• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > Albania, Manaj: "Su di me tutte bugie, non mando sms a De Biasi"

Albania, Manaj: "Su di me tutte bugie, non mando sms a De Biasi"

L'attaccante albanese: "Non mi guadagno le cose leccando e pregando"


Rey Manaj ©Getty Images

13/10/2015 15:17

INTER MANAJ ALBANIA DE BIASI/ ROMA - Al centro di una querelle in patria con la Nazionale albanese e il ct Gianni De Biasi, l'attaccante dell'Inter Rey Manaj si è sfogato su Facebook rispondendo al selezionatore dell'Albania: "Ho visto tanti articoli che mi hanno dato molto fastidio, cose non vere riportate da persone che rappresentano la Nazionale maggiore. Gli articoli usciti e che stanno continuando ad uscire, non sono assolutamente veri, sono tutte bugie. Non ho mai guadagnato le cose 'leccando e pregando' nessuno, ho sempre guadagnato tutto con il sudore e la sincerità insegnata dalla mia famiglia. Quindi visto che De Biasi dice che gli scrivo tutti i fine settimana, faccia vedere a tutti i messaggi. Gli ho scritto una sola volta dopo la partita con la Serbia, fino a quella data non avevo nemmeno il suo numero. Pubblico questo perché non voglio che mi siano messi i piedi in testa con bugie su di me, le persone che mi vogliono bene e tutto lo stato albanese sanno che io do' tutto per quella maglia, non attraverso i messaggi che non ho mai mandato a De Biasi. Ho scritto questo perché sono consapevole di non aver mai venduto la faccia e il cuore a nessuno, ma per il mio popolo sono stato sempre sincero". Il riferimento di Manaj è alle dichiarazioni di Gianni De Biasi riportate dal sito albanese 'Gazeta Tema' con le quali il ct avrebbe dichiarato che l'attaccante dell'Inter è solito mandargli sms ogni fine settimana, invitandolo però a dimostrare di meritare la convocazione sul campo.

S.F.




Commenta con Facebook