• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan-Chievo, Mihajlovic: "Credo nella Champions! E' lunga per Menez e Balotelli"

Milan-Chievo, Mihajlovic: "Credo nella Champions! E' lunga per Menez e Balotelli"

L'allenatore serbo ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro i 'Clivensi'


Sinisa Mihajlovic © Getty Images

27/10/2015 14:37

MILAN CHIEVO MIHAJLOVIC CONFERENZA STAMPA / MILANO - Tre punti contro il Sassuolo arrivati in extremis grazie alla testata di Luiz Adriano e la voglia di non fermarsi qua: Sinisa Mihajlovic si avvicina al match contro il Chievo. Queste le impressioni in conferenza stampa dell'allenatore del Milan: "Io credo ancora alla qualificazione alla Champions League, ma dobbiamo smettere di avere paura e cominciare a giocare con più continuità. La Juventus crede nella rimonta e sono dietro di noi, quindi..."

BOATENG - "Starà qui fino a gennaio poi vedremo il da farsi. Ci sono delle incognite legate alla condizione del suo ginocchio, ma fino ad adesso ha lavorato bene. Può fare più ruoli: trequartista o inserimento da dietro".

CERCI - "Con il 4-3-1-2 era una seconda punta adattata. Con il 4-3-3 o il 4-4-2 può invece giocare nel suo ruolo naturale. Deve migliorare a livello di testa e di atteggiamento, ma è un giocatore importante in grado di saltare l'uomo". 

MENEZ E BALOTELLI AI BOX - "Il francese speriamo di riaverlo per gennaio o febbraio, mentre per Mario devo dire che la pubalgia è strana: ti può passare anche da un giorno all'altro, ma è lunga per ora".

DONNARUMMA - "Domani gioca? Vediamo! Non scelgo per l'età, ma per le qualità che mi viene garantita. Io tecnicamente so che lui è bravo, ma volevo anche pesarne la personalità e sono soddisfatto. Non ho messo fuori Diego Lopez perché a Torino ha preso gol sul suo palo, ma perché non l'ho visto bene. Già alla Sampdoria ho gestito la dualità tra Viviano e Romero". 

MODULI - "Perché no al 4-4-2? Se mi garantisse di stare sempre 3-0 lo farei. Cambieremo schema tattico quando saremo tutti".




Commenta con Facebook