• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > FOTO E VIDEO CM.IT - Italia-Norvegia 2-1, da Cannavaro a Ferrero: tutti i commenti dall'Olimpico

FOTO E VIDEO CM.IT - Italia-Norvegia 2-1, da Cannavaro a Ferrero: tutti i commenti dall'Olimpico

La Nazionale di Conte ha chiuso il girone di qualificazione a Euro 2016 da prima in classifica


Fabio Cannavato (Calciomercato.it)
Dagli inviati Eleonora Trotta, Federico Scarponi, Andrea Corti e Valerio Cassetta

14/10/2015 11:40

FOTO E VIDEO CM.IT ITALIA-NORVEGIA DA EDER A FERRERO TUTTI I COMMENTI DALLO STADIO OLIMPICO / ROMA - E' terminata come meglio non poteva, con una vittoria in rimonta contro la Norvegia 2-1 allo stadio Olimpico di Roma valsa il primato nel girone eliminatorio, il cammino dell'Italia di Antonio Conte per le qualificazioni a EURO 2016. Calciomercato.it ha seguito la partita, evento principale delle ultime news Italia, grazie ai suoi inviati presenti all'interno dello stadio capitolino, raccogliendo i commenti dei calciatori azzurri e di altri addetti ai lavori accorsi all'impianto per assistere al match.

Fabio Cannavaro, intervenuto ai microfoni dei cronisti presenti allo stadio tra cui gli inviati di Calciomercato.it, ha dichiarato nel pre-partita: "Io allenatore della Nazionale? La cosa importante è che voglio fare l'allenatore. Se Conte andasse via, l'Italia perderebbe tanto perché è un grande tecnico". Poi, a fine match: "Ho visto una bella Italia, si vede la mano dell'allenatore".

Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, intervenuto ai microfoni dei cronisti presenti allo stadio tra cui gli inviati di Calciomercato.it nel pre-partita, ha dichiarato: "Caso Infront? Mi dispiace per Preziosi. Se succede qualcosa ai diritti tv il calcio si fermerà". Poi, nel post-match: "Ho visto una bella partita contro una squadra molto motivata che doveva vincere per forza. I ragazzi hanno mostrato un grande orgoglio. Eder? Un po' acciaccato, ma pensate anche il 'New York Times' parla di lui".

Lo stesso Eder ha parlato al termine della partita in zona mista ai microfoni dei cronisti, tra cui i nostri inviati: "L'Italia può sempre crescere. Lavoriamo tanto, si vede la mano dell'allenatore e che il gruppo segue il tecnico. E anche quelli che entrano fanno sempre la differenza. Come sto? Mi fa male un po' il ginocchio, lo stesso che mi faceva male a giugno. Vediamo nei prossimi giorni. La Samp? La prossima partita sarà tosta ma dobbiamo iniziare a vincere anche in trasferta se vogliamo stare in alto in classifica".

Il suo compagno di squadra Soriano ha parlato così ai cronisti, tra cui gli inviati della nostra redazione: "Se facciamo le cose per bene, possiamo fare delle grandi cose. Se sto crescendo? Si in Nazionale è diverso dalla Serie A. Qui mi confronto con giocatori più forti è davvero una bella sfida".

Il centrocampista della Lazio Marco Parolo, all'uscita dallo stadio, ha dichiarato ai cronisti presenti, inviati di Calciomercato.it inclusi: "Come sto? Vedremo domani...".

Il calciatore del Milan Riccardo Montolivo ha commentato i fischi ricevuti: "Ci stanno i fischi, anche se dispiace. In un match del genere un gol di scarto è davvero poco -  ha affermato in zona mista dove erano presenti anche i nostri inviati - Modulo? Dipende da tante cose, abbiamo una rosa che ci permette di cambiare anche durante la gara".

Ecco le parole di Antonio Conte nella conferenza stampa post Italia-Norvegia, raccolte anche dai nostri inviati: "Ci siamo trovati sotto immeritatamente, ma abbiamo lottato ed ottenuto quello che volevamo. Ho ripetuto 'Fenomeni' dopo il gol di Pellè? Siamo stati molto bravi, giusta mentalità". Poi continua: "Devo fare un plauso alla Norvegia comunque, meritava davvero di andare agli Europei e sono convinto che ce la faranno agli spareggi". 

Tanto lavoro, ma anche risultati: "Questa squadra l'ho sempre sentita mia, da subito. Stiamo crescendo sotto aspetti tattici anche se è difficile lavorare con così poco tempo. I giocatori stanno assimilando bene tutti i cambi di schema. Devo ringraziare i ragazzi, che ci mettono voglia e disponibilità ed in questo modo nessun obiettivo è precluso. Al di là dei risultati, puntiamo a dare emozioni alla gente con sacrificio, voglia. Questa gara contava poco per la qualificazione ma molto per mentalità che deve essere vincente".

Infine, una battuta sulla Juventus. "Italia operaia e vincente come la mia prima Juve? Non so se ci sono analogie, però in entrambi i casi ho trovato grande disponibilità".




Commenta con Facebook