• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-VERONA

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-VERONA

Eder nelle vesti di direttore dell'orchestra blucerchiata che schianta il Verona. Helander il peggiore degli scaligeri


Eder (Getty Images)
Rocco Crea

25/10/2015 14:33

ECCO LE PAGELLE DI SAMPDORIA-VERONA:

 

SAMPDORIA

Viviano 6 – Ringrazia il cielo quando il pallone calciato da Pazzini nella prima frazione rotola fuori facendo la barba al palo. Per il resto guarda i compagni vincere e sulla rete di Ionita le colpe sono della difesa, non sue.

Cassani 6,5 – Sgroppa di frequente dal suo lato, anche perché Souprayen non lo attacca mai ed arriva spesso sul fondo a mettere in mezzo qualche pallone.

Silvestre 6,5 – Pazzini è un cliente scomodo ma la sua marcatura lo è altrettanto per lattaccante. Vince i duelli e conduce una gara attenta, anche se viene graziato da un fuorigioco che gli evita l'ammonizione per un intervento ai danni di Juanito Gomez.

Zukanovic  7 – Inzucca il pallone del raddoppio, in tuffo, sfruttando al meglio un grande cross di Soriano. Il gol è bellissimo e la prestazione perfetta.

Regini 6 – Pensa a difendere più che offendere, anche perché Pisano è più intraprendente di Souprayen e lo costringe a mantenere la posizione. Zenga lo incoraggia spesso, e comunque gioca una buona gara senza sbavature, collezionando anche qualche buon anticipo.

Fernando 7 – A centrocampo è una diga. Recupera palloni, cuce il gioco con la difesa e la protegge non rinunciando a far partire l’azione della Samp. Difficile rubargli il pallone perché lo protegge come fosse il suo. Prezioso.

Soriano 7,5 – Gol ed assist straordinari. Si inserisce alla perfezione sfruttando l'assist al bacio di Eder e batte Rafael in modo spietato. Il cross per Zukanovic è forte e teso, e sorprende la retroguardia di Mandorlini. Gioca una gran partita in fase offensiva.

Barreto 6,5 – Riscalda i guantoni di Rafael al 26' con una gran botta da fuori. Per il resto partita fatta di tanta sostanza, corsa ma anche qualità. Dal 74' Ivan - sv

Carbonero 6,5 – Gioca un po' a sorpresa e fa molto bene. Recupera palloni quando serve e riparte come una freccia, facendo soffrire non poco la retroguardia gialloblu con buone accelerazioni e palle messe in mezzo per i compagni.

Muriel 7,5 – Sblocca la partita al 10' approfittando di un pasticcio generale della retroguardia scaligera e scaraventa in rete il pallone del vantaggio blucerchiato. Ad ogni accelerazione dà sempre l'impressione di poter essere devastante. Nel secondo tempo Moras lo atterra in area ma Mariani non concede il calcio di rigore. Dal 62' Bonazzoli 6 -

Eder 8 – La sua partita è incantevole. Serve a Soriano un assist che lo mette di fronte a Rafael libero di siglare il 3-0. Poi firma il poker nel secondo tempo facilitato da tutti gli scricchiolii possibili della disastrata difesa gialloblu. Quasi vicino a firmare la quinta rete alla mezz’ora del secondo tempo. Dal 71' Correa 6 -

All. Zenga 7 – Dopo la sconfitta pesante patita contro il Frosinone presenta una Sampdoria carica che sbrana la partita come lui vorrebbe. I cambi sono agevolati dal risultato già ampiamente acquisito.

 

VERONA

Rafael 5 – In realtà della goleada subita non ha grandissime colpe, perlomeno sino al 3-0. Il poker, infatti, è generato da una sua uscita bassa in cui non riesce a trattenere il pallone.

Marquez 5  – Gli errori più grossi li commette Helander quest'oggi ma quattro gol subiti non permettono a nessuno di avvicinarsi alla sufficienza.

Helander 4,5 – Non riesce a spazzare l'area in occasione del gol di Muriel e rappresenta palesemente l'anello debole del terzetto di centrali difensivo. Esce alla fine del primo tempo  dopo aver sbagliato persino gli appoggi ai compagni. Dal 45' Ionita 6 – Entra al posto del disastroso Helander e firma la rete della bandiera, di testa, su corner. Tanto basta per ottenere l'unica sufficienza della squadra, anche perché disputa 45 minuti senza commettere errori.

Moras 5 – Il direttore di gara lo grazia per un fallo da rigore commesso ai danni di Muriel. A quello che può ma finisce col naufragare un gol dopo l'altro anche lui.  

Souprayen 5 – Dalle sue parti il Verona non spinge praticamente mai. Il suo apporto non è sufficiente neanche in fase di ripiegamento. Da esterno di centrocampo,

Greco 5 – Cuce il gioco fra difesa e centrocampo in qualche modo, ma non brilla. La staticità generale certamente non lo aiuta a velocizzare la manovra.

Hallfredsson 4,5 – Negativa la sua prova. Serve praticamente a Muriel il pallone del vantaggio pasticciando con la collaborazione di Helander. Molto lento in fase di spinta e macchinoso in quella di possesso. Esce giustamente. Dal 57' Matuzalem 5,5 – Entrato più che altro per porre fine alla brutta prestazione di Halfredsson.

Sala 5 – Anche lui oggi è poca cosa in fase offensiva e le sovrapposizioni alle poche scorribande del primo tempo affidate a Pisano tardano ad arrivare.

Pisano E. 5,5 – Ha più coraggio di Souprayen e si invola sulla fascia di competenza suggerendo talvolta buoni palloni, come quello per Gomez con la qualità di un rifinitore nel primo tempo. Il meno peggio della squadra, viene comunque sostituito da Mandorlini. Dal 45' Siligardi 5 – Appena entrato prova a ridare vivacità alla manovra ma conclude ben poco.

Pazzini 5 – Si sbatte per cercare di dare consistenza all’attacco veronese ma di occasioni non riesce a crearne. Sbaglia clamorosamente l'unica che gli capita fra i piedi grazie al bell’assist di Juanito Gomez.

Juanito Gomez 5,5 – Pressa bene all'inizio lì davanti e serve a Pazzini un assist al volo per pareggiare i conti che non viene però sfruttato. Poi però si spegne come tutta la squadra.

All. Mandorlini 5 – Si sbraccia, grida ed incita i suoi sino a quando rimane impassibile al gol di Ionita. I cambi non aggiungono alcuna vivacità alla manovra anche se il risultato risultava già ampiamente compromesso a quel punto.

 

Arbitro: Mariani 5 – Nega un rigore sacrosanto alla Sampdoria quando non sanziona l’atterramento di Muriel causato da Moras. Ai fini del risultato non conta praticamente nulla, per sua fortuna. Le ammonizioni sono corrette.

 

TABELLINO

 

SAMPDORIA-HELLAS VERONA 4-1

Sampdoria (4-3-3): Viviano, Cassani, Silvestre, Zukanovic, Regini, Barreto (dal 74' Ivan), Fernando, Soriano, Carbonero, Eder (dal 71' Correa), Muriel (dal 62' Bonazzoli). A disposizione: Puggioni, Brignoli, De Silvestri, Pereira, Moisander, Palombo, Rocca, Cassano, Rodriguez A. All. Zenga

Hellas Verona (3-5-2): Rafael, Moras, Marquez, Helander (dal 45' Ionita), Suoprayen, Sala, Greco, Hallfredsson (dal 57' Matuzalem), Pisano E. (dal 45' Siligardi), Pazzini, Juanito Gomez. A disposizione:  Gollini, Coppola, Bianchetti, Jankovic, Zaccagni. All. Mandorlini

Marcatori: 10' Muriel (S), 28' Zukanovic (S), 45' Soriano (S), 53' Eder (S), 75' Ionita (V)

Arbitro: Maurizio Mariani (Sez. di Aprilia)

Ammoniti: 37' Juanito Gomez (V), 58' Cassani (S), 70' Fernando (S)

Espulsi: 




Commenta con Facebook