• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, intercettazione Galliani-Ghedini: comunicato UFFICIALE

Milan, intercettazione Galliani-Ghedini: comunicato UFFICIALE

Nota, firmato dall'avvocato di Berlusconi, sul sito rossonero


Adriano Galliani ©Getty Images

15/10/2015 13:41

MILAN GHEDINI-GALLIANI INTERCETTAZIONE COMUNICATO STAMPA/ MILANO - Presa di posizione dell'avvocato Nicolò Ghedini, attraverso un comunicato stampa pubblicato sul proprio sito ufficiale, in merito all'intercettazione di una telefona tra Galliani e l'avvocato di Berlusconi e dello stesso amministratore delegato rossonero, pubblicata in mattinata:

"Con grave violazione di legge che sarà perseguita in ogni sede è stata pubblicata quest'oggi sul Corriere della Sera una mia recentissima conversazione telefonica intercorsa con Adriano Galliani che assisto quale difensore.

Si tratta della pubblicazione della conversazione di un difensore, vietata per legge, che non mi risulta ancora nella disponibilità delle parti e per cui comunque vige l'obbligo di distruzione o quantomeno non pubblicazione.

Vi è fra l’altro una assoluta invenzione ove si prospetta che la telefonata sarebbe avvenuta prima delle audizioni all'antitrust, che invece per quanto attiene RTI vi erano già ampiamente state.

Come è facile intuire si trattava soltanto di conoscere chi fossero i colleghi che seguivano la Lega Calcio per ottenere da loro ulteriore documentazione utile anche per il procedimento penale per cui in data 28 settembre vi era stato da parte mia un accesso presso la Procura della Repubblica di Milano, ampiamente riportato dalla stampa.

Fra l'altro, non vi fu necessità alcuna poi di contattare quei colleghi avendo reperito direttamente tutti i documenti.

Che vi possa essere una coincidenza di posizioni di fronte all'antitrust fra tutti i soggetti chiamati a rispondere in concorso è talmente ovvio ed evidente che non merita commento alcuno.

Sarà comunque investita l'autorità giudiziaria per far luce su questo gravissimo episodio che incide pesantemente sulle libertà e sui diritti costituzionali della difesa.

 

Avv. Niccolò Ghedini".

 

M.S.




Commenta con Facebook