventus i nerazzurri hanno approcciato la gara con la testa giusta, calando però nella ripresa. Mancini allora chiede un approccio da grande squadra perché domani sarà un test fondamentale per capire se i nerazzurri possono ambire realmente allo Scudetto. Con la squalifica di Felipe Melo, espulso a Bologna, le news Inter vedono il ritorno di Medel a centrocampo. Il cileno è sicuro che la Roma abbia ancora qualcosa in più dell'Inter. A a riposo martedì, è al momento un uomo chiave per questa squadra. Il muro difensivo ritroverà il mattone di Murillo che con Miranda forma una coppia ben assortita. In avanti poi il trio delle sfide che contano: Icardi-Perisic-Jovetic. 'Maurito', che si è sbloccato contro il Bologna, alla ricerca dell'intesa con 'Jo-Jo'. Il croato invece sta crescendo di condizione e rendimento.


GARCIA COL DUBBIO DE ROSSI. DZEKO SCALPITA PER CONSOLIDARE IL MIGLIOR ATTACCO DELLA SERIE A

La miglior difesa è l'attacco e quello giallorosso è il più prolifico del campionato. Anche a 'San Siro' Garcia non rinuncerà al gioco offensivo e rimanderà in campo Salah dopo il turno di stop, con Gervinho in grande forma dall'altra parte, in attesa di Dzeko. Non tanto per il gioco perché il bosniaco sta lavorando bene per la squadra, quanto per le reti: uno come lui ci si attende di vederlo più spesso nel tabellino marcatori. Le news Roma dicono che il dubbio di Garcia però è a centrocampo dove De Rossi dovrà attendere fino all'ultimo per capire se potrà essere della partita e domani svolgerà il provino decisivo. L'azzurro ha accusato un problema all'adduttore contro la Fiorentina ed è in dubbio. Se non dovesse farcela spazio a Florenzi con Maicon a destra. Vietato avere il 'braccino' a 'San Siro' perché tre punti vorrebbero dire tanto sia per la classifica che per il morale giallorosso e degli avversari, oltre a sancire di fatto il ruolo da grande favorita per la vittoria dello Scudetto. Un fantasma che appare da anni dalle parti di 'Trigoria'.

PIROTECNICHE SFIDE (E POLEMICHE) NEL RECENTE PASSATO. MAICON E LJAIC I GRANDI EX

Dal 2006 al 2010 Inter e Roma hanno dato vita a grandi sfide sia per lo Scudetto che per le varie coppe nazionali. 'San Siro' è stato spesso teatro di emozioni e giocate indimenticabili come la doppietta di Recoba (Inter-Roma 3-1, 2001/2002) o il gol in pallonetto di Totti (Inter-Roma 2-3, 2005/2006) che però domani non sarà disponibile. Una sfida finita quasi sempre con tanti gol (ben otto nel rocambolesco 5-3 del febbraio 2011 e sette nel 4-3 nella Supercoppa Italiana 2006/2007). L'ultimo 0-0 risale al settembre 2011. Lo scorso anno le reti di Hernanes e Icardi, intervallate da quella di Nainggolan, decisero il match a favore dei nerazzurri. Anche le polemiche non sono mai mancate, su tutte quelle in occasione della sfida del 2007/2008 con la contestatissima espulsione di Mexes per fallo su Crespo che consentì all'Inter di agguantare un pari con capitan Zanetti nel finale che di fatto consegnò il tricolore ai nerazzurri. Sarà anche la sfida dei grandi ex: Maicon da una parte e Ljajic dall'altra. Dopo 177 presenze e dopo aver vinto tutto in nerazzurro il brasiliano torna a 'San Siro' per la prima volta da avversario. Il serbo invece, scaricato nel calciomercato dell'estate da Garcia, cerca la rivincita. Dopo la prima buona prestazione nerazzurra contro il Bologna però potrebbe partire dalla panchina.




Commenta con Facebook