• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Chievo Verona > Chievo, Frey: "Quel lunedì avrei dovuto firmare con la Roma, ma il giorno prima..."

Chievo, Frey: "Quel lunedì avrei dovuto firmare con la Roma, ma il giorno prima..."

Il difensore gialloblu rivela un retroscena di calciomercato sul suo passato


Nicolas Frey (Calciomercato.it)

14/10/2015 12:50

CALCIOMERCATO ROMA INTERVISTA NICOLAS FREY A GOAL / ROMA - Il calciatore del Chievo Nicolas Frey ha concesso un'intervista a 'goal.com' di cui vi riportiamo alcuni estratti sul calciomercato:

RETROSCENA ROMA - "Nel 2008 scelsi il Chievo perché credevo di poter avere più spazio. Ero giovane, sentivo il bisogno di giocare, ma arrivati a dicembre avevo fatto 3 partite. Allora andai dal direttore Sartori e chiesi di essere ceduto, ricevendo il via libera. C'erano Treviso e Ascoli interessate, poi è arrivata la Roma. Accettai di corsa: lunedì dovevo firmare, ma la domenica giocai contro la Samp e fui eletto migliore in campo. Non mi hanno più lasciato andare. Chissà cosa sarebbe successo se avessi giocato male... Ormai credo che la Roma sia una storia chiusa, però è vero che sono anni che se ne parla. Alla fine della prima stagione mi avevano chiesto di nuovo ma il DS Sartori chiese una cifra altissima e non se ne fece più nulla. Ora sinceramente non ci penso più".

IL CHIEVO - "Il periodo da svincolato? Era finito il mio contratto col Chievo e la mia fidanzata era incinta con un parto complicato. Lei e le mie due figlie restarono in terapia intensiva un mese e io mollai tutto per star loro vicino. In ospedale arrivò una telefonata dal presidente Campedelli e dal DS Sartori, avevano saputo dei miei problemi e chiesero se potevano essere d'aiuto. Un gesto che non dimenticherò mai. Qui è davvero come essere in famiglia".

NOSTALGIA FRANCIA - "Ho tanta nostalgia della Francia. A me piace tantissimo il mio Paese, quando smetterò di giocare tornerò a casa".


S.D.




Commenta con Facebook