• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, sfida a due Spalletti-Brocchi per il dopo Mihajlovic

Calciomercato Milan, sfida a due Spalletti-Brocchi per il dopo Mihajlovic

Il tecnico serbo deve battere il Sassuolo per non essere esonerato


Luciano Spalletti (Getty Images)
Marco Di Federico

23/10/2015 09:45

CALCIOMERCATO MILAN MIHAJLOVIC SPALLETTI BROCCHI / MILANO - Sassuolo e Chievo Verona. Due gare per decidere le sorti di Sinisa Mihajlovic, al bivio dopo i risultati deludenti di questo inizio stagione. Le ultime notizie relative al calciomercato Milan parlano di una fiducia a tempo per il serbo: se dovesse battere il Sassuolo, allora potrebbe salvare la panchina anche fino alla sfida di Roma contro la Lazio del 1° novembre; se dovesse arrivare solo un pareggio sarà contro il Chievo, sempre a 'San Siro' nel turno infrasettimanale, che si deciderà il suo futuro. Ovviamente, una sconfitta già contro la squadra di Di Francesco porterebbe ad un cambio immediato in panchina.

Chi al posto di Sinisa? Perché il Milan deve far fronte ad una situazione non facile dal punto di vista contrattuale: legati ai rossoneri fino al 30 giugno 2016 ci sono infatti sia Clarence Seedorf - che è già stato del tutto liquidato in modo da poterlo inserire nello scorso bilancio - sia Filippo Inzaghi, che invece deve incassare i suoi 900mila euro di stipendio. Difficile, dunque, mettere a libro paga un altro tecnico, ma dopo gli 80 milioni di euro spesi in estate, Berlusconi non accetta un'altra stagione senza l'accesso almeno in Europa League. Come scrive oggi la 'Gazzetta dello Sport', il patron ha un debole per Brocchi, attuale tecnico della Primavera, ma c'è il rischio di bruciarlo come già avvenuto con Inzaghi.

Ecco perché il nome in pole sarebbe quello di Luciano Spalletti, libero dopo l'esperienza allo Zenit San Pietroburgo ed accostato più volte negli anni scorsi al Milan: quello dell'ex tecnico della Roma è un calcio offensivo, come piace a Berlusconi, ma c'è da capire se Spalletti accetterà di entrare in corsa con una squadra costruita non da lui sul calciomercato. In lizza, ma al momento solo nelle retrovie, anche Roberto Donadoni.




Commenta con Facebook