• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Altro > Moto GP, Marquez con Lorenzo e contro Valentino Rossi: il triangolo della discordia

Moto GP, Marquez con Lorenzo e contro Valentino Rossi: il triangolo della discordia

Spagnoli contro il 'Dottore'. E intanto Reggiani accusa Marquez "E' come un bambino delle elementari"


Lorenzo, Rossi e Marquez © Getty Images
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

27/10/2015 14:00

MOTO GP MARQUEZ LORENZO VALENTINO ROSSI / ROMA - Tre sarà anche il numero perfetto, ma non andatelo a dire a Valentino Rossi che suo malgrado, nel 'triangolo delle Bermuda' della Moto GP rischia di perdere un Mondiale, il decimo della sua gloriosa carriera. Tre sono i protagonisti del thriller motomondiale che tiene col fiato sospeso appassionati e non, tutti schierati da una parte o dall'altra in attesa che il Gran Premio di Valencia scriva i titoli di coda di un campionato già destinato a passare alla storia. Valentino Rossi, Marc Marquez, Jorge Lorenzo: i due della Yamaha che si contendono il titolo iridato, l'intruso della Honda che a Sepang, ha messo il bastone tra le ruote (o sarebbe meglio dire la testa sul ginocchio) del 'Dottore' per ostacolare la corsa verso l'ennesimo successo. Dal 'fattaccio' della Malesya sono passati ormai due giorni, ma non si fa che continuare a parlare di quel contatto proibito tra Marquez e Valentino Rossi nel Gp di Sepang e della conseguente penalizzazione che costringerà il pilota italiano a partite dall'ultima fila nell'ultimo Gran Premio a Valencia.

VALENTINO E MARQUEZ: C'ERAVAMO TANTO AMATI

Di piloti che si odiano, inutile girarci attorno, ne è piena la storia delle corse: umano quando corri a 300 all'ora e rischi la vita sull'asfalto. Ma tra Rossi e Marquez, fino all'anno scorso, il rapporto non era mai stato così teso. Anzi, tra i due c'era un reciproco rispetto che sfociava quasi in amicizia vera. Il 'Dottore' considerava lo spagnolo quasi una sorta di erede e dal canto suo, Marquez non aveva mai nascosto l'ammirazione nei confronti del campione di Tavullia, suo idolo da bambino. Dal web, è rispuntata anche una foto che ritrae il pilota di Cervera, giovanissimo, posare sorridente con Rossi: un'istantanea che oggi fa sorridere e riflettere. Da fan, Marquez è diventato nemico numero uno di Vale, ostacolato nella corsa al Mondiale con Jorge Lorenzo. Un comportamento che ha compattato i tifosi del 'Dottore', anche quelli più illustri: da Materazzi a Fiorello, l'Italia ha difeso Valentino Rossi dalla trappola del ragazzino spagnolo. A godere di questa faida tra i due, come succede spesso, è il terzo incomodo Lorenzo: un altro che non ha mai amato più di tanto Valentino Rossi, figuriamoci adesso che è suo compagno di squadra e avversario diretto nella lotta al Mondiale. Se Jorge abbia chiesto direttamente l'aiuto del connazionale Marquez o no, non è dato saperlo: ciò che è chiaro agli occhi di tutti è che Marquez ha scelto Lorenzo ai danni di Rossi, dando vita a quel triangolo della discordia che ha reso incandescente gli ultimi capitoli del motomondiale 2015.

REGGIANI, L'ACCUSA A MARQUEZ: "E' UN BAMBINO"

Loris Reggiani si è schierato con Valentino Rossi e contro Marc Marquez, fornendo anche un'analisi precisa che inchioda il pilosta spagnolo. L'ex centauro, oggi commentatore tv, ha studiato i tempi del Gp d'Australia (quello precedente a Sepang) che rivelano come Marquez abbia pensato solamente ad ostacolare Valentino: "Sono andato sul sito della MotoGP: e ho stampato tutti i tempi di tutti i giri di tutti i piloti, compresi gli intertempi di ogni giro ed ho riguardato la registrazione della gara. Marquez ha fatto di tutto per difendere Lorenzo da Rossi e da Iannone, poi li ha frenati un paio di volte fino a fargli perdere più di un secondo al penultimo giro e ha poi accelerato all’ultimo di un secondo, fino a raggiungere e superare, molto facilmente, Lorenzo che negli ultimi 20 giri ha sempre girato super costante tranne, guardacaso, l’ultimo giro, nel quale ha rallentato di quasi mezzo secondo e Marquez l’ha passato come fosse un doppiato, senza opporre nessuna resistenza - si legge su 'Gazzetta.it' - Chiunque abbia corso in moto sa benissimo che queste cose non succedono, certe differenze da un giro all’altro non sono per niente normali. Poi abbiamo assistito allo squallido teatrino di Marquez in Malesya, dopo che 2 giorni prima aveva dichiarato che era sorpreso dalle parole di Valentino e che non si sarebbe mai messo in mezzo a una faccenda tra altri due piloti. Avevo una enorme stima e simpatia per Marquez fino a ieri, da oggi lo considero un poveretto, un bambino delle scuole elementari che fa i dispetti al compagno che gli sta antipatico. Solo che qua si gioca con la vita. Ha messo in scena delle pagine più antisportive che abbia mai visto da quando seguo questo sport. Una condotta di gara come la sua la accetto già poco se ci si sta giocando il proprio mondiale, ma per quello di un altro proprio no, mi fa schifo! E la cosa ancora peggiore, è che Marquez queste cose non le fa per far vincere qualcuno, ma per far perdere qualcun'altro"

I DUBBI DEL DOTTORE: VALENCIA SI', VALENCIA NO

Le ruggini dell'infuocata gara di Sepang, hanno lasciato un segno nell'animo di Rossi, deluso e amareggiato sia per il comportamento scorretto di Marquez, sia per il verdetto della direzione corse che lo ha penalizzato con l'ultimo posto nella griglia di partenza del Gp di Valencia, quello che deciderà il Motomondiale. Una decisione che a caldo, ha portato Valentino Rossi a mettere in dubbio la sua partenza a Valencia: "Non so se scenderò in pista" aveva ammesso il nove volte campione del mondo. Un'ipotesi clamorosa, una scelta drastica senza precedenti per Valentino Rossi che col passare delle ore è tornato sui suoi passi ed in un 'Tweet' di oggi, ha rassicurato la marea giala: "Grazie a tutti per il fantastico supporto, leggervi mi ha aiutato a superare amarezza e incazzatura. Da oggi si lavora a Valencia". Scongiurata l'assenza a Valencia, il 'Dottore' inizia a preparare l'ultimo gran premio della stagione, quello che lo vedrà partire dal fondo della griglia e cercare l'ennesimo miracolo di una carriera superlativa per prendersi il decimo titolo mondiale.

LE COMBINAZIONI: VALENTINO ROSSI VINCE IL MONDIALE SE...

Valentino Rossi a Valencia ci sarà: partirà dall'ultimo posto in griglia di partenza e avrà sette punti di vantaggio in classifica su Lorenzo. Ecco tutte le combinazioni che possono dare il Mondiale al 'Dottore'.
Valentino Rossi vince il Mondiale se...
- Arriva davanti a Lorenzo o non fanno punti né lui né Lorenzo
- Lorenzo arriva 1° e Rossi 2°
- Lorenzo arriva 2° e Rossi almeno 3°
- Lorenzo arriva 3° e Rossi almeno 6°
- Lorenzo arriva 4° e Rossi almeno 9°
- Lorenzo arriva 5° e Rossi almeno 11°
- Lorenzo arriva 6° e Rossi almeno 12°
- Lorenzo arriva 7° e Rossi almeno 13°
- Lorenzo arriva 8° e Rossi almeno 14°
- Lorenzo arriva 9° e Rossi almeno 15°
- Lorenzo arriva 10° o peggio.




Commenta con Facebook