• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Fiorentina, Valero: "Ecco cosa ha Sousa più di Montella. Nazionale? Non ho antenati italiani"

Fiorentina, Valero: "Ecco cosa ha Sousa più di Montella. Nazionale? Non ho antenati italiani"

Il centrocampista viola ha parlato anche di Kalinic e Joaquin


Borja Valero © Getty Images
Maurizio Russo

19/10/2015 11:31

FIORENTINA BORJA VALERO SOUSA MONTELLA / MADRID (Spagna) - "Con Paulo Sousa siamo un po' più concreti, in alcune partite abbiamo giocato peggio rispetto agli standard degli anni scorsi, ma siamo molto più compatti in difesa e gli avversari hanno difficoltà a creare occasioni da gol. Rispetto a Montella ha molto più carattere. Dice le cose in faccia a chiunque e in qualsiasi circostanza. Vuole convincerci ancora di più a credere nelle nostre possibilità e che siamo in grado di possiamo battere chiunque. Avevo sentito parlare bene di lui e non mi sorprende quello che sto vedendo". Pensieri e parole di Borja Valero, simbolo della Fiorentina prima in Serie A nonostante la sconfitta di Napoli. Ma non chiamatelo leader: "No, non lo sono. Per fortuna o per sfortuna siamo una squadra senza i grandi nomi, la nostra forza è il gruppo - prosegue il mediano spagnolo a 'El Pais' - Io sono uno dei più vecchi e con più esperienza, cerco di metterla al servizio della squadra. L'addio di Joaquin? Credo sia stata una scelta di vita, ha pensato che fosse giunto il momento di tornare a casa sua. Come amico sono felice che sia felice. Ci siamo sentiti dopo queste vittorie e lui mi ha risposto: 'bastardi, adesso vincete!'. Kalinic lo adoro: è un attaccante che si muove molto e per un centrocampista che ama fare assist è l'ideale". Infine una rivelazione sulla chiamata della Nazionale che continua a non arrivare: "Qualche tempo fa mi è stato chiesto se per caso avessi un antenato italiano per poter essere convocato in Azzurro, ma non è così e quindi devo sperare nella chiamata della Spagna. La speranza è l’ultima a morire ma credo che sarà molto complicato andare all'Europeo".




Commenta con Facebook